Principale
Cibo

Iperplasia della prostata

L'iperplasia della prostata (adenoma prostatico) è una malattia urologica comune in cui si verifica la proliferazione degli elementi cellulari della prostata, che provoca la compressione dell'uretra e, di conseguenza, i disturbi della minzione. La neoplasia si sviluppa dalla componente stromale o dall'epitelio ghiandolare.

Il più delle volte, la malattia viene diagnosticata in 40-50 anni. Secondo le statistiche, fino al 25% degli uomini sopra i 50 anni ha sintomi di iperplasia prostatica, in 65 anni la malattia è stata riscontrata nel 50% dei maschi e in età avanzata - in circa l'85% degli uomini.

Con un trattamento tempestivo e opportunamente selezionato, la prognosi è favorevole.

La ghiandola prostatica (prostata) è una ghiandola tubulare-alveolare androgena dipendente dalla secrezione esterna, che si trova sotto la vescica, attraverso la quale passa la parte iniziale dell'uretra - la ghiandola prostatica copre circolarmente il collo dell'uretra e la sua sezione prossimale. I dotti escretori della ghiandola si aprono nell'uretra. La prostata è in contatto con il diaframma pelvico, l'ampolla rettale.

Le funzioni della ghiandola prostatica sono controllate da androgeni, estrogeni, ormoni steroidei e ormoni ipofisari. La secrezione prodotta dalla prostata viene rilasciata durante l'eiaculazione, prendendo parte alla diluizione dello sperma.

La ghiandola prostatica è formata dal tessuto ghiandolare stesso, oltre che dal muscolo e dal connettivo. Il processo di iperplasia, cioè crescita patologica, di solito inizia nella zona transitoria della ghiandola prostatica, dopo di che si verifica la crescita policentrica dei nodi, seguita da un aumento del volume e della massa della ghiandola. Un aumento delle dimensioni del tumore porta a uno spostamento del tessuto prostatico verso l'esterno, la crescita è possibile sia nella direzione del retto che nella direzione della vescica

Normalmente, la ghiandola prostatica non interferisce con il processo di minzione e il funzionamento dell'uretra nel suo insieme, poiché, sebbene si trovi intorno alla parte posteriore dell'uretra, non lo spreme. Con lo sviluppo dell'iperplasia prostatica, l'uretra prostatica viene compressa, il suo lume si restringe, rendendo difficile la fuoriuscita dell'urina.

Cause e fattori di rischio

Una delle principali cause di iperplasia prostatica è una predisposizione genetica. La probabilità della malattia è significativamente aumentata in presenza di parenti stretti affetti da iperplasia prostatica.

Inoltre, i fattori di rischio includono:

  • cambiamenti ormonali (prima di tutto, uno squilibrio tra androgeni ed estrogeni);
  • disordini metabolici;
  • processi infettivi-infiammatori del tratto urogenitale;
  • età avanzata;
  • attività fisica insufficiente, in particolare uno stile di vita sedentario, che contribuisce al ristagno della pelvi;
  • ipotermia;
  • cattive abitudini;
  • cattiva alimentazione (alto contenuto nella dieta di cibi grassi e carne con una quantità insufficiente di fibre vegetali);
  • esposizione a fattori ambientali avversi.

Gli obiettivi principali del trattamento dell'iperplasia prostatica sono di eliminare i disturbi urinari e prevenire un ulteriore sviluppo della malattia, che causa gravi complicanze della vescica e dei reni.

Forme della malattia

A seconda della direzione della crescita, l'iperplasia prostatica è divisa in:

  • subvesical (la neoplasia cresce verso il retto);
  • intravescicale (il tumore cresce verso la vescica);
  • retrotrigonal (il tumore è localizzato sotto il triangolo della vescica);
  • multifocale.

Per caratteristica morfologica, l'iperplasia prostatica è classificata in ghiandolare, fibrosa, miomatosa e mista.

Stadio della malattia

Nel quadro clinico dell'iperplasia prostatica, a seconda dello stato degli organi e delle strutture del tratto urogenitale, si distinguono le seguenti fasi:

  1. Compensazione. È caratterizzato da ipertrofia compensata del detrusore della vescica, che assicura la completa evacuazione delle urine e non presenta alterazioni del funzionamento dei reni e delle vie urinarie.
  2. Subindemnification. La presenza di alterazioni degenerative del detrusore, segni di urina residua, sindrome disurica, ridotta funzionalità renale.
  3. Scompenso. Interruzione della funzione del detrusore della vescica, presenza di uremia, esacerbazione dell'insufficienza renale, scarica involontaria di urina.

Sintomi di iperplasia prostatica

La malattia si sviluppa gradualmente. La gravità dei sintomi dell'iperplasia prostatica dipende dallo stadio.

Le principali caratteristiche della fase iniziale del processo tumorale sono la minzione frequente, la nicturia. La ghiandola prostatica è ingrandita, i suoi confini sono chiaramente delineati, la trama è densamente elastica, la corrente urinaria nel processo di urinazione è normale o un po 'pigra. Palpazione del solco mediano della prostata indolore, ben palpabile. La vescica viene completamente svuotata. La durata di questa fase è di 1-3 anni.

Nella fase di sottocompensazione, la compressione dell'uretra con una neoplasia è più pronunciata, la presenza di urina residua e ispessimento delle pareti della vescica sono caratteristiche. I pazienti lamentano una sensazione di svuotamento incompleto della vescica dopo la minzione, a volte di scarico involontario di una piccola quantità di urina (perdita). Ci possono essere segni di insufficienza renale cronica. L'urina durante la minzione viene escreta in piccole porzioni, può essere torbida e contenere sangue. Le pietre possono formarsi nella vescica a causa della congestione.

Sullo sfondo dell'iperplasia prostatica, si possono sviluppare gravi patologie del tratto urinario: urolitiasi, pielonefrite, cistite, uretrite, insufficienza renale cronica e acuta, diverticoli della vescica.

Allo stadio scompensato della malattia, il volume di urina escreta è insignificante, l'urina può essere espulsa goccia a goccia, è torbida, con una miscela di sangue (arrugginita). La vescica è dilatata con una grande quantità di urina residua.

I sintomi di iperplasia prostatica nelle fasi successive includono perdita di peso, sensazione di secchezza delle fauci, odore di ammoniaca nell'aria espirata, perdita di appetito, anemia e stitichezza.

diagnostica

La diagnosi di iperplasia prostatica si basa su dati provenienti dalla raccolta di denunce e anamnesi (inclusa la famiglia), dall'esame del paziente, nonché da una serie di studi strumentali e di laboratorio.

Durante l'esame urologico viene valutata la condizione degli organi genitali esterni. La ricerca delle dita consente di determinare lo stato della ghiandola prostatica: il suo contorno, il dolore, la presenza di solchi tra i lobi della ghiandola prostatica (normalmente presenti), le aree di compattazione.

Assegnare esami del sangue generali e biochimici (determinati dal contenuto di elettroliti, urea, creatinina), analisi delle urine (presenza di leucociti, eritrociti, proteine, microrganismi, glucosio). Viene determinata la concentrazione di antigene prostatico specifico (PSA) nel sangue, il cui contenuto aumenta con l'iperplasia prostatica. Può essere necessaria una coltura urologica batteriologica per escludere malattie infettive.

I principali metodi strumentali sono:

  • ecografia transrettale (determinazione della dimensione della ghiandola prostatica, della vescica, del grado di idronefrosi, se presente);
  • Urofluometria (determinazione della portata urinaria);
  • revisione e urografia escretoria; e altri

Il più delle volte, la malattia viene diagnosticata in 40-50 anni. Secondo le statistiche, fino al 25% degli uomini sopra i 50 anni ha sintomi di iperplasia prostatica.

Se necessario, la diagnosi differenziale con tumore alla vescica o urolitiasi ricorrere alla cistoscopia. Questo metodo è anche mostrato in presenza di una storia di malattie trasmesse sessualmente, cateterizzazione prolungata e lesioni.

Trattamento dell'iperplasia prostatica

Gli obiettivi principali del trattamento dell'iperplasia prostatica sono di eliminare i disturbi urinari e prevenire un ulteriore sviluppo della malattia, che causa gravi complicanze della vescica e dei reni.

In alcuni casi, limitato all'osservazione dinamica del paziente. L'osservazione dinamica implica controlli regolari (con un intervallo di sei mesi o un anno) dal medico senza alcuna terapia. Le tattiche incinte sono giustificate in assenza di manifestazioni cliniche pronunciate della malattia con l'assenza di indicazioni assolute per la chirurgia.

Indicazioni per la terapia farmacologica:

  • la presenza di segni della malattia che causano ansietà al paziente e riducono la sua qualità di vita;
  • la presenza di fattori di rischio per la progressione del processo patologico;
  • preparare il paziente per la chirurgia (al fine di ridurre il rischio di complicanze postoperatorie).

Come parte della terapia farmacologica per l'iperplasia prostatica, può essere prescritto quanto segue:

  • α selettivo1-bloccanti adrenergici (efficaci nel caso di ritenzione urinaria acuta, compresa la genesi postoperatoria, in cui è impossibile svuotare una vescica piena per 6-10 ore dopo l'intervento, migliorare l'attività cardiaca con la concomitante cardiopatia coronarica);
  • Inibitori della 5-alfa reduttasi (ridurre le dimensioni della ghiandola prostatica, eliminare l'ematuria macroscopica);
  • preparati a base di estratti vegetali (riduzione dei sintomi).

In caso di ritenzione urinaria acuta, l'ospedalizzazione con cateterizzazione della vescica è indicata per un paziente con iperplasia prostatica.

La terapia sostitutiva con androgeni viene eseguita in presenza di segni clinici e di laboratorio di deficit androgenico nell'età.

Sono state formulate ipotesi circa la possibile malignità dell'iperplasia prostatica (cioè la reincarnazione nel cancro), ma non sono state dimostrate.

Le indicazioni assolute per il trattamento chirurgico dell'iperplasia prostatica sono:

  • recidiva di ritenzione urinaria acuta dopo la rimozione del catetere;
  • mancanza di un effetto positivo dalla terapia conservativa;
  • la formazione di un grande diverticolo o di calcoli alla vescica;
  • processi infettivi cronici del tratto urogenitale.

L'intervento chirurgico per l'iperplasia prostatica è di due tipi:

  • adenomectomia - asportazione di tessuto iperplastico;
  • prostatectomia - resezione della prostata.

L'operazione può essere eseguita con metodi tradizionali o minimamente invasivi.

L'adenomectomia transvesica con accesso attraverso la parete della vescica è abitualmente utilizzata in caso di crescita intratrigonale del tumore. Questo metodo è piuttosto traumatico rispetto agli interventi minimamente invasivi, ma con un alto grado di probabilità fornisce una cura completa.

La resezione transuretrale della prostata è caratterizzata da alta efficienza e bassa invasività. Questo metodo endoscopico implica che non vi è alcuna necessità di dissezionare i tessuti sani quando ci si avvicina alla zona interessata, consente di ottenere un controllo affidabile dell'emostasi e può anche essere eseguito in pazienti di età avanzata e senile in presenza di comorbidità.

L'ablazione dell'ago transuretrale della ghiandola prostatica consiste nell'introdurre elettrodi ad ago nel tessuto iperplastico della ghiandola prostatica con successiva distruzione di tessuti patologici mediante esposizione a radiofrequenza.

La vaporizzazione transuretrale della prostata viene effettuata mediante un elettrodo a rullo (elettrovaporizzazione) o un laser (vaporizzazione laser). Il metodo consiste nell'evaporazione del tessuto iperplastico della ghiandola prostatica con la sua simultanea essiccazione e coagulazione. Anche per il trattamento dell'iperplasia prostatica può essere applicato il metodo di criodistruzione (trattamento con azoto liquido).

L'embolizzazione delle arterie prostatiche si riferisce alle operazioni endovascolari e consiste nel bloccare i polimeri medici delle arterie che alimentano la ghiandola prostatica, il che porta alla sua riduzione. L'operazione viene eseguita in anestesia locale con accesso attraverso l'arteria femorale.

Al fine di ridurre il rischio di iperplasia prostatica, si raccomanda di ricorrere tempestivamente a cure mediche ai primi segni di disturbi urinari, nonché di esami profilattici annuali da parte dell'urologo al raggiungimento dei 40 anni di età.

L'enucleazione endoscopica con laser all'olmio dell'iperplasia prostatica viene eseguita utilizzando un laser al olmio 60-100 W. Durante l'operazione, il tessuto prostatico iperplastico viene espulso nella cavità della vescica, dopo di che i nodi adenomatosi devono essere rimossi per mezzo di un endomorlocator. L'efficacia di questo metodo è vicina a quella con adenomectomia aperta. I vantaggi sono minori probabilità di complicanze rispetto ad altri metodi e un periodo di riabilitazione più breve.

Si raccomanda al paziente di seguire una dieta ad eccezione di cibi piccanti, speziati, grassi, bevande alcoliche.

Possibili complicazioni e conseguenze

Sullo sfondo dell'iperplasia prostatica, si possono sviluppare gravi patologie del tratto urinario: urolitiasi, pielonefrite, cistite, uretrite, insufficienza renale cronica e acuta, diverticoli della vescica. Inoltre, la conseguenza di una iperplasia trascurata può essere l'orchiepididimite, la prostatite, il sanguinamento dalla ghiandola prostatica, la disfunzione erettile. Sono state fatte supposizioni su possibili malignità (cioè reincarnazione in cancro), ma non sono state provate.

prospettiva

Con un trattamento tempestivo e opportunamente selezionato, la prognosi è favorevole.

prevenzione

Al fine di ridurre il rischio di iperplasia prostatica, sono raccomandati i seguenti:

  • al raggiungimento di 40 anni - esami preventivi annuali da parte di un urologo;
  • appello tempestivo per l'assistenza medica ai primi segni di disturbi urinari;
  • rifiuto di cattive abitudini;
  • evitare l'ipotermia;
  • dieta equilibrata;
  • vita sessuale regolare con un partner regolare;
  • sufficiente attività fisica.

Le cause principali, i sintomi e il trattamento dell'iperplasia prostatica

L'iperplasia prostatica benigna (IPB) è una condizione patologica che si sviluppa nelle persone di età superiore ai 40 anni. Secondo le statistiche, circa la metà delle persone con più di 50 anni si lamentano dei sintomi del tratto urinario associati a questo disturbo. Mentre il corpo invecchia, questo indicatore aumenta in modo significativo. Negli uomini dopo 80 anni, questa violazione viene diagnosticata nel 90% delle situazioni.

motivi

Stai attento!

Prima di leggere ulteriormente, ti farò 1 domanda. Stai ancora cercando un metodo di lavoro per regolare la potenza?

Mi affretto a metterti in guardia, la maggior parte dei farmaci per la potenza - questo è un divorzio completo dei marketer, che truffano il centinaia di percento di droghe, il cui costo è vicino allo zero. Tutto andrebbe bene, e sembra che le droghe simili al Viagra funzionino. MA.

Praticamente tutte le compresse per la potenza creano dipendenza.

Tutto è molto semplice, dopo aver bevuto solo poche volte il mezzo per la potenza, non sarai in grado di dormire assolutamente nulla senza l'aiuto di questo strumento. Questo non è casuale, perché la mafia della farmacia fa enormi guadagni sulle vendite ripetute. Ti siedi sull'ago.

Ma cosa succede se la forza non è abbastanza? Abbiamo studiato una grande quantità di materiali e, cosa più importante, abbiamo verificato nella pratica la maggior parte dei mezzi per la potenza. Quindi, si è scoperto che il solo farmaco che non causa dipendenza e alcun effetto collaterale è Prestanol. Questo farmaco non è venduto in farmacia e non è pubblicizzato su Internet, è costituito da ingredienti naturali e completamente esclude la chimica. Ecco un link al sito ufficiale.

Il fattore principale che provoca il lancio dell'aspetto dell'iperplasia prostatica è la trasformazione dell'equilibrio degli ormoni nel corpo maschile. Come invecchiamento, il metabolismo del testosterone è disturbato. Nello stesso momento più ormoni femminili - gli estrogeni entrano nel sangue. Queste sostanze sono attive nella prostata.

In questo caso, gli estrogeni possono accumularsi per molti anni, portando a varie manifestazioni di iperplasia prostatica. Questo è il motivo per cui nella fase iniziale di sviluppo della malattia, può essere rilevato esclusivamente mediante ultrasuoni. Prima si stabiliscono le cause dell'iperplasia prostatica e si sceglie la terapia, migliori saranno i risultati.

Quasi sempre, l'iperplasia prostatica è combinata con una forma cronica di lesione infiammatoria della prostata. Ciò porta a esacerbazioni della malattia in autunno e primavera. È in questo momento che si verificano le recidive di prostatite cronica.

L'iperplasia della prostata raramente diventa un singolo disturbo. Abbastanza spesso, è unito a urolitiasi, prostatitis, uretrit. Inoltre, questa patologia può essere combinata con ematuria, idronefrosi, cistite.

Classificazione e sintomi

L'iperplasia prostatica ha un quadro clinico distinto. Tuttavia, i sintomi dipendono direttamente dallo stadio della malattia.

I medici distinguono i seguenti tipi di patologia:

  1. Fase compensata Questo stadio di iperplasia prostatica è considerato il primo e il più sicuro. Questa forma della malattia è caratterizzata da una leggera ritenzione urinaria. Negli uomini, c'è un flusso debole di urina, un aumento di urgenza, che sono particolarmente spesso disturbati durante la notte.

Durante la diagnosi, è possibile rilevare un ingrossamento della prostata con limiti chiari. In questo caso, il solco mediano può essere facilmente palpato, non provoca dolore. La vescica è completamente svuotata. Questo stadio è presente per 1-3 anni.

  1. Fase subcompensata In questa fase, l'uretra è fortemente compressa. Questa situazione impedisce alla vescica di funzionare al massimo del suo potenziale e ne impedisce lo svuotamento. Per questa fase, si osservano anche piccoli volumi di urina, che vengono rilasciati in modo incontrollato quando l'organo viene riempito. Inoltre, nell'iperplasia prostatica, l'urina cambia colore - acquisisce una consistenza torbida e impurità sanguinolente.
  2. Fase scompensata. In questa fase, c'è un allungamento della bolla, dal momento che rimane un bel po 'di liquido al suo interno. Quando il volume della prostata cresce troppo, l'urina viene eliminata gradualmente. A causa della stagnazione, diventa saturo di impurità del sangue. Anche a questo stadio dell'iperplasia prostatica, il corretto funzionamento dei reni è compromesso, il che porta alla loro insufficienza.

I primi segni di iperplasia prostatica dovrebbero rendere una persona consultare un medico. Grazie a questo, sarà possibile eliminare BPH in tempo.

Se si combinano le manifestazioni di tutti gli stadi dell'iperplasia prostatica, vale la pena parlare del seguente quadro clinico:

  • flusso di urina abbastanza forte;
  • la necessità di una tensione costante del basso addome al momento dello svuotamento della vescica;
  • difficoltà a urinare;
  • requisiti di minzione frequenti - particolarmente spesso sono osservati di notte;
  • incapacità di svuotare completamente la vescica;
  • patologie croniche a seguito di infezione dovuta a ristagno;
  • l'aspetto delle pietre nella bolla;
  • ovvi problemi ai reni;
  • svuotamento ritardato costante, che è associato alla compressione del canale urinario.

Questi sintomi di iperplasia prostatica si verificano singolarmente in un uomo o lo disturbano in un complesso. Poiché ciascuno dei sintomi si verifica, non sarà possibile fare a meno della visita medica, poiché lo specialista deve effettuare una diagnosi dettagliata.

Inoltre, i medici distinguono i seguenti tipi di iperplasia prostatica:

  • diffusa;
  • alopecia;
  • ghiandolare;
  • stromale ghiandolare.

Metodi diagnostici

Per identificare l'IPB, i medici analizzano i reclami dei pazienti. Per standardizzarli, viene applicata la scala internazionale per i sintomi prostatici. Altrettanto importante per la diagnosi di iperplasia prostatica è un esame clinico e ulteriori metodi di ricerca.

Questi includono i seguenti:

  1. Esame delle dita della prostata. Grazie a questa tecnica, è possibile determinare la dimensione e la struttura della ghiandola, per identificare il dolore e il solco tra i lobi. È importante considerare che nello stato normale deve essere presente.
  2. Test di laboratorio Questo gruppo comprende analisi delle urine generali, valutazione del PSA, biochimica del sangue.
  3. Esame ecografico Attraverso questa analisi, è possibile identificare la dimensione della prostata, nonché valutare lo stato del suo parenchima. Per il dottore importa la presenza di nodi e pietre. Inoltre, l'ecografia aiuta a rilevare l'urina residua. In alcuni casi, per identificare l'iperplasia prostatica, viene prescritta l'ecografia transrettale, che è una modifica della procedura standard.
  4. Uroflussometria. Con l'aiuto di questa procedura, viene eseguita una valutazione oggettiva della velocità della minzione.
  5. Radiografia. Questa categoria include una procedura di revisione eseguita senza contrasto e urografia escretoria: in questo caso viene utilizzato un agente di contrasto. Grazie ai metodi elencati rivelano le complicazioni di BPH. Questi includono pietre, espansione dei reni, diverticoli.

Metodi di trattamento

Attualmente, ci sono alcuni trattamenti per l'iperplasia prostatica. La scelta di un particolare metodo è effettuata da un medico.

Tutti i metodi sono suddivisi in diverse ampie categorie:

  • terapia farmacologica;
  • un intervento chirurgico;
  • tecniche non chirurgiche.

Se compaiono le prime manifestazioni di BPH, al paziente viene indicata la terapia farmacologica. La medicina di erbe e l'omeopatia possono anche essere usate. Lo scopo di questo trattamento dell'iperplasia prostatica è di ripristinare la circolazione del sangue nella piccola pelvi. Grazie alla terapia, è possibile interrompere lo sviluppo dell'istruzione e far fronte a lesioni infettive delle vie urinarie.

I pazienti con iperplasia prostatica devono aderire a uno stile di vita attivo. Inoltre, i medici consigliano di limitare l'assunzione di liquidi durante la notte. Non bere alcolici e cibi piccanti. Anche il fumo è vietato.

Per ripristinare il corretto equilibrio degli ormoni nell'iperplasia prostatica, vengono usati androgeni. Insieme a questo, è necessario trattare le complicanze di BPH - questi includono cistite, pielonefrite, prostatite.

La terapia farmacologica per l'iperplasia prostatica è divisa in due categorie principali:

  1. Farmaci del primo tipo - vengono utilizzati per ridurre il tono della muscolatura liscia. Per questo motivo, la contrazione del canale è ridotta e anche il flusso di urina è migliorato. Questa categoria di farmaci include alfa-bloccanti, che possono avere una durata breve e più lunga. Questi includono strumenti come la tamsulosina, la doxazosina.
  2. I farmaci del secondo tipo sono responsabili del blocco della trasformazione dell'ormone maschile nella forma attiva. A causa di ciò, il suo effetto sui tessuti è ridotto, compreso il volume della prostata. Questo aiuta anche a ridurre la costrizione del canale. Questo gruppo include 5 bloccanti alfa reduttasi.

Anche la fitoterapia BPH è molto popolare. Per far fronte alla iperplasia prostatica, utilizzare strumenti basati su estratti di piante - ortica, Opuntia, palma, prugna africana. Inoltre, le medicine tradizionali sono ampiamente utilizzate. Questi includono la composizione sulla base di vischio, pioppo tremolo, Lyonka, nocciolo. Non meno efficace in cipolle iperplasia prostatica bulbo, bardana, miele.

È importante ricordare che l'uso di rimedi erboristici per combattere l'IPB non porta a risultati molto rapidi. Attraverso l'uso di tali estratti può solo rallentare lo sviluppo di un processo anomalo.

In situazioni complesse di iperplasia prostatica, è impossibile fare a meno dell'intervento chirurgico. Coinvolge l'adenomectomia: questa operazione comporta l'escissione dell'istruzione nella prostata.

In questo caso, ci sono diversi tipi di interventi:

  1. Aperto, che è anche chiamato adenomectomia transvesica. In questa situazione, l'accesso è attraverso la bolla. Tali operazioni sono utilizzate in casi difficili, poiché sono altamente traumatici. Insieme a questo, questo intervento ti consente di affrontare completamente il problema e sconfiggere l'iperplasia prostatica.
  2. Procedure minimamente invasive che implicano interventi minimi. In questo caso, il chirurgo non fa un'incisione, ma cade nell'area desiderata con l'aiuto di moderni dispositivi video-endoscopici.

A seconda dell'equipaggiamento utilizzato e delle attività, è possibile utilizzare la resezione transuretrale, l'elettroportionazione e l'incisione della prostata. A volte viene anche mostrata la vaporizzazione laser della ghiandola.

I trattamenti non chirurgici includono quanto segue:

  • dilatazione del palloncino - comporta l'espansione dell'area desiderata della prostata gonfiando un palloncino speciale;
  • ablazione dell'ago;
  • criochirurgia;
  • coagulazione a microonde;
  • posizionamento di stent nell'area del restringimento.

prospettiva

Se non si inizia immediatamente a trattare una tale malattia, c'è una prolungata ritenzione di urina nel corpo. Di conseguenza, vi è il rischio di sviluppare urolitiasi, che è accompagnata dalla formazione di calcoli nella zona della vescica. Inoltre, questa malattia contribuisce allo sviluppo dell'infezione.

Inoltre, una persona può sviluppare malattie più pericolose dopo l'iperplasia prostatica - ad esempio la pielonefrite, che aggrava significativamente l'insufficienza renale. Se il tempo di iniziare la terapia per l'IPB, la prognosi è abbastanza favorevole.

Possibili conseguenze

Questa patologia richiede un monitoraggio costante. Con il progredire dell'iperplasia prostatica, vi è il rischio di effetti avversi sulla salute. Se non si inizia il trattamento in tempo, la prostata si allarga, il che non solo sconvolge la minzione, ma provoca anche altre complicazioni. Per evitare tale condizione, si consiglia di consultare uno specialista in tempo utile.

Quindi, l'iperplasia può provocare tali effetti sulla salute:

  1. Lesioni infettive delle vie urinarie. Questa categoria comprende patologie come la prostatite, la cistite. Lo sviluppo di pyelonephritis succede abbastanza spesso. Tali processi spesso completano l'iperplasia prostatica. Il loro sviluppo è dovuto ad un ambiente favorevole per lo sviluppo di microrganismi batterici, che è associato alla stagnazione.

Con la comparsa di processi infiammatori, la qualità della vita degli uomini è significativamente ridotta. Iperplasia, che è accompagnata da infezione, provoca dolore nella regione lombare, disagio durante la minzione, incontinenza urinaria, comparsa di un odore sgradevole, ecc. In base ai risultati dell'analisi delle urine è possibile identificare un numero maggiore di leucociti.

  1. Minzione grave. Questa condizione spesso accompagna BPH. Si verifica a seguito del consumo di bevande alcoliche e droghe. La causa delle complicanze dell'iperplasia prostatica può essere anche negli stress o nelle operazioni che il paziente ha sofferto.

In questa situazione, vi è gonfiore della prostata, che provoca la completa chiusura del lume dell'uretra. Di conseguenza, la minzione diventa impossibile. La bolla è completamente riempita, ma il paziente non può svuotarla. In questa situazione, ci sono spinte pronunciate, forte disagio e dolore nell'addome inferiore. Tali sintomi richiedono cure mediche urgenti.

  1. Idronefrosi. Con lo sviluppo di questa complicazione dell'iperplasia prostatica, l'urina non lascia il corpo, ma riempie il rene. Questa è una situazione estremamente pericolosa che provoca dolore nella regione lombare, pronunciato desiderio di urinare e difficoltà nello svuotamento della vescica. Inoltre, la persona può aumentare la temperatura. Spesso in questo stato c'è nausea e vomito.

Questa situazione si verifica con ritenzione urinaria acuta e può portare a insufficienza renale cronica. Se compaiono sintomi di idronefrosi, dovresti chiamare immediatamente un medico.

  1. La formazione di pietre. Questa è una complicanza abbastanza comune di iperplasia. Le pietre nella vescica sono spesso rilevate per caso, e questa diventa l'unica manifestazione della malattia. La formazione di calcoli nell'iperplasia prostatica è dovuta a un prolungato ristagno di urina.

Con lo sviluppo di questa complicanza negli esseri umani, il dolore si verifica quando si urina, ci sono delle impurità insanguinate nelle urine, l'impulso diventa più frequente. I pazienti spesso soffrono di ritenzione urinaria acuta.

  1. Esito mortale. Secondo i risultati della ricerca, la mortalità nell'iperplasia prostatica è causata dalla comparsa di complicazioni che insorgono a causa della mancanza di una terapia adeguata. L'insufficienza renale cronica, l'infezione nel sangue e le complicanze dopo l'intervento chirurgico possono essere fatali.

prevenzione

Sfortunatamente, oggi non esistono misure efficaci per prevenire l'iperplasia prostatica. L'unica raccomandazione per gli uomini è di visitare regolarmente il medico per un controllo di routine.

Grazie a questo, l'urologo sarà in grado di rilevare l'iperplasia prostatica nella fase iniziale del suo aspetto e selezionare una terapia adeguata. È anche molto importante trattare nel tempo le lesioni infiammatorie della prostata e altre patologie del sistema riproduttivo maschile.

L'iperplasia prostatica benigna è una malattia abbastanza grave che colpisce prevalentemente gli uomini di mezza età. Questa violazione è accompagnata da problemi di minzione e può provocare una sindrome da dolore piuttosto intensa. Al fine di prevenire lo sviluppo di complicanze, è molto importante consultare un medico in tempo, che sarà in grado di prescrivere una terapia efficace.

Trarre conclusioni

Hai avuto un flash in padella? A giudicare dal fatto che stai leggendo questo articolo, la vittoria non è dalla tua parte.

E ovviamente non sai per sentito dire che la violazione della potenza è:

  • Bassa autostima
  • Le donne ricordano ogni tuo fallimento, dillo ai tuoi amici e ai tuoi amici
  • Malattia della prostata
  • Lo sviluppo della depressione, che influisce negativamente sulla tua salute

Ora rispondi alla domanda: TI STA TE? È possibile resistere? Ti ricordi quella sensazione quando guardi una donna nuda e non puoi fare niente? Basta: è ora di sbarazzarsi dei problemi con la potenza, una volta per tutte! Sei d'accordo?

Abbiamo studiato una grande quantità di materiali e, cosa più importante, abbiamo verificato nella pratica la maggior parte dei mezzi per la potenza. Quindi, si è scoperto che un farmaco funzionante al 100% senza effetti collaterali è Predstanol. Questa preparazione consiste delle componenti naturali completamente escludendo la chimica.

ATTENZIONE! AZIONE! Puoi provare il farmaco gratuitamente, ordinare per link o compilando il modulo sottostante:

Iperplasia prostatica benigna: sintomi e trattamento

Iperplasia prostatica benigna - i sintomi principali:

  • temperatura elevata
  • Minzione frequente
  • Minzione frequente durante la notte
  • Sangue nelle urine
  • Minzione dolorosa
  • Incontinenza urinaria
  • Minzione bruciante
  • Diminuzione della libido
  • Ritenzione urinaria
  • Scaglie di urina
  • Muco nelle urine
  • Sensazione di movimenti intestinali incompleti dopo le feci
  • Debolezza del flusso durante la minzione
  • Disagio durante la minzione
  • Incontinenza durante la notte
  • Mancanza di attrazione sessuale
  • Minzione urinaria per urinare
  • Incapacità di trattenere l'urina per più di un paio di minuti

L'iperplasia prostatica benigna (IPB) è un processo patologico caratterizzato dalla proliferazione di tessuti di un dato organo. Va notato che questo tipo di malattia non appartiene al gruppo oncologico e non ha la tendenza a degenerare in un processo maligno.

Questa malattia nella metà maschile della popolazione è abbastanza comune dopo 50 anni. Il corso iniziale della patologia può essere completamente asintomatico. Man mano che la malattia peggiora, compaiono sintomi, ma di natura non specifica. Pertanto, l'automedicazione è fortemente scoraggiata e dovresti consultare il medico per un consiglio.

La determinazione dello stadio BPH viene eseguita solo da studi di laboratorio e strumentali. Il trattamento è prescritto singolarmente, può essere sia conservatore che radicale. La prognosi è relativamente favorevole se le misure terapeutiche vengono avviate tempestivamente.

eziologia

Le cause esatte di BPH non sono state ancora stabilite, ma si presume che i seguenti fattori eziologici possano provocare lo sviluppo del processo patologico:

  • cambiamenti legati all'età nell'equilibrio ormonale - aumento della produzione di testosterone e diidrotestosterone;
  • cambiamenti legati all'età nel sistema endocrino;
  • malattie infettive croniche del sistema genito-urinario;
  • malattie sessualmente trasmesse nella storia;
  • instabilità della vita sessuale - atti sessuali irregolari, astinenza prolungata, sovraeccitazione senza successiva eiaculazione.

I fattori predisponenti per lo sviluppo dell'iperplasia prostatica benigna del 1 ° grado sono:

  • in sovrappeso;
  • malnutrizione, abuso di alcol e cibo spazzatura;
  • diabete mellito;
  • ipertensione;
  • predisposizione genetica a questa malattia;
  • squilibrio di testosterone ed estrogeno;
  • situazione ecologica sfavorevole.

Inoltre, la malattia di questo tipo può svilupparsi sullo sfondo di uno stile di vita sedentario, che porta alla stagnazione del sangue nella pelvi, al deterioramento della funzione sessuale e allo sviluppo di malattie associate. Inoltre non esclude un fattore così provocatorio come l'ipotermia prolungata, lesioni della regione inguinale nella storia.

A causa del fatto che il quadro etiologico specifico non è stato ancora stabilito, non esistono metodi specifici di prevenzione. Pertanto, ai primi sintomi dovrebbe immediatamente consultare un medico.

È importante capire che, nonostante il fatto che questo processo patologico non sia maligno, in assenza di un trattamento tempestivo, la malattia può causare gravi complicanze, alcune delle quali possono essere irreversibili.

classificazione

La classificazione di BPH comporta la divisione in fasi o gradi:

  • Stadio BPH 1 o stadio compensato - la crescita del tessuto è insignificante, i sintomi sono quasi del tutto assenti. Lo sviluppo clinico di questa fase dura da 1 a 3 anni. Se è possibile diagnosticare la malattia in questo momento, allora una cura è possibile con metodi conservativi.
  • BPH di secondo grado o stadio subcompensato - esiste già una significativa proliferazione di tessuto, che comporta la manifestazione del quadro clinico corrispondente. Il quadro clinico di questa forma della malattia può durare fino a 8 anni.
  • BPH del terzo stadio o forma nodulare diffusa - segni pronunciati del processo patologico, che è causato da un forte restringimento dell'uretere. Spesso, questa forma di malattia può causare insufficienza renale cronica.

Le misure conservative possono eliminare un tale processo patologico solo nella prima fase. In futuro, una cura completa è possibile solo con l'intervento chirurgico.

sintomatologia

Lo sviluppo iniziale di questa patologia negli uomini è asintomatico.

Man mano che il processo patologico peggiora, il quadro clinico sarà caratterizzato come segue:

  • aumento della voglia di urinare;
  • sensazione di movimento intestinale incompleto;
  • un flusso debole di urina (per svuotare la vescica, il paziente deve fare uno sforzo);
  • minzione ritardata, una sensazione sgradevole durante lo svuotamento della vescica;
  • falsa voglia di svuotare;
  • il paziente non può trattenere l'urina per più di due o tre minuti;
  • di notte, la voglia di usare il bagno molto più spesso, anche a condizione che il paziente non bevesse molto liquido prima.

Se il trattamento non viene avviato in questa fase, si sviluppano complicanze, che saranno caratterizzate dal seguente quadro clinico:

  • bruciore e dolore mentre urina;
  • sangue nelle urine e impurità di diversa natura (muco, scaglie);
  • incontinenza, enuresi notturna;
  • febbre;
  • diminuzione del desiderio sessuale, a volte la sua completa assenza.

Elevata temperatura corporea e bruciore durante lo svuotamento della vescica sono i sintomi del fatto che, sullo sfondo di una tale malattia, un processo infiammatorio o infettivo è già in via di sviluppo, quindi è necessario cercare immediatamente un aiuto medico.

La mancanza di trattamento porta allo sviluppo dell'insufficienza renale, che passa rapidamente da acuta a cronica. In questo caso, il trattamento dovrebbe essere operativo.

diagnostica

Il trattamento dell'iperplasia prostatica benigna è effettuato solo in modo completo, ma per determinare la tattica degli interventi terapeutici sarà necessaria una diagnosi approfondita.

Il programma diagnostico si svolge in due fasi.

Prima di tutto, il medico conduce un esame fisico del paziente, durante il quale stabilisce quanto segue:

  • come i sintomi e la natura del processo patologico cominciarono ad apparire molto tempo fa;
  • se il paziente ha assunto farmaci per eliminare i sintomi;
  • ci sono malattie croniche del sistema genito-urinario?
  • se i tumori precedenti sono stati trasferiti;
  • storia familiare, dal momento che la predisposizione genetica non è esclusa.

Inoltre, vengono eseguiti i seguenti metodi di ricerca strumentali e di laboratorio:

  • analisi del sangue generale e biochimica;
  • analisi delle urine;
  • Ultrasuoni del sistema genito-urinario;
  • se c'è il sospetto di oncologia, allora un test per i marcatori tumorali;
  • esame ecografico transrettale;
  • uroflussometria;
  • Esame a raggi X del sistema urogenitale.

In base ai risultati delle misure diagnostiche, il medico può effettuare una diagnosi definitiva, prescrivere un trattamento efficace e suggerire lo sviluppo di complicanze.

trattamento

È solo necessario trattare l'iperplasia prostatica benigna della ghiandola prostatica: questo approccio non solo eliminerà la malattia, ma preverrà anche lo sviluppo di complicanze. Va notato che il trattamento di BPH Grado 2 è possibile senza intervento chirurgico.

La tattica del trattamento dipende interamente dalla misura in cui la malattia procede. Nella fase iniziale vengono utilizzate misure conservative: farmaci, procedure fisioterapeutiche, dieta e raccomandazioni generali.

Questi farmaci per il trattamento di BPH sono prescritti come:

  • alfa bloccanti;
  • antispastici, antidolorifici;
  • anti-infiammatori;
  • se c'è un'infezione secondaria, quindi antibiotici;
  • preparati ormonali - sono usati in casi estremi e sono prescritti solo da un medico.

Se, sullo sfondo del processo patologico, c'è una ritenzione urinaria acuta (AUR), l'uretra viene cateterizzata in ambiente ospedaliero. Il ricovero del paziente non è necessario.

Il trattamento chirurgico è estremamente raro. In questo caso viene eseguita la resezione transuretrale della prostata. Tuttavia, questo metodo di trattamento è piuttosto traumatico, quindi è usato molto raramente.

Anche per il trattamento di questa patologia possono utilizzare altri metodi di trattamento operabili, ma meno traumatici:

  • stenting;
  • criochirurgia;
  • usando ultrasuoni o laser;
  • con l'aiuto dell'embolizzazione artificiale.

I suddetti metodi di trattamento dell'IPB vengono utilizzati quando la terapia farmacologica non ha dato il risultato corretto, ma non è necessario eseguire la resezione transuretrale.

Il trattamento da rimedi di gente non è escluso, ma solo in accordo con il medico generico essente presente. Dovrebbe essere inteso che tali strumenti solo alleviare l'infiammazione e gonfiore, ma non eliminare la malattia nella radice. Altrimenti, la ricorrenza non è esclusa.

Possibili complicazioni

In assenza di trattamento tempestivo, si sviluppano complicazioni di BPH:

  • disturbo ormonale, che può portare allo sviluppo di problemi nel sistema endocrino;
  • diminuzione della potenza, fino a completare la disfunzione sessuale;
  • insufficienza renale acuta;
  • disfunzione del sistema urogenitale.

Per prevenire lo sviluppo di tali complicazioni, se si inizia il trattamento di questa malattia in modo tempestivo.

prevenzione

A causa del fatto che non esiste una causa eziologica specifica di un tale processo patologico, non esistono anche raccomandazioni preventive specifiche.

In questo caso, è consigliabile seguire le regole generali:

  • eliminare l'abuso di bevande alcoliche;
  • mangiare bene - la dieta dovrebbe essere equilibrata e tempestiva;
  • eliminare l'ipotermia;
  • prevenire malattie infettive e trasmesse sessualmente;
  • rafforzare il sistema immunitario.

In presenza di malattie del sistema urogenitale nella storia, è necessario sottoporsi sistematicamente a una visita medica per diagnosticare la malattia in modo tempestivo. L'automedicazione è esclusa.

Se pensi di avere iperplasia prostatica benigna e i sintomi caratteristici di questa malattia, allora puoi essere aiutato dai medici: urologo, chirurgo, medico di famiglia.

Suggeriamo inoltre di utilizzare il nostro servizio di diagnostica online delle malattie, che seleziona le possibili malattie in base ai sintomi inseriti.

La disuria è un processo patologico causato da una violazione del processo di minzione. La violazione di questa natura può essere dovuta a malattia ginecologica nelle donne e, di conseguenza, urologica - negli uomini. La disuria non è esclusa nei bambini e negli adulti contro lo sfondo di malattie del sistema urogenitale, malnutrizione e insufficiente assunzione di liquidi. Il fattore psicosomatico si verifica, specialmente nei bambini.

La cistite nelle donne è un processo infiammatorio che colpisce lo strato mucoso della vescica. Questa malattia è caratterizzata da frequente e doloroso bisogno di emettere urina. Dopo il processo di svuotamento della vescica, una donna può sentire crampi brucianti e acuti, una sensazione di vuoto insufficiente. Spesso l'urina esce con muco o sangue. La diagnosi e il trattamento della cistite nelle donne consiste in una vasta gamma di strumenti. Per condurre tali attività, oltre a spiegare come trattare la cistite nelle donne, può essere solo un urologo altamente qualificato. Inoltre, la prevenzione di questa malattia è possibile indipendentemente a casa.

L'infiammazione della prostata è una malattia che è caratteristica solo per gli uomini ed è caratterizzata dalla progressione del processo infiammatorio nella ghiandola prostatica. La malattia si manifesta all'età di venti o cinquanta anni, ma il principale gruppo a rischio è rappresentato da uomini di età superiore ai trent'anni.

La cistite è una malattia abbastanza comune a causa dell'infiammazione della mucosa della vescica. La cistite, i cui sintomi nella stragrande maggioranza dei casi sono vissuti da rappresentanti del sesso più debole tra i 16 ei 65 anni, può anche essere diagnosticata negli uomini - in questo caso, la malattia si sviluppa più spesso nelle persone di 40 anni.

La gonorrea negli uomini (sinonimo di infezione gonococcica, frattura, battito delle mani) è un processo infettivo-infiammatorio che colpisce gli organi del sistema genito-urinario. Il suppuration della mucosa si presenta, causando i sintomi caratteristici. L'autotrattamento in questo caso è impossibile, poiché può portare a gravi conseguenze, in particolare alla sterilità.

Con l'esercizio e la temperanza, la maggior parte delle persone può fare a meno della medicina.

Iperplasia della prostata cos'è?

Che cosa è l'iperplasia prostatica benigna e come trattarla

  • Perché hai bisogno di una prostata
  • Cause di patologia
  • Sintomi di adenoma prostatico
  • Trattamento dell'iperplasia prostatica benigna
    • Se il paziente non riceve la terapia necessaria.

L'iperplasia della prostata è una patologia molto comune. Questa malattia è anche chiamata adenoma prostatico. Questa è una malattia urologica, un tumore benigno dell'organo ghiandolare.

Perché hai bisogno di una prostata

Questo importante organo non appaiato del sistema riproduttivo maschile è di piccole dimensioni. Si trova di fronte al retto, sotto la vescica. La ghiandola produce la maggior parte dello sperma, un segreto debolmente alcalino. Questo succo fornisce la mobilità e la vitalità degli spermatozoi.

Dal normale funzionamento della prostata dipende dalla qualità della vita, dalla capacità sessuale del rappresentante del sesso più forte. Recentemente, gli esperti diagnosticano un tumore benigno di questa ghiandola esocrina sempre di più. L'iperplasia della prostata si sviluppa anche negli animali. Questo disturbo si sviluppa spesso nei cani.

Torna al sommario

Cause di patologia

Fattori eziologici nello sviluppo di disturbi:

  1. Ristrutturazione ormonale del corpo.
  2. L'aumento del livello degli ormoni sessuali femminili e la diminuzione degli ormoni maschili che deriva dall'età. Come risultato di questo squilibrio, che si verifica nella maggior parte degli uomini dopo i 50 anni, la ghiandola prostatica aumenta di dimensioni. Di conseguenza, l'uretra posteriore viene compressa dalla gonade ingrandita. Si osservano spasmi dei muscoli che circondano l'uretra.
  3. Complicazioni della storia familiare.
  4. Stile di vita sedentario quando un uomo non è impegnato nell'educazione fisica. La regione pelvica ha molti muscoli, legamenti che devono funzionare costantemente come una pompa.
  5. Alti livelli di testosterone

Torna al sommario

Sintomi di adenoma prostatico

Il complesso apparato nervoso della prostata con adenoma risponde istantaneamente a tutti i cambiamenti patologici, provocando varie violazioni di natura generale e locale. Lo stato meno simpatico è l'iperplasia prostatica di 1 ° grado.

Il sintomo più importante della patologia è la disuria, una patologia dell'escrezione urinaria:

  1. Il suo deflusso è disturbato, dal momento che un uomo con BPH, iperplasia prostatica benigna, ha una proliferazione, una proliferazione di cellule nella prostata colpita. Il volume della ghiandola maschile sta gradualmente aumentando.
  2. Nelle prime fasi dello sviluppo della malattia a causa della spremitura del canale urinario, si verifica un assottigliamento del getto. È diretto verticalmente verso il basso.
  3. Nella seconda fase, ci sono difficoltà di deflusso di urina.
  4. Pollakiuria notturna - un aumento della frequenza della minzione dolorosa notturna, che supera la norma di età. Un uomo inizia a visitare il bagno diverse volte durante la notte, poiché l'urina residua rimane nella vescica, ma non allevia le sue condizioni. C'è una sensazione di svuotamento incompleto della vescica.
  5. Il paziente soffre di crampi, brucia.
  6. La nicturia è la predominanza dell'urina notturna durante il giorno.
  7. Stranguria - ritardo nell'inizio della scarica urinaria a causa della presenza di un ostacolo al suo deflusso. Il paziente è costretto a sforzare gli addominali per iniziare l'atto necessario di rimuovere il getto. Il flusso del liquido è a goccia, incontrollabile, sottile.
  8. Frequenti pause nel processo di getto Di volta in volta la sua intensità diminuisce, sta schizzando. Lo svuotamento della vescica è in ritardo.
  9. Minzione stressante e intermittente alla fine della produzione di urina.
  10. Dopo aver visitato il bagno, il paziente ha una sensazione di pesantezza nell'addome inferiore.
  11. Nei casi più gravi, il fluido biologico difficilmente scende a goccia, fino a una completa cessazione della minzione, nonostante un netto trabocco della vescica.
  12. Per la terza fase è caratterizzata da ritenzione urinaria acuta. Quando la vescica è tesa, c'è un dolore molto forte.
  13. L'incontinenza urinaria imperativa è una voglia irresistibile di scaricare il getto.
  14. Stress, irritabilità.
  15. Letargia, sonno agitato.
  16. Pessimo benessere fisico, sindrome astenica.
  17. Stato psicologico squilibrato Questo problema porta molte esperienze e inconvenienti. Affronta gravi conseguenze.
  18. Effetti dell'adenoma prostatico
  19. Mentre il tumore benigno cresce, le funzioni della vescica sono notevolmente compromesse. Alla fine, spesso porta allo sviluppo di insufficienza renale.
  20. Con qualsiasi grado di malattia, può verificarsi una ritenzione urinaria acuta, che richiede cure mediche di emergenza. Anche sullo sfondo del farmaco prescritto dal medico, un certo numero di uomini cadono sul tavolo operatorio.
  21. Possono verificarsi disfunzione erettile e diminuzione della libido, poiché questa patologia tende a ridurre i livelli di testosterone.

Si ritiene che l'adenoma prostatico possa trasformarsi in cancro. Questa opinione non è del tutto corretta, dal momento che gli adenomi e il cancro alla prostata sono malattie diverse. Si sviluppano da diverse zone e cellule della ghiandola prostatica. Queste malattie hanno sintomi simili. La cosa comune è che entrambe le malattie sono ormonalmente dipendenti.

Torna al sommario

Trattamento dell'iperplasia prostatica benigna

Al giorno d'oggi, questa malattia viene trattata con successo in diverse fasi del suo sviluppo. I metodi conservativi e medici dominano nelle misure terapeutiche. Per essere guarito, è necessario perseverare con tutte le prescrizioni del medico per almeno un mese.

Condotte attività complete. Oggi, a disposizione dei medici ci sono tre gruppi di farmaci per il trattamento della prostata:

  1. Bloccanti adrenergici alfa: omnic, delphas, cardura. Farmaci che influenzano i recettori alfa. Si rilassano e promuovono una riduzione del volume della prostata. In questo modo, la minzione è facilitata. Riducono lo spasmo muscolare del collo vescicale e la parte posteriore dell'uretra. Di conseguenza, i sintomi vengono rimossi. Ma questi farmaci non contribuiscono a ridurre le dimensioni della ghiandola prostatica.
  2. 5 inibitori della alfa reduttasi: proscar, avadar. Questi farmaci agiscono sulla causa stessa dell'adenoma prostatico. Un farmaco che riduce la produzione di dehyrotesterone. Ciò porta ad una riduzione delle dimensioni della ghiandola riproduttiva. Gli ostacoli alla minzione sono eliminati. Ma questi farmaci devono essere presi per molto tempo. In alcuni pazienti, causano un deterioramento della potenza sessuale, una diminuzione del desiderio sessuale.
  3. Fermare in modo sicuro la crescita di adenoma aiuterà il farmaco indigato. Ripristina l'equilibrio ormonale: riduzione dei livelli di androgeni e livelli elevati di estrogeni. Questo farmaco blocca la crescita di adenoma in qualsiasi stadio della malattia.
  4. Farmaci fitoterapici creati da materie prime naturali.
  5. Con ritenzione urinaria acuta, il paziente deve mettere un catetere.
  6. Vengono utilizzati metodi fisioterapeutici: terapia laser per irradiazione della ghiandola prostatica. Elettroforesi farmacologica, che consente di iniettare sostanze medicinali direttamente nella prostata.
  7. Darsonvalutazione, massaggio, galvanizzazione della ghiandola per migliorare l'apporto di sangue.
  8. È importante escludere dalla dieta le bevande alcoliche.

Torna al sommario

Se il paziente non riceve la terapia necessaria.

Il tumore spesso blocca completamente il canale urinario. I dolori diventano insopportabili. Infine, solo un intervento chirurgico urgente può alleviare un uomo di adenoma. In molti ospedali viene eseguita l'adenomectomia tradizionale aperta.

  1. Questa è una tecnologia avanzata per la rimozione dei tumori. Nei paesi civilizzati preferiscono usare questo metodo di trattamento. Le moderne tecnologie di operazioni endoscopiche del rasoio consentono di eseguire trattamenti chirurgici senza incisioni.
  2. Sotto controllo video, i chirurghi entrano nella prostata attraverso l'uretra. Lo speciale dispositivo appuntito rimuove il tessuto in eccesso da questo organo. Il deflusso del getto migliora dopo il rilascio dell'uretra.

L'adenoma della prostata è una malattia comune dell'età. Qualsiasi operazione comporta un certo rischio di complicazioni. Pertanto, è importante fermare la malattia nella fase iniziale del suo sviluppo.

Questa patologia è suscettibile di trattamento di successo.

Se si presentano sintomi di adenoma della prostata, è necessario consultare un medico in tempo e iniziare il trattamento necessario. La salute sta normalizzando

Metodi moderni di trattamento dell'iperplasia prostatica

Tra le malattie urologiche degli uomini, l'iperplasia prostatica benigna (o BPH) è una delle più comuni. Questo nome è stato utilizzato dal 1998 secondo la nuova classificazione internazionale delle malattie anziché "adenoma prostatico".

La patologia si verifica principalmente in pazienti di età avanzata e senile. Poiché negli ultimi decenni c'è stata una tendenza all'aumento dell'aspettativa di vita per gli uomini, il numero di pazienti con BPH prostatico è aumentato notevolmente. In connessione con la crescente rilevanza del problema, una ricerca è costantemente in corso per nuovi metodi di trattamento più efficaci e delicati.

Cause della malattia

Che cosa significa la diagnosi di iperplasia prostatica? Con una violazione dei processi metabolici nei tessuti della prostata, si osserva un aumento della durata della vita delle cellule. Come risultato di un ciclo di vita più lungo, hanno il tempo di condividere più volte del solito, il che porta a un cambiamento nel volume dell'organo. La crescita incontrollata dei tessuti della ghiandola maschile si chiama iperplasia. Poiché la crescita avviene esclusivamente all'interno della prostata e non si metastatizza, il tumore è considerato benigno.

La ragione principale della rottura del metabolismo delle cellule ghiandolari è lo squilibrio ormonale nel processo di ristrutturazione del corpo correlato all'età. All'età di 50-55 anni negli uomini diminuisce la produzione di ormoni sessuali maschili. Tuttavia, vi è un aumento della concentrazione di alcuni ormoni sessuali femminili, che danno un impulso a modificare il tasso metabolico nelle cellule della prostata.

Più vecchio è l'uomo, maggiore è il rischio di patologia. Pertanto, tra gli uomini di età compresa tra 55 e 60 anni, l'IPB è rilevato in quasi il 50%, tra il sesso più forte della fascia di età avanzata (75-80 anni), questa percentuale è già dell'80-90%. I fattori concomitanti che possono aumentare la probabilità di individuare patologie includono la predisposizione al sovrappeso e ereditaria.

Forme e tipi di iperplasia

Nonostante i punti comuni nel meccanismo dello sviluppo della patologia, il processo di crescita dei tessuti può avvenire in modi diversi. Quando si effettua una diagnosi, viene presa in considerazione la struttura del tumore, la sua posizione e la direzione di crescita.

A seconda di queste caratteristiche, in ogni singolo caso si può osservare un quadro clinico un po 'diverso. Vi è anche una divisione generalmente accettata in tre fasi dello sviluppo della malattia, ognuna delle quali ha un elenco specifico di sintomi.

Tipi di adenoma in posizione e direzione della crescita

Secondo la localizzazione, ci sono tre tipi di patologia: intravesicale, pre-vescicolare e sub-vescicolare. I sintomi più pronunciati presentano iperplasia intravescicale. La crescita dei tumori in questo caso avviene nella direzione della vescica. In primo luogo, la ghiandola prostatica solleva il fondo della vescica, e poi cresce in essa, causando una significativa deformazione del collo e dell'uretra superiore. Con la successiva crescita del tumore, aumenta la pressione esterna sull'uretra, che porta ad un graduale restringimento del suo lume. Questo tipo di patologia è caratterizzata da disturbi della minzione: maggiore urgenza, difficoltà di deflusso delle urine. Se non si inizia il trattamento in una fase precoce, una delle complicanze può essere grave insufficienza renale.

Durante la crescita sottosmica dei tessuti, i lobi laterali della prostata aumentano prima. Tale tumore non porta a cambiamenti significativi nella forma della vescica e del suo collo. La malattia non ha sintomi pronunciati, quindi per lungo tempo un uomo potrebbe non essere consapevole della sua esistenza.

L'iperplasia subpolare è una massa tumorale localizzata nella parte posteriore della prostata adiacente alla parete del retto. Questo tipo di patologia non porta a disturbi nel processo di deflusso delle urine, tuttavia, può influenzare il funzionamento dei dotti urinari superiori e dei reni. Un disagio durante i movimenti intestinali è caratteristico di un tumore sub-vescicale.

Secondo il tipo di proliferazione dei tessuti, si distinguono due forme di adenoma:

  • in proliferazione diffusa, la ghiandola prostatica cresce in modo uniforme nelle dimensioni;
  • con una forma nodulare, noduli singoli o multipli si formano nei tessuti ghiandolari.

Classificazione dell'iperplasia sulla struttura dei tumori

La ghiandola prostatica è costituita da diversi tipi di cellule: muscolo, ghiandolare (secernente) e stromale (da cui si forma il tessuto connettivo). La struttura di una neoplasia dipende dai tessuti in cui ha iniziato a formarsi. Impostare il tipo di BPH possibile mediante l'analisi citologica dei campioni di tessuto. Il materiale è preso dalla biopsia della prostata.

Dopo aver eseguito uno studio di laboratorio, viene determinato uno dei seguenti tipi di adenoma:

La struttura del tumore presenta cellule che secernono il succo prostatico e le cellule del tessuto connettivo. La crescita dei tessuti in questo caso si verificherà in modo uniforme.

C'è un aumento nel numero di cellule ghiandolari. È possibile stabilire questo tipo di iperplasia prostatica con un aumento del livello di antigene prostatico specifico (PSA). Nella maggior parte degli uomini, l'adenoma ghiandolare è costituito da più noduli che aumentano gradualmente di dimensioni. Una caratteristica di questa patologia è la crescita lenta dei tumori. A causa dell'assenza di sintomi, molti pazienti da molto tempo non sono a conoscenza della presenza della malattia. Identificarlo nelle fasi iniziali nella maggior parte dei casi, è possibile per caso durante gli esami preventivi o nel processo di esame per altre malattie.

Differenza fibrosa BPH è la separazione di noduli e sigilli capsula protettiva del tessuto connettivo. La crescita delle formazioni viene dalle cellule stromali e ghiandolari. Nell'identificare l'adenoma fibroso negli uomini, è necessario un costante monitoraggio dello stato dei tumori a causa dell'elevata probabilità di degenerazione e malignità.

Iperplasia muscolare (adenomioma)

Tale crescita tissutale viene raramente diagnosticata.

Fasi di sviluppo della patologia

Ci sono tre gradi di ingrandimento della prostata. compensato, subconsolidato e scompensato. Nel determinare lo stadio della malattia, vengono prese in considerazione le condizioni del paziente, la presenza di sintomi caratteristici, nonché i cambiamenti strutturali e funzionali negli organi del sistema urogenitale.

La fase compensata inizia con disturbi urinari minori. All'inizio, gli uomini hanno bisogno di visitare il bagno molto più spesso. Lo svuotamento della vescica richiede uno sforzo extra. Per accelerare il deflusso delle urine è necessario filtrare i muscoli del bacino e della parete addominale. Il getto allo stesso tempo diventa lento e può persino essere interrotto per alcuni secondi. Nonostante le difficoltà con la minzione, in questa fase, mentre si visita il bagno, è possibile svuotare completamente la vescica.

Quando si esamina un paziente, non ci sono anomalie nella struttura dei reni e delle vie urinarie. Con un trattamento tempestivo per l'assistenza medica, il trattamento dell'IPB nella fase compensata viene effettuato con metodi conservativi. La durata della prima fase può essere molto diversa: per alcuni uomini questo periodo dura 3-4 anni, per altri - da 10 anni in poi.

Lo stadio subcompensato inizia dal momento in cui la vescica non può svolgere pienamente la sua funzione. Ciò significa che a causa della tensione regolare dei muscoli del bacino, quando urinate le pareti della vescica, perdono la loro elasticità e non riescono a estrarre completamente l'urina accumulata. Inizialmente, il volume di liquido rimanente dopo la minzione non supera i 20-50 ml. Con l'ulteriore progressione della malattia, la sua quantità può raggiungere fino a 500 ml. In questa fase, si notano i primi disturbi del funzionamento dei reni. Il trattamento conservativo di uomini con uno stadio subcompensato di prostata BPH, di regola, non dà l'effetto terapeutico aspettato. Nella maggior parte dei casi, ai pazienti viene raccomandato l'intervento chirurgico utilizzando uno strumento endoscopico minimamente invasivo.

L'iperplasia prostatica benigna nello stadio scompensato si manifesta con un aumento del volume di urina residua a 800 ml o più, mentre in molti uomini c'è una scarica spontanea. Una regolare ritenzione urinaria porta allo sviluppo di complicanze quali l'urolitiasi, l'insufficienza renale grave, l'intossicazione del corpo con prodotti del metabolismo dell'azoto. Se un paziente ha sintomi come la completa perdita di appetito, nausea, debolezza, un odore percepibile di acetone, questo significa che è necessaria l'immediata assistenza medica. La mancanza di trattamento può essere fatale.

diagnostica

Poiché l'iperplasia prostatica benigna è simile nelle sue manifestazioni ad altre malattie urologiche, nella fase iniziale dell'esame viene fatta una diagnosi differenziale per escludere l'infiammazione della vescica, i disturbi neurologici, il diabete mellito e altri. Se si sospetta l'adenoma, viene eseguito un esame digitale rettale per stabilire la forma della ghiandola, la presenza di sigilli e nodi e il dolore.

Dopo la diagnosi iniziale, l'esame viene eseguito secondo lo schema seguente:

  • completare il questionario per valutare la malattia sul sistema IPSS;
  • viene valutata la qualità della vita del paziente;
  • Vengono eseguiti i seguenti test di laboratorio: analisi cliniche generali di urina e sangue, analisi del sangue per determinare la concentrazione di urea, PSA;
  • esame ecografico della prostata e degli organi del sistema urinario;
  • È stato anche raccomandato uno studio come l'uroflussimetria (determinazione della velocità di deflusso delle urine).

Prima di iniziare il trattamento, a un paziente può essere prescritta una biopsia per escludere la natura maligna della neoplasia.

La scelta delle tattiche di trattamento

Il trattamento dell'IPB comprende l'osservazione dinamica, la terapia conservativa e la chirurgia. Per le piccole dimensioni dell'adenoma, la sua crescita lenta e l'assenza di sintomi associati a minzione compromessa, viene utilizzato un trattamento come l'osservazione dinamica. Si raccomanda al paziente di cambiare stile di vita, eliminando da esso tutti i fattori che provocano la crescita intensiva del tumore. Un'attenzione particolare è rivolta ad un'alimentazione equilibrata e ad un corretto regime di consumo.

Il paziente deve eseguire passeggiate quotidiane, fare esercizi fisici che impediscono il ristagno nella zona pelvica. Il trattamento conservativo di BPH è indicato per i pazienti che non hanno complicazioni e cambiamenti strutturali negli organi del sistema urinario.

Il regime terapeutico comprende farmaci per alleviare i sintomi acuti, normalizzare la minzione e fermare la crescita di adenoma:

Agiscono sulle fibre muscolari del collo vescicale e della ghiandola prostatica, riducendone il tono e facilitando il flusso delle urine. I primi cambiamenti positivi sono annotati dopo 10-14 giorni. Nei casi in cui l'effetto dell'uso di droghe non è arrivato dopo 4 settimane, il trattamento è considerato improduttivo.

Questo gruppo di farmaci inibisce la produzione di 5-alfa-diidrotestosterone, che provoca lo sviluppo di tumori. Recentemente, la nuova droga sintetica Finasteride è stata sempre più utilizzata a causa di un minor numero di effetti collaterali e controindicazioni. Come dimostrato da studi clinici, con l'uso prolungato del farmaco (da 1 a 2 anni) è possibile ottenere non solo la cessazione della crescita di BPH, ma anche una riduzione delle sue dimensioni.

Il trattamento chirurgico viene utilizzato per il coinvolgimento delle alte vie urinarie o in assenza dell'effetto dell'assunzione di farmaci. Le indicazioni per un intervento chirurgico urgente sono urolitiasi, ritenzione urinaria acuta, grave insufficienza renale, recidiva di processi infiammatori negli organi del sistema urinario.

L'obiettivo principale di qualsiasi intervento chirurgico è ridurre la pressione sull'uretra superiore e aumentare il suo lume per normalizzare il flusso di urina. Se la malattia non è iniziata e non ci sono complicazioni gravi, nella maggior parte dei casi viene rimossa solo la parte della ghiandola che comprime l'uretra.

Il trattamento chirurgico può essere effettuato con uno dei seguenti metodi:

Viene utilizzato quando necessario per rimuovere completamente la ghiandola prostatica che è notevolmente ingrandita. L'adenomectomia viene eseguita attraverso un'incisione nella cavità addominale. La durata del periodo postoperatorio va dai 10 ai 14 giorni. La riabilitazione dopo l'applicazione di questo metodo di trattamento dura da 1,5 a 2 mesi.

Per la manipolazione di uno strumento speciale che viene inserito nella cavità addominale attraverso piccole punture. Successivamente, utilizzando una corrente elettrica o un laser, viene rimossa la parte della ghiandola che comprime l'uretra. Tale chirurgia richiede un periodo di riabilitazione significativamente più breve.

Se la vecchiaia del paziente e la presenza di patologie di fondo non consentono l'utilizzo di uno dei metodi sopra elencati, è necessario applicare metodi meno traumatici: la terapia a microonde e l'ablazione con ago. L'effetto della loro condotta è un po 'più basso, tuttavia, la probabilità dello sviluppo delle complicanze postoperatorie è minima.

Se le condizioni del paziente non consentono il trattamento chirurgico, viene utilizzato uno dei seguenti metodi per la normalizzazione del deflusso delle urine:

Sintomi e trattamento dell'iperplasia prostatica benigna

Cos'è l'IPB? Iperplasia della prostata (la malattia è anche chiamata adenoma prostatico) è una patologia benigna che è comune tra gli uomini di mezza età e anziani. La malattia risponde bene alle cure mediche, soprattutto tempestive. L'iperplasia prostatica benigna non ha nulla a che fare con l'infiammazione della ghiandola prostatica (prostatite).

Qual è la patologia

La domanda su cosa sia l'iperplasia prostatica, non perde la sua rilevanza. La malattia è comune nella pratica urologica, soprattutto di questa patologia sono gli uomini che hanno varcato la soglia del quarantesimo anniversario. Circa il 75-80% degli uomini prima o poi incontrerà questa malattia.

La funzione principale della prostata: lo sviluppo del segreto più importante (succo), responsabile dell'attività vitale dello sperma. Un uomo con una prostata sana raramente ha problemi mentali. Qualsiasi malattia della prostata può causare problemi nella vita intima, oltre a provocare dolore da urina.

La prostata BPH è estremamente rara nei giovani. La patologia è localizzata nella prostata, fornisce un significativo disagio nelle fasi finali del suo sviluppo. Cos'è l'iperplasia nodulare della ghiandola prostatica? Questo è un tumore benigno sotto forma di nodulo formato da cellule epiteliali (ghiandolari). Nella maggior parte dei casi, la malattia viene trattata allo stesso modo di un normale adenoma. Neoplasia diffuso-nodulare viene rimosso con un laser.

Perché appare la patologia?

L'IPB può svilupparsi per molte ragioni, che vanno dall'età ad uno stile di vita anormale. Quasi tutti gli uomini sono a rischio. Molti esperti ritengono che la causa principale dello sviluppo della patologia sia la menopausa. I problemi con ormoni cominciano negli uomini dopo 40 anni, allo stesso tempo c'è una completa ristrutturazione del corpo. Infatti, la maggior parte dei pazienti con BPH soffre di menopausa o "crisi di mezza età".

Altri fattori che possono scatenare lo sviluppo della malattia:

  • fumare e bere alcolici regolarmente;
  • stile di vita sedentario;
  • la presenza di obesità in qualsiasi misura;
  • dieta squilibrata (i cibi grassi sono particolarmente dannosi);
  • cattiva eredità.

L'iperplasia prostatica benigna può svilupparsi sullo sfondo di altri disturbi, ma ciò accade molto raramente.

Quali fattori non influenzano lo sviluppo di adenoma? C'è un malinteso comune che l'orientamento sessuale influenzi lo sviluppo dell'adenoma prostatico. In realtà, questo non è il caso. L'aumento dell'attività sessuale o, al contrario, la completa astinenza dalle relazioni intime, non sono anche le cause dell'apparizione della patologia. E, soprattutto, le malattie veneree non causano l'adenoma della prostata. Come ogni altra malattia infettiva e infiammatoria della piccola pelvi.

sintomatologia

I sintomi di iperplasia prostatica benigna nelle prime fasi dello sviluppo della malattia assomigliano a segni di prostatite. Tutte le patologie della prostata sono simili nei sintomi, quindi non è sorprendente. Frequenti sollecitazioni in bagno, disagio durante la minzione: questi segni dovrebbero essere un motivo per andare dal medico. A causa dello sviluppo della malattia, possono apparire i cosiddetti echi. Tali sintomi sono rilevati durante l'esame e sono puramente individuali, in quanto dipendono dal tipo di patologia. I sintomi principali:

  1. Problemi di minzione I segni più caratteristici sono: desiderio troppo frequente di svuotarsi, sensazione di urinazione troppo debole e dolorosa. Il dolore può essere tirato o affilato. Lo svuotamento è intermittente, l'uomo deve allungare eccessivamente i muscoli addominali. In alcuni casi, c'è una scarica involontaria di urina (in piccole porzioni). Dopo lo svuotamento, si ha una sensazione di minzione incompleta, che causa anche un forte disagio.
  2. Condizioni fiacche I pazienti sono caratterizzati da problemi con il sonno e l'appetito, l'isolamento, l'apatia. Nei pazienti con prestazioni gradualmente ridotte, desiderio sessuale. Gli atti sessuali causano disagio, mentre l'orgasmo sembra debole o addirittura doloroso.
  3. Pain. Localizzato nel perineo. Molto spesso, l'iperplasia prostatica benigna non provoca gravi disagi per il paziente. Le sensazioni spiacevoli compaiono occasionalmente, passano rapidamente.

Con complicazioni, i sintomi diventano più aggressivi. C'è un ritardo acuto dell'urina (l'incapacità di svuotare per molto tempo). Il sintomo è accompagnato da un dolore acuto e tagliente nell'area genitale. Il disagio può anche essere sentito nell'addome inferiore. Complicazioni di adenoma della prostata possono causare malattie infettive, rottura della vescica o la comparsa di pietre in esso. L'IPB è spesso la causa dell'insorgenza di patologie gravi e intrattabili.

classificazione

L'IPB della ghiandola prostatica è classificata per localizzazione e fasi di sviluppo. Questo aiuta a navigare i sintomi della malattia, per fare previsioni più accurate. Classificazione di localizzazione:

  • se il tumore cresce nel retto, allora è una forma subbubolare;
  • la diffusione del tumore nella vescica - forma intravescicale;
  • trovare un tumore sotto il triangolo a bolle è una forma retrotrigonale.

L'adenoma della prostata è ancora più comune dell'ipertensione. Questa è una delle patologie più comuni, non solo in urologia, ma anche in medicina in generale. Iperplasia della prostata ha tre fasi di sviluppo. Differiscono nei sintomi e nella severità del trattamento.

Durante il primo stadio, il paziente avverte disturbi lievi, frequenti sollecitazioni in bagno. Durante la notte, il paziente può essere svuotato fino a 10 volte, mentre l'uomo avrà ancora una sensazione di minzione incompleta.

Il primo stadio (compensato) può durare fino a 10 anni senza cambiamenti visibili nei sintomi.

Nel secondo stadio, la vescica si infiamma, provocando il più forte disagio per il paziente (specialmente durante i rapporti sessuali e la minzione). Oltre al frequente bisogno di andare in bagno, i pazienti hanno uno svuotamento incontrollato. L'urina viene fuori in piccole porzioni, ma tali incidenti causano ancora disagio.

Se durante la seconda fase (subcompensata) non si usano droghe moderne e altri metodi terapeutici, la malattia inizierà a progredire rapidamente.

Per il terzo stadio è caratterizzato da un sintomo come ritenzione urinaria acuta. Il paziente non può andare in bagno, mentre la persona sente che la sua vescica è piena. Se il corpo accumula basi di azoto (sono contenute nell'urina), allora anche l'odore sgradevole delle urine inizia ad emanare da dietro la bocca.

La congestione urinaria provoca il verificarsi di gravi malattie (infiammatorie). In questa fase, il paziente per il trattamento richiederà non solo i farmaci, ma anche la chirurgia.

diagnostica

Le seguenti procedure sono eseguite per la diagnosi:

  • indagine paziente e esame rettale;
  • biopsia;
  • analisi delle urine (generale);
  • esame del sangue (per l'antigene del PSA).

Ulteriori studi sono estremamente rari, poiché non sono particolarmente necessari. Esistono diversi tipi di BPH:

  1. Iperplasia ghiandolare stromale della prostata. La presenza di patologia è determinata utilizzando una biopsia. Con questo tipo di iperplasia nella prostata, le cellule stromali e ghiandolari sono secrete. Condividono alcune aree della ghiandola prostatica. Questo tipo di patologia è diffusa (comune).
  2. Iperplasia ghiandolare Diagnosticato da un esame del sangue per un antigene PSA. Quando l'iperplasia ghiandolare aumenta le cellule secretorie. Livelli elevati di PSA (circa 2,5 ng / ml) indicano direttamente un aumento delle cellule ghiandolari della prostata.
  3. Iperplasia adenomatosa della ghiandola prostatica Diagnosticato attraverso diversi test Un tipo comune di iperplasia benigna.
  4. Forma nodosa di BPH. Diagnosticato dopo l'esame rettale. Per forme nodulari caratterizzate dalla formazione di piccole aree di iperplasia. Sono ben sentiti durante lo studio del retto.

Radiografia, TRUS (esame ecografico), uroflussimetria (determinazione della velocità dell'urina durante lo svuotamento) sono utilizzati anche per la diagnosi. L'ultimo studio è effettuato usando uno strumento speciale - un uroflowmeter.

Come trattare l'adenoma prostatico? I preparativi e le procedure necessarie per la terapia sono selezionati da un medico. BPH ha diverse forme e stadi, quindi un regime di trattamento universale semplicemente non esiste. Inoltre, molto dipende dall'età del paziente e dallo stato del suo corpo. Alcuni farmaci per il trattamento della prostatite cronica negli uomini sono adatti per il trattamento dell'adenoma prostatico. Iperplasia della prostata comporta il trattamento con farmaci dei seguenti gruppi:

  1. Alfa-bloccanti. Le medicine di questo gruppo facilitano la minzione. I farmaci rilassano la vescica agendo su fibre lisce. A causa di ciò, il deflusso dell'urina diventa migliore, e andare in bagno non causa tormento. I bloccanti adrenergici alfa agiscono abbastanza rapidamente (un effetto tangibile appare il giorno 1 o 2 dopo l'applicazione). Preparati di questo gruppo: Doxazosina, Tamsulosina, Terazosina.
  2. Inibitori della riduttasi 5-a. Un trattamento efficace dell'IPB richiede spesso l'uso di questi farmaci, poiché rallentano in modo significativo la crescita della ghiandola prostatica. I farmaci di questo gruppo sono prescritti con un volume eccessivo di adenoma. I farmaci hanno effetti collaterali specifici: riducono la libido e attivano la crescita delle ghiandole mammarie.
  3. Cialis. Questo farmaco maschile è posizionato sul mercato come un analogo del Viagra. Il Cialis influisce sulla potenza, che può essere utile per le persone con BPH. Il prodotto è anche usato per trattare l'adenoma prostatico. Non può essere utilizzato insieme ai bloccanti alfa, ma può essere utilizzato contemporaneamente con diversi nitrati.
  4. Medicine naturali. Vari decotti naturali possono influenzare solo i sintomi della malattia: ridurre il dolore, ridurre l'infiammazione. I mezzi simili non influenzano un tumore in alcun modo.

Altri metodi di trattamento: TUR (operazione senza incisioni), stenting (la procedura aiuta a migliorare il flusso delle urine), criodistruzione (esposizione a iperplasia liquida con azoto liquido). Il medico può ordinare un'operazione immediatamente, ma non dovresti affrettarti. L'intervento chirurgico è necessario solo nei casi avanzati.

IPB: cos'è? L'adenoma della prostata non è una malattia mortale. La patologia viene trattata con successo anche senza chirurgia. Inoltre, non provoca gravi danni al corpo. Cosa temere? Complicazioni. Varie malattie infettive, calcoli alla vescica sono complicazioni standard di BPH. Il trattamento deve essere fatto in tempo, e necessariamente nella clinica. Per non ammalarsi affatto, è necessario mantenersi in forma, è utile mangiare ed evitare lo stress.