Principale
Massaggio

Adenoma prostatico (iperplasia prostatica)

Nella medicina moderna, la crescita della ghiandola prostatica a causa della crescita attiva dei tessuti è chiamata adenoma prostatico. Sebbene alcuni esperti "con esperienza" e pazienti all'età usino ancora termini come l'adenoma prostatico o la ritenzione urinaria. In tutta onestà, notiamo che questo nome ha un altro sinonimo: iperplasia prostatica benigna (in seguito chiamata BPH).

In ogni caso, l'essenza della malattia è di aumentare la dimensione della prostata, che porta alla comparsa di nodi che interferiscono con la normale minzione. Il carattere benigno implica l'assenza di metastasi, che distingue la malattia dal cancro della ghiandola prostatica.

L'adenoma prostatico è considerato una malattia maschile degli anziani. Ogni secondo uomo, all'età di 50 anni, ha problemi con la minzione, che dopo aver esaminato uno specialista sono accusati di questa malattia. Con l'età, l'incidenza aumenta, e all'età di 70 anni, tre uomini su quattro stanno vivendo gli stessi problemi. Secondo i risultati della ricerca medica, la forza del 15% degli uomini non è suscettibile di BPH. Allo stesso tempo, ogni anno aumenta la probabilità della malattia.

Cause di adenoma prostatico

Tutte le cause di adenoma prostatico possono essere suddivise in due gruppi.

Il primo gruppo comprende le cause dovute allo stile di vita di una persona, che aumenta la probabilità di crescita della prostata. Ad esempio, può essere un lavoro sedentario o uno stress mentale attivo in assenza di quelli fisici. Ecco perché è difficile sopravvalutare il ruolo dell'esercizio fisico regolare.

Il secondo gruppo include ragioni oggettive che non dipendono dallo stile di vita di una persona. È stato dimostrato che l'adenoma prostatico è causato da cambiamenti nel background ormonale di un uomo. Se consideriamo che questi cambiamenti si verificano inevitabilmente nella vecchiaia, si può concludere che solo alcuni uomini hanno la fortuna di evitare problemi con la prostata.

In tutta onestà va notato che le cause dell'adenoma prostatico non sono ancora completamente comprese. Gli scienziati conducono regolarmente ricerche volte a identificare correlazioni con altre malattie o con le peculiarità della vita personale di una persona, ma finora tutti questi studi non hanno prodotto risultati significativi. Anche se, per esempio, è stato possibile confutare la visione che la prostatite e l'adenoma prostatico sono interconnessi. Come mostrano le statistiche, entrambe le malattie possono procedere in modo completamente indipendente o viceversa, simultaneamente. Pertanto, nonostante le varie cause ipotetiche dell'adenoma prostatico, l'unico fattore dimostrato che aumenta il rischio di morbilità è l'età.

Sintomi di adenoma prostatico

Per comprendere meglio i segni di adenoma prostatico, è necessario prima capire cosa succede nella ghiandola prostatica di un uomo con la comparsa di questa malattia. Come sapete, la dimensione normale della prostata, situata sotto la vescica, è approssimativamente uguale alla dimensione di una noce. Quando il tessuto prostatico inizia a crescere, uno o più noduli appaiono inevitabilmente su di esso. Strizzano l'uretra, così che la minzione è disturbata. È chiaro che questo processo non avviene immediatamente, ma gradualmente. Per questo motivo, a seconda dei sintomi, ci sono tre fasi della malattia.

Inizialmente, quando il canale inizia a restringersi sotto l'influenza esterna, compaiono i primi sintomi dell'adenoma prostatico. Consistono nel cambiare le sensazioni quando si urina. Gli uomini sani hanno una sensazione piacevole quando svuotano la vescica, e questo è abbastanza normale. La scomparsa di queste sensazioni può servire come prima sveglia.

Sfortunatamente, gli uomini tendono a cancellare i cambiamenti rilevati per qualcosa di diverso dalla malattia, quindi nella prima fase i medici sono trattati molto raramente. Nel frattempo, BPH entra nel seguente modulo. Ci sono più sintomi evidenti di adenoma prostatico.

In particolare, una notevole riduzione dell'uretra porta a una diminuzione della potenza del getto. Quando c'è poca urina (negli stadi finali dello svuotamento), diventa verticale o addirittura si divide in gocce separate. Naturalmente, in questo caso, la vescica non è completamente svuotata. Il paziente deve sottoporre a tensione i muscoli addominali, stringendo così la vescica, e l'urina che rimane lì dopo un breve periodo causerà un altro bisogno di urinare. Questi sono anche i principali segni di adenoma della prostata.

Se non trattati, compaiono nuovi sintomi, simili all'enuresi. Quindi, un uomo non può più fare di notte senza urinare e il tempo che può "tollerare" viene significativamente ridotto, fino a completa incontinenza.

L'importanza di un tempestivo rinvio ad uno specialista quando rileva i primi segni è anche dovuto al fatto che senza un adeguato trattamento, l'adenoma prostatico può avere gravi complicanze, che saranno discusse ulteriormente.

Complicazioni dell'adenoma prostatico

Come hai capito, l'adenoma prostatico porta a problemi di minzione. E questo, a sua volta, provoca un grave colpo ai reni. La loro sconfitta progressiva può manifestare frequenti mal di testa, irritabilità, sete costante e una sensazione di secchezza delle fauci. Il fatto che l'urina dura troppo a lungo nella vescica aumenta significativamente la probabilità di sviluppare infezioni del tratto urinario, come la pielonefrite, l'uretrite e altri, così come la comparsa di urolitiasi.

Si deve ammettere che queste non sono le peggiori complicazioni dell'adenoma prostatico. Lo sviluppo senza ostacoli dei linfonodi prostatici può portare a una completa sovrapposizione dell'uretra. In questo caso, l'urina si accumula nella vescica, non avendo alcuna via d'uscita, che si trasforma in un forte dolore e una minaccia per la vita per l'uomo. Con tali segni, viene installato un catetere per drenare l'urina o, in caso di necessità urgente, viene eseguita immediatamente un'operazione chirurgica.

Il pericolo è che la completa sovrapposizione dell'uretra possa verificarsi anche nelle fasi iniziali della malattia. Tutto dipende da una certa confluenza di fattori provocatori, come l'ipotermia, l'abuso di alcool, l'astenersi dall'urinare e altri.

Sfortunatamente, queste non sono tutte le complicazioni dell'adenoma prostatico. A volte la crescita della prostata porta alla comparsa di sangue nelle urine. La difficoltà di diagnosticare questa complicazione risiede nella bassa concentrazione di sangue che non può essere vista ad occhio nudo. Pertanto, testare l'urina consente di identificare la malattia attraverso la presenza di coaguli di sangue in un esame microscopico del sedimento.

Una tale varietà di complicazioni, ognuna delle quali è di per sé abbastanza difficile per il corpo, richiede la tempestiva diagnosi della malattia nelle sue fasi iniziali.

Diagnosi di adenoma prostatico

Non è esagerato affermare che la diagnosi corretta dell'adenoma prostatico dipende direttamente dal paziente. Nelle prime fasi, è il sondaggio che può fornire quegli indicatori con cui uno specialista può sospettare la presenza della malattia. Una scansione del dito della prostata viene aggiunta al sondaggio.

Per gli studi di laboratorio, il materiale (cioè il segreto della ghiandola prostatica e le sbavature dall'uretra) viene assunto dopo il massaggio prostatico. Il medico curante può ottenere determinate informazioni tramite ultrasuoni, che determinano la presenza di calcoli, la quantità di urina residua dopo un movimento intestinale, la dimensione della prostata.

Un ulteriore metodo di ricerca è l'uroflussimetria. Letteralmente, il nome del termine è tradotto come la misura della velocità del getto di urina. Oltre alla velocità, viene misurato un numero di altri parametri, grazie al quale la diagnosi di adenoma prostatico diventa più accurata.

Sebbene l'adenoma prostatico non porti sempre a conseguenze oncologiche, per gli uomini a rischio, cioè la cui età ha raggiunto i 50 anni, viene prescritta un'analisi del sangue obbligatoria. In base ai risultati degli esami di laboratorio, è possibile identificare tracce della presenza di un tumore maligno o ottenere dati sulla sua assenza. È da questa età che si consiglia di eseguire un'analisi del sangue come una procedura annuale regolare. In caso di sospetto di problemi oncologici, vengono effettuati studi caratteristici aggiuntivi.

Trattamento dell'adenoma prostatico

Dopo la diagnosi, al medico viene assegnata una delle tre opzioni per il trattamento della malattia. Questo è un trattamento farmacologico dell'adenoma prostatico, della chirurgia e dei metodi non farmacologici non operati.

Il trattamento farmacologico comporta l'assunzione di determinati farmaci. Oggi sul mercato sono presentati in grandi quantità, quindi l'appuntamento è a discrezione del medico.

Tutti i farmaci sono mirati sia a rilassare le fibre muscolari della ghiandola prostatica, sia a ridurre il volume della prostata. In entrambi i casi, la compressione dell'uretra si riduce e viene ripristinato il normale corso dell'urina.

Sfortunatamente, i farmaci possono solo aiutare nelle fasi iniziali, e quindi il loro effetto non è sempre sufficiente. In questo caso, molto probabilmente, al paziente verrà offerto un intervento chirurgico. Il trattamento chirurgico dell'adenoma prostatico può essere eseguito sia apertamente che senza incisione, quando il chirurgo esegue tutte le manipolazioni attraverso l'uretra.

A volte i metodi non chirurgici possono essere un'alternativa alla chirurgia. Tutti loro mirano a ri-espandere l'uretra. Ciò avviene agendo sul canale stesso (dilatazione del palloncino o stent prostatico) o agendo sulla ghiandola prostatica (termoterapia o coagulazione a microonde).

Per quanto riguarda i metodi preventivi, quindi, purtroppo, non esistono raccomandazioni efficaci che possano garantire la protezione dall'adenoma prostatico. Di fatto, tutte le misure preventive sono ridotte a fattori di livellamento che aumentano il rischio di malattie, ovvero malnutrizione, abuso di alcool e altre cattive abitudini.

Adenoma della prostata - sintomi negli uomini, i primi segni, cause, trattamento e complicazioni di adenoma

L'adenoma della prostata è un tumore benigno che si sviluppa dallo stroma o dall'epitelio ghiandolare della prostata. Di per sé, l'adenoma non si metastatizza, ma può eventualmente degenerare in adenocarcinoma (carcinoma prostatico).

Nel 30-40% degli uomini oltre i 50 anni e nel 75-90%, oltre i 65 anni, ci sono cambiamenti nella forma di proliferazione del tessuto ghiandolare nel collo della vescica.

Cos'è questa malattia, perché si verifica negli uomini sopra i 40 anni, quali sono i primi sintomi e cosa viene prescritto come trattamento, guardiamo oltre.

Cos'è l'adenoma prostatico?

L'adenoma della prostata è una neoplasia benigna delle ghiandole parauretrali, situata intorno all'uretra nella sua sezione prostatica. Il principale sintomo dell'adenoma prostatico è una violazione della minzione dovuta alla compressione graduale dell'uretra con uno o più noduli in crescita.

In caso di adenoma, un organo viene ingrandito, il che provoca la compressione della vescica e dell'uretra. Ciò interrompe la corrente di urina e porta all'accumulo di urina residua. Inoltre, un uomo può sviluppare un'infezione del tratto genitale, urolitiasi e cancro. L'aumento è indolore, il che è pericoloso per la diagnosi rapida della malattia.

La ghiandola prostatica: cos'è?

La prostata, nota anche come prostata, è un organo situato leggermente al di sotto della vescica. Lo scopo principale della prostata - lo sviluppo di un segreto specifico, che fa parte dello sperma. Il segreto della ghiandola prostatica, determinando la consistenza dell'eiaculato (in particolare, contribuendo alla sua diluizione), contiene vitamine, enzimi, immunoglobuline, ioni di zinco, ecc.

La prostata per gli uomini è il "secondo cuore", che è responsabile della funzione sessuale, dello stato psico-emotivo e della salute generale.

Le funzioni principali della prostata includono:

  • liquefazione degli spermatozoi: grazie a ciò, gli spermatozoi acquisiscono motilità attiva e generalmente diventano vitali;
  • secrezione - nella sua composizione ha enzimi, proteine, grassi e ormoni, senza i quali il sistema riproduttivo non funzionerà normalmente;
  • espulsione dei semi - i muscoli lisci della ghiandola prostatica sono capaci di contrazione, che assicura il flusso di seme nell'uretra, ed è così che avviene l'eiaculazione.

cause di

L'adenoma della prostata si sviluppa e cresce gradualmente. Sebbene questa malattia si manifesti prevalentemente tra gli uomini più anziani, i sintomi iniziali possono essere identificati già tra i 30 ei 40 anni. È interessante notare che, inizialmente, i noduli di cellule sono massicciamente formati e solo dopo molto tempo cominciano a crescere di dimensioni.

  1. Il primo gruppo comprende le cause dovute allo stile di vita di una persona, che aumenta la probabilità di crescita della prostata. Ad esempio, può essere un lavoro sedentario o uno stress mentale attivo in assenza di quelli fisici. Ecco perché è difficile sopravvalutare il ruolo dell'esercizio fisico regolare.
  2. Il secondo gruppo include ragioni oggettive che non dipendono dallo stile di vita di una persona. È stato dimostrato che l'adenoma prostatico è causato da cambiamenti nel background ormonale di un uomo. Se consideriamo che questi cambiamenti si verificano inevitabilmente nella vecchiaia, si può concludere che solo alcuni uomini hanno la fortuna di evitare problemi con la prostata.

Ci sono un numero di fattori concomitanti che possono contribuire allo sviluppo di adenoma. Questi includono:

  • Sovrappeso (l'accumulo di tessuto adiposo contribuisce allo sviluppo di ormoni femminili);
  • Fattore ereditario;
  • aterosclerosi;
  • Abuso di fumo e alcol;
  • Processi infiammatori nei reni e nell'uretra;
  • Ipodinia e dieta malsana;
  • Ipertensione arteriosa

Tipi di adenoma prostatico

Secondo la struttura e la posizione, ci sono tre tipi di adenoma:

  1. Il tumore penetra l'uretra attraverso l'uretra, deformando lo sfintere interno e interrompendo la sua funzione.
  2. Il tumore aumenta nella direzione del retto, la minzione è lievemente compromessa, ma la perdita di contrattilità della parte prostatica dell'uretra non consente alla vescica di svuotarsi completamente.
  3. Con una compattazione uniforme della prostata sotto la pressione di un adenoma senza aumentarlo, non si osserva né la ritenzione urinaria nella vescica né i disturbi urinari. Questo è il tipo più favorevole di adenoma.

I sintomi di adenoma della prostata negli uomini

Ci sono due gruppi di sintomi di adenoma prostatico: irritativo e ostruttivo.

Il primo gruppo di sintomi nell'adenoma prostatico comprende:

  • aumento della minzione,
  • persistente (imperativo) voglia di urinare,
  • nicturia,
  • incontinenza urinaria.

Il gruppo di sintomi ostruttivi caratteristici dell'adenoma prostatico comprende:

  • difficoltà a urinare,
  • esordio ritardato e aumento del tempo di minzione,
  • sensazione di svuotamento incompleto
  • urinare flusso ad intermittenza lenta,
  • la necessità di sforzarsi

I primi segnali che devono prestare attenzione:

  • I primi segni di adenoma prostatico sono il flusso lento delle urine, l'aumento della voglia di urinare, che non finisce sempre con lo svuotamento della vescica.
  • Man mano che il tumore cresce di dimensioni, il paziente non ha più il desiderio di scoprire quali sono le cause dell'adenoma prostatico, è più preoccupato di come sbarazzarsi dei sintomi di disturbo. L'orinazione diventa difficile, devi sforzarti, urinare, connettere i muscoli addominali.

Con la complicazione dell'adenoma prostatico e la sua transizione verso uno stadio grave, tutti i sintomi si intensificheranno, il che influenzerà negativamente la vita del paziente. Nei casi gravati, solo l'intervento chirurgico può aiutare, motivo per cui è così importante prestare attenzione ai sintomi. Anche se sono stati ripetuti 1-2 volte, è necessario un esame completo.

L'adenoma della prostata negli uomini attraversa diverse fasi, ognuna delle quali è accompagnata da segni e complicazioni crescenti.

Forma compensata

I cambiamenti più caratteristici nella minzione di questo stadio sono:

  • più frequente
  • meno gratuito
  • non intenso come prima (il flusso di urina non ha più l'aspetto di una caratteristica parabola, ma cade quasi verticalmente).

Con l'ulteriore crescita della prostata e l'aumento della compressione dell'uretra, compaiono i seguenti sintomi:

  • aumento della voglia di urinare durante il giorno
  • diminuzione della produzione di urina,
  • aumento dell'incidenza del desiderio insopprimibile di urinare (i cosiddetti impulsi imperativi),
  • partecipazione dei muscoli ausiliari: il paziente di volta in volta affatica lo stomaco all'inizio o alla fine della minzione per un migliore svuotamento.

Fase subcompensata

Subcompensato - un aumento della prostata ha raggiunto livelli quando ha iniziato a influenzare fortemente la funzione della vescica per rimuovere l'urina dal corpo. Violazioni si verificano:

  • la vescica viene rilasciata in porzioni
  • le pareti della bolla aumentano di spessore
  • parte dell'urina viene trattenuta,
  • se la vescica trabocca, può verificarsi la minzione involontaria,
  • l'urina può essere torbida e contenere impurità nel sangue.

Adenoma prostatico allo stadio 3 - scompensato

C'è una diminuzione della contrattilità della vescica ai limiti minimi, un aumento dell'urina residua può essere di circa due litri. Rilevante è anche il forte allungamento della vescica, in cui i suoi contorni appaiono sotto forma di un ovale o di una forma sferica, raggiungendo l'ombelico, e in alcuni casi aumentando significativamente più in alto.

Nel frattempo, di notte, e dopo e durante il giorno, l'urina viene espulsa sistematicamente o permanentemente, questo avviene in modo involontario, a causa di gocce della vescica straripante.

Sintomi correlati di adenoma:

  • debolezza
  • nausea e mancanza di appetito
  • costipazione,
  • sete e bocca secca

Implicazioni per gli uomini

Complicazioni dell'adenoma prostatico:

  • Ritenzione urinaria acuta. Una complicazione compare in 2 o 3 stadi della malattia a causa della compressione dell'uretra da parte della ghiandola prostatica ipertrofica.
  • Infiammazione delle vie urinarie. I processi stagnanti nella vescica portano alla proliferazione dei batteri. Provocano lo sviluppo di cistite, uretrite, pielonefrite.
  • Urolitiasi. Lo svuotamento incompleto della vescica porta alla comparsa di microliti, pietre o depositi minerali. Possono causare il blocco della vescica e la ritenzione urinaria.
  • Ematuria. L'aspetto nelle urine di eritrociti, la cui causa è le vene varicose del collo della vescica.

diagnostica

Non è esagerato affermare che la diagnosi corretta dell'adenoma prostatico dipende direttamente dal paziente. Nelle prime fasi, è il sondaggio che può fornire quegli indicatori con cui uno specialista può sospettare la presenza della malattia.

La diagnosi consiste di:

  1. Il medico sta conducendo un esame digitale della prostata.
  2. Al fine di valutare la gravità dei sintomi dell'adenoma prostatico, al paziente viene offerto di compilare un diario di minzione.
  3. Eseguire uno studio delle secrezioni della prostata e delle sbavature dall'uretra per escludere complicanze infettive.
  4. Viene eseguita l'ecografia della prostata, durante la quale viene determinato il volume della ghiandola prostatica, vengono rilevate pietre e aree con ristagno, vengono valutate la quantità di urina residua, le condizioni dei reni e delle vie urinarie.

L'analisi del PSA nell'adenoma prostatico è un indicatore importante nel determinare l'estensione della malattia e la nomina del trattamento. Un tale studio è raccomandato per ogni uomo sopra i 40 anni ogni anno, perché diagnostica eventuali anomalie della prostata e può anche rilevare il cancro dell'adenoma prostatico.

Nonostante il fatto che molti pazienti aiutino i farmaci e migliorino significativamente la qualità della vita, in quasi il 100% dei casi i sintomi spiacevoli tornano un po 'di tempo dopo la sospensione dei farmaci.

  1. Gli alfa-bloccanti rilassano i muscoli della vescica e della prostata, normalizzano il processo di minzione: Silodosina, Dalfaz, Omnik, Setegis, Kornam, Adenorm, Flosin, Doxazosin, Lokren.
  2. Gli inibitori della 5-alfa reduttasi sono necessari per ridurre la quantità di tessuto ghiandolare del tumore della ghiandola prostatica, per controllare e correggere gli ormoni: Dutasteride, Finasteride.
  3. Gli antibiotici sono necessari per ridurre l'attività della flora patogena, se la causa dell'adenoma è un'infezione patogena e una rapida riproduzione: cefalosporine, gentamicina.
  4. Farmaci anti-infiammatori sono necessari per un uomo per eliminare rapidamente l'infiammazione della ghiandola prostatica, ridurre il dolore acuto nell'adenoma prostatico: Voltaren, Dikloberl, Diclofenac.
  5. Gli antispastici per un uomo sono necessari se la sindrome del dolore, anche se si osserva una dieta rigorosa, non si allontana, non si indebolisce. Preparazioni: Papaverine, Ibuprofen, Buscopan.

Prima di usare qualsiasi farmaco, assicurati di consultare il tuo medico, perché Ci sono controindicazioni per l'uso.

operazione

Le misure chirurgiche vengono applicate quando l'inefficacia della terapia conservativa o quando la malattia viene trascurata. Nell'adenoma prostatico viene prescritta un'operazione per indicazioni assolute:

  • Incapacità di urinare;
  • Ematuria massiccia;
  • Pietre nella vescica;
  • Processi patologici nella ghiandola prostatica;
  • Un aumento della proporzione media della prostata;
  • Insufficienza renale;
  • Grande accumulo di urina residua.

Un'operazione non programmata (di emergenza) viene eseguita entro un giorno dopo l'insorgenza dello sviluppo di complicazioni: con sanguinamento grave che minaccia la vita del paziente e con ritenzione urinaria in forma acuta.

Preparazione per la chirurgia:

  1. Viene eseguito un esame del sangue generale per determinare l'anemia (una ridotta quantità di emoglobina e globuli rossi), leucocitosi (che parla di qualsiasi processo infiammatorio).
  2. Prima dell'intervento, è necessario controllare la funzionalità dei reni mediante un esame del sangue biochimico. In presenza di compromissione renale, la creatinina e l'urea ematica saranno elevate.
  3. Sono necessari studi di coagulazione del sangue per escludere il rischio di tromboembolia o sanguinamento, sia durante che dopo l'intervento chirurgico.
  4. ECG (elettrocardiogramma) - al fine di escludere possibili complicazioni del cuore durante l'intervento chirurgico.

Esistono vari metodi di trattamento chirurgico dell'adenoma prostatico:

  • La resezione transuretrale o TUR è un metodo diffuso, perché tale operazione viene eseguita attraverso l'uretra senza incisioni. Tuttavia, può essere utilizzato solo con massa di adenoma fino a 60 ge fino a 150 mg di urina residua nella vescica. Anche questo metodo non può essere usato in caso di insufficienza renale del paziente.
  • L'adenomectomia (prostatectomia aperta) è un metodo popolare di trattamento chirurgico dell'adenoma prostatico a causa del minor numero di controindicazioni. È importante usare quando la massa della prostata supera i 40 grammi e la quantità di urina residua da 150 ml. Non interferire con l'operazione e le varie complicazioni della patologia.

Probabilità di ricaduta

Dopo l'intervento per l'adenoma della prostata, sono possibili ricadute infiammatorie. A questo proposito, durante il periodo postoperatorio è necessario osservare le precauzioni che il medico designa:

  • non sovraccaricare
  • non eccedere
  • seguire una dieta
  • essere supervisionato da uno specialista.

Trattamento minimamente invasivo dell'adenoma prostatico.

  1. Metodo termico: la dimensione della ghiandola prostatica diminuisce sotto l'influenza delle alte temperature. Radiofrequenza e radiazione a microonde vengono utilizzate per riscaldare i tessuti di un organo, meno frequentemente - ultrasuoni.
  2. Criodistruzione: le cellule dei tessuti anormali vengono distrutte dall'esposizione a temperature estremamente fredde.
  3. Tecnica laser: la radiazione laser colpisce l'acqua nei tessuti della ghiandola prostatica, la riscalda. Esiste una piegatura (coagulazione) del tessuto d'organo.
  4. Dilatazione del palloncino dell'uretra - un catetere viene inserito nell'uretra con un pallone a palloncino all'estremità con cui si espande il lume dell'uretra.
  5. Stenting dell'uretra prostatica - uno stent (scheletro sotto forma di un cilindro) viene inserito nell'uretra, che facilita il paziente a urinare.

Dieta per adenoma

La dieta è selezionata individualmente per ciascun paziente, tenendo conto del grado di abbandono della patologia, delle condizioni generali del paziente e della sua storia, nonché delle preferenze di gusto del paziente. Ma, come dimostra la pratica, senza cambiare la modalità e l'equilibrio del potere non è abbastanza.

Particolare attenzione è rivolta ai prodotti ricchi di selenio (Se) e zinco (Zn), che hanno un effetto positivo sul tumore, riducendone le dimensioni. Durante la malattia, l'uomo dovrebbe ricevere durante il giorno 25 mg di zinco e non meno di 5 mg di selenio.

Adenoma prostatico

L'adenoma della prostata si sviluppa nella grande maggioranza degli uomini anziani. È desiderabile conoscere e comprendere la malattia già in giovane età, questo renderà possibile non solo riconoscerlo nel tempo, ma anche prevenirlo il più possibile.

Cos'è l'adenoma prostatico

L'iperplasia prostatica benigna (BPHD) o l'adenoma prostatico è un disturbo comune negli uomini maturi e anziani. È caratterizzato da una serie di sintomi associati a minzione ridotta.

Quando la malattia nella ghiandola prostatica cresce il tessuto connettivo e l'epitelio, che porta al suo aumento. Attraverso la ghiandola passa la parte superiore dell'uretra, quindi la sua crescita può bloccare il normale flusso di urina. A causa dello sviluppo della ritenzione urinaria, la vescica e i reni possono essere colpiti nel tempo.

statistica

In Russia, l'incidenza di adenoma nel 2009 è stata una volta e mezza superiore all'inizio del secolo: 2221, 5 per 100 mila uomini adulti (Apolikhin OI, et al., 2011). Non tutti gli uomini adulti soffrono con la stessa frequenza: il più delle volte i sintomi della malattia compaiono all'età di 60 anni, all'età di 30 anni la sua manifestazione non si manifesta neppure a livello istologico. Un ingrossamento benigno della ghiandola si verifica in circa il 90% degli uomini di età superiore agli 80 anni.

Servizi medici

Test diagnostici

Sintomi di adenoma prostatico

Le manifestazioni della malattia sono principalmente associate a disturbi della minzione: il passaggio dell'urina è disturbato e la capacità della vescica di accumularsi e trattenerla peggiora. Questo gruppo di sintomi è chiamato i sintomi del tratto urinario inferiore. Questi includono:

  • Sintomi della fase di accumulazione. Caratterizzato da minzione frequente, ci possono essere cosiddetti impulsi imperativi (desiderio travolgente di svuotare la vescica). Inoltre, gli uomini devono spesso alzarsi in bagno durante la notte.
  • I sintomi della fase di svuotamento. Il flusso di urina diventa letargico, può essere interrotto e spruzzato. Un uomo deve spingere per urinare.
  • Sintomi postmicrobrali. Dopo la minzione, l'urina può gocciolare leggermente, rimane una sensazione di insoddisfazione per lo svuotamento.

In 65 anni, i segni pronunciati di adenoma prostatico possono essere rilevati nel 30% degli uomini.

Va notato che questi sintomi si verificano non solo nell'adenoma, ma anche in una serie di altre patologie (disturbi nervosi della minzione, prostatite, cancro alla prostata e altri).

Fasi e adenoma prostatico

Ci sono tre fasi nel corso della malattia.

La fase I può durare per molti anni senza passare a forme più gravi. Con lei, c'è un aumento della minzione, gli uomini sono disturbati dalla voglia di andare alla toilette durante la notte. Un flusso di urina diventa pigro, potrebbe essere necessario spingere. Parallelamente compaiono i primi segni di incontinenza urinaria.

Allo stadio II, le manifestazioni diventano più pronunciate. Un flusso di urina viene interrotto, l'urina residua inizia a ristagnare nella vescica. La necessità di raddrizzare può portare a ernie o addirittura a prolasso rettale. Questo stadio andrà a quello successivo.

Lo stadio III è caratterizzato dall'allungamento della vescica e da una diminuzione della sua capacità di contrarsi. La sua sensibilità diminuisce, il che può portare ad un'illusione di sollievo dei sintomi. Le complicanze spesso si sviluppano in questa fase: infezioni, danni ai reni e calcoli alla vescica. L'incontinenza urinaria aumenta, gli uomini sono spesso costretti a ricorrere a misure speciali (cuscinetti, orinatoio).

All'ultimo stadio, i sintomi generali appaiono associati all '"avvelenamento" della propria urina: l'appetito peggiora, la debolezza, la secchezza delle fauci e la stitichezza compaiono.

Complicazioni dell'adenoma prostatico

La malattia può durare a lungo senza compromettere la qualità della vita, per la maggior parte degli uomini le complicanze non si sviluppano. Tuttavia, non sono rari e devi conoscerli.

  • Ritenzione urinaria acuta. Si manifesta con l'improvvisa incapacità di svuotare la vescica e il dolore sopra il pube. Questa condizione richiede cure di emergenza, un catetere viene inserito nella vescica o viene eseguita una piccola operazione.
  • Infezione del tratto urinario. Cistite e pielonefrite si sviluppano a causa dell'urina stagnante, che crea condizioni favorevoli per la crescita dei batteri.
  • I calcoli alla vescica sono anche dovuti all'urina stagnante.
  • Danno alla vescica Se la vescica non viene regolarmente svuotata regolarmente, viene tesa, le sporgenze (tasche) si formano nelle sue pareti, in cui l'urina ristagna.
  • Danno ai reni L'aumento della pressione nella vescica e negli ureteri può avere un effetto dannoso diretto sui reni. Questo può portare allo sviluppo di insufficienza renale.

Cause di adenoma prostatico

Le cause della malattia non sono completamente comprese. È stato stabilito che nel verificarsi dell'adenoma il ruolo più importante è giocato dalla diminuzione correlata all'età del livello degli ormoni sessuali e dalla successiva ristrutturazione dell'organismo, cioè la menopausa maschile.

I principali fattori di rischio sono:

  • Età. Una prostata ingrossata praticamente non si verifica fino all'età di 40 anni e all'età di 65 anni, i suoi sintomi sono già presenti in un terzo degli uomini.
  • Eredità. Se il padre ha sofferto di iperplasia, aumenta le possibilità di sviluppo nel figlio dopo aver raggiunto l'età adulta.
  • Diabete, malattie cardiache. Oltre alle malattie stesse, anche le medicine contro di loro, come i beta-bloccanti, possono essere avvicinate.
  • Stile di vita L'obesità aumenta il rischio di malattia, l'esercizio - riduce.

Diagnosi di adenoma prostatico

I medici hanno questionari speciali che aiutano a identificare i reclami specifici. Inoltre, il diario di un paziente può aiutare lo specialista a stabilire la diagnosi. Registra i parametri di quantità e qualità: il volume dell'urina, le caratteristiche del fluido consumato, gli impulsi imperativi, le sollecitazioni notturne e così via. Le registrazioni devono essere conservate per almeno tre giorni, è uno strumento semplice ed efficace.

Il principale metodo di esame fisico è l'esame digitale della ghiandola prostatica. Permette di rivelare il suo aumento ed escludere alcune altre patologie.

  • analisi delle urine;
  • analisi biochimica del sangue (prima di tutto i medici sono interessati al contenuto di creatinina e urea, marcatori del rene);
  • Determinazione del PSA (per tutti gli uomini sopra i 50 anni, per il monitoraggio del cancro alla prostata).

L'azotemia, un segno di danno renale, con adenoma si verifica nel 15-30% dei casi.

Indicato a tutti i pazienti con adenoma sospetto:

  • ecografia transrettale (Stati Uniti);
  • Urofluometria (tasso di flusso urinario);
  • determinazione del volume di urina residua mediante ultrasuoni.

Secondo le indicazioni speciali si terrà:

  • riempimento di cistometria;
  • rapporto pressione / portata;
  • elettromiografia del pavimento pelvico;
  • urografia escretoria;
  • uretrocistoscopia.

Trattamento dell'adenoma prostatico

Gli obiettivi principali perseguiti dal trattamento sono di alleviare i sintomi delle basse vie urinarie, migliorare la qualità della vita, prevenire le complicazioni della malattia.

Per i pazienti con sintomi lievi o moderati che non influenzano la qualità della vita, le linee guida europee per il trattamento dell'iperplasia prostatica benigna raccomandano un'attesa attiva o l'osservazione in attesa. Durante questo periodo, nessun trattamento medico o chirurgico viene effettuato, il paziente deve essere regolarmente (una volta all'anno o sei mesi) esaminato da un urologo o un andrologo per controllare il decorso della malattia. In questo momento, l'accento è posto sul trattamento non farmacologico. Questo include:

  • Terapia comportamentale Il paziente dovrebbe:
    • ridurre il consumo di alimenti liquidi e diuretici (bacche, ecc.) 3 ore prima di coricarsi;
    • non dimenticare di svuotare la vescica durante la notte;
    • senza istruzioni speciali del medico, non prendere diuretici e preparazioni anticolinesterasici la sera (ad esempio, galantamina).
  • Esercizi per allenare i muscoli del bacino (esercizi di Kegel, terapia fisica).

Questi metodi possono anche integrare il trattamento conservativo. Per questi ultimi, secondo le linee guida della medicina russa, vengono utilizzati i seguenti farmaci:

  • Alfa bloccanti (tamsulosina, alfuzosina). Attualmente, questi sono farmaci di scelta, sono usati per i sintomi sia moderati che gravi.
  • 5 inibitori della alfa reduttasi (finasteride). Riducono il volume della ghiandola, ritardano la sua crescita.
  • Inibitori della fosfodiesterasi di tipo 5 (sildenafil). Farmaci, utilizzati principalmente per il trattamento di impotenza, ma hanno dimostrato efficacia nell'adenoma.
  • Trattamento combinato La più comune combinazione di alfa bloccanti e inibitori della 5-alfa reduttasi
  • I bloccanti dei recettori muscarinici o i colinolitici M (solifenacina) sono prescritti principalmente quando i sintomi dell'accumulo sono dominanti.

Non raccomandato, non ha dimostrato efficacia: - preparati a base di erbe; - preparati a base di estratto di prostata.

Le principali operazioni sono l'escissione transuretrale, la resezione transuretrale e la rimozione della prostata. Il trattamento chirurgico è indicato per:

  • ritenzione urinaria ricorrente;
  • insufficienza renale dovuta ad adenoma;
  • calcoli alla vescica;
  • recidiva delle infezioni del tratto urinario;
  • ematuria ricorrente.

Inoltre, i pazienti vengono operati su chi:

  • non ha ottenuto sollievo dalla terapia farmacologica;
  • non voglio prendere droghe, ma richiedere un trattamento.

La chirurgia per l'adenoma della prostata è uno degli interventi chirurgici più comuni, possono essere trasportati fino al 30% degli uomini (Wasson J et al, 1994).

Durante il trattamento conservativo o dopo l'intervento chirurgico, è necessario visitare il medico almeno una volta all'anno. L'urologo esegue i test standard richiesti per l'esame clinico (ecografia, determinazione della velocità di flusso delle urine, PSA). Inoltre, lo specialista dovrebbe chiedere in dettaglio i cambiamenti nella qualità della vita del paziente, conoscere i possibili effetti collaterali dei farmaci.

Prevenzione degli adenomi della prostata

Data la prevalenza della malattia, la conoscenza della sua prevenzione è necessaria per tutti. Non possiamo influenzare tutti i fattori di rischio per la malattia (ereditarietà, spostamento ormonale), ma seguendo alcune regole aiuta a mantenere la salute della prostata.

  • Dieta per l'adenoma della prostata. È auspicabile ridurre il consumo di cibi grassi e carni rosse. È necessario aumentare la proporzione di verdure, frutta e omega-acidi.
  • Attività fisica È dimostrato che l'educazione fisica ha un effetto positivo sulla salute della ghiandola prostatica.
  • Controlla il peso corporeo.
  • Ridurre al minimo lo stress migliora gli ormoni e rallenta la progressione della malattia.
  • Vita sessuale regolare.

Se la diagnosi è già stata stabilita, le misure di prevenzione secondaria aiuteranno a rallentare la progressione della malattia e le complicanze. Questi includono:

  • terapia comportamentale (vedi in Trattamento);
  • dieta (vedi sopra);
  • esclusione di alcol;
  • evitamento di temperature elevate, come gite in sauna;
  • l'esercizio con l'adenoma prostatico dà un buon effetto;
  • visite preventive regolari al medico.

Adenoma prostatico: sintomi, diagnosi, trattamento negli uomini

L'adenoma della prostata è la presenza di una crescita benigna della ghiandola prostatica che si trova intorno all'uretra.

Per comprendere l'essenza dell'adenoma prostatico, è necessario rivolgersi all'anatomia.

La prostata è un organo sessuale maschile che ha la forma di una castagna e si trova nel perineo tra lo sfintere uretrale esterno e la vescica. Una parte dell'uretra passa attraverso lo spessore della ghiandola prostatica. Queste caratteristiche e causano l'apparizione dei sintomi principali nelle malattie della ghiandola prostatica.

In determinate condizioni, il tessuto della ghiandola prostatica inizia a crescere attivamente - all'ipertrofia. Il tessuto così alterato era chiamato adenoma. Questo tumore è benigno, cioè aumenta le sue dimensioni lentamente, senza causare metastasi. Ma quando un adenoma in crescita schiaccia l'uretra e le ghiandole nel suo spessore, compaiono i segni della malattia.

Foto ad ultrasuoni della prostata ad ultrasuoni

Perché si verifica l'adenoma prostatico e chi è a rischio?

L'adenoma prostatico è una delle malattie più comuni tra gli uomini anziani.

Lo studio ha rivelato che l'adenoma prostatico si verifica nel 25% degli uomini di età compresa tra 40 e 50 anni, nel 50% in 50-60 anni, nel 65% in 60-70 anni e nell'80% in 70-80 anni, oltre il 90% - oltre gli 80 anni. Tuttavia, i sintomi della malattia e, di conseguenza, la diagnosi di adenoma prostatico sono molto diversi. La ragione di questo è la diversa intensità dei sintomi in uomini diversi. I sintomi di minzione problematica preoccupano il 40% degli uomini con questa malattia, ma solo il 20% di loro cerca assistenza medica.

Dati accurati sulle cause dell'adenoma prostatico non lo sono. La maggior parte degli scienziati ritiene che i fattori più probabili che portano al cancro alla prostata siano i cambiamenti legati all'età e la normale secrezione degli ormoni sessuali maschili.

I dati sulla propensione ereditaria alla malattia non sono confermati, solo la predisposizione allo sviluppo precoce dell'adenoma prostatico viene ereditata.

Secondo altre teorie, la crescita dell'adenoma prostatico è influenzata dall'attività sessuale, dal sovrappeso, dal consumo di alcool e dal fumo di tabacco - fattori che contribuiscono in modo significativo alla comparsa di adenoma prostatico.

Come si manifesta l'adenoma prostatico

Sotto l'influenza della crescita del tessuto prostatico, un organo viene ingrandito, che a sua volta comprime (restringe) l'uretra. La malattia è caratterizzata dai seguenti sintomi:

Difficoltà e aumento della minzione - specialmente minzione frequente durante la notte. Ciò è dovuto alle peculiarità della regolazione nervosa del funzionamento della vescica. Gli uomini non possono assolutamente provare alcun disagio durante il giorno, ma di notte si alzano in bagno 3-4 volte e quasi non svuotano la vescica. La sensazione di rilascio incompleto della vescica è spesso impercettibile a causa della maggiore minzione al mattino. Gli uomini con un tale problema lamentano che, nonostante la normale minzione nel pomeriggio, al mattino devono farlo 3-4 volte all'ora.

Indebolimento del flusso di urina - manifestato nella fase iniziale della malattia, fino a quando l'insorgenza di altri sintomi della malattia spesso passa inosservata.

Improvviso, difficile da tenere premuto (imperativo) voglia di urinare - in presenza di questo sintomo, gli uomini, di regola, consultare un medico.

L'incontinenza urinaria è un sintomo che tende ad apparire durante lo sviluppo a lungo termine di un adenoma.

Tutti i suddetti sintomi della malattia non compaiono immediatamente, ma gradualmente il loro numero aumenta nel tempo. Per lungo tempo, l'adenoma prostatico è in grado di manifestarsi con un solo sintomo difficilmente percettibile. Una tale condizione un uomo può trovare la causa sotto forma di età, stress o altri fattori, ma quando iniziano le complicazioni e compaiono più sintomi spiacevoli, si rivolge a un medico.

Qual è il pericolo di adenoma della prostata?

L'adenoma della prostata è un tumore benigno, vale a dire da sole, le cellule di adenoma non sono in grado di crescere e formare metastasi. Il principale pericolo di questa malattia è le sue complicanze.

Le complicanze più comuni dell'adenoma prostatico sono:

  • Infezioni del tratto urinario (pielonefrite, prostatite, cistite) - abbastanza spesso si verificano con adenoma prostatico e sono associati a svuotamento incompleto della vescica, che diventa il mezzo ottimale per la riproduzione dei microbi. Emergendo sotto forma di complicazioni, le infiammazioni infettive creano un disagio ancora maggiore nella vita di un uomo.
  • La formazione delle pietre è un satellite comune dell'adenoma della prostata. A volte il riscontro di calcoli renali è l'unico segno della presenza della malattia.
  • La ritenzione urinaria acuta è la complicazione più comune del decorso dell'adenoma. La sua presenza contribuisce all'uso di alcol e di alcuni farmaci. Allo stesso tempo, la minzione non si verifica a causa della completa sovrapposizione dell'uretra dovuta al gonfiore della ghiandola. Questa complicazione richiede cure mediche immediate.
  • Insufficienza renale cronica - manifestata nel lungo corso della malattia e può essere fatale nell'adenoma della prostata.

Tutti i casi di mortalità nell'adenoma prostatico sono associati allo sviluppo di complicazioni e al trattamento tardivo della malattia. In questo caso, la morte si verifica principalmente a causa di tre ragioni: sepsi, insufficienza renale e complicanze dopo l'intervento chirurgico.

Va ricordato che con l'adenoma prostatico il numero di sintomi aumenta con l'età e la frequenza delle complicanze è simile ad altre malattie. Tali complicazioni possono essere prevenute consultando un medico in anticipo e iniziando un ciclo di trattamento.

Adenoma prostatico: metodi diagnostici

Nella maggior parte dei casi, la diagnosi di adenoma prostatico non causa difficoltà. All'esame iniziale, il medico prende in considerazione i reclami dell'uomo e conduce un esame digitale rettale della ghiandola prostatica. Per chiarire la diagnosi, nonché per determinare il grado di disturbi della minzione e le dimensioni dell'adenoma, applicare l'uroflussimetria e gli ultrasuoni.

L'ecografia della prostata consente di determinare le dimensioni dell'adenoma e della prostata, la presenza di pietre e noduli. Inoltre, i risultati degli ultrasuoni sono necessari per selezionare un metodo di trattamento. Effettuare anche ricerche sulle condizioni della vescica, degli ureteri e dei reni.

Uroflowmetry - un metodo per determinare in modo affidabile il livello di difficoltà a urinare. In questo studio, un uomo ha bisogno di urinare, e un'attrezzatura speciale determinerà il tempo di urinazione e la velocità di flusso delle urine, vale a dire consentirà in forma qualitativa di correggere le violazioni esistenti.

Inoltre, condurre uno studio obbligatorio sul sangue del PSA. È usato per fare una diagnosi differenziale di cancro alla prostata e adenoma prostatico. La norma è un livello non superiore a 4 ng / ml. Se questa diagnosi fornisce dati controversi, la diopsia della prostata viene prescritta per la diagnosi finale.

A volte anche usato i metodi di esame a raggi X (cistografia, urografia escretoria), permettendo di valutare l'effetto di una prostata ingrossata sul tratto urinario. Per escludere malattie della vescica e dell'uretra, avendo sintomi simili e in preparazione per l'operazione utilizzando il metodo di cistoscopia - ispezione della vescica e dell'uretra usando uno strumento speciale.

Adenoma prostatico: metodi di trattamento

L'unico trattamento che può salvare un paziente dall'adenoma prostatico è la chirurgia. Ma nelle fasi iniziali della malattia e se ci sono controindicazioni all'effetto chirurgico, viene prescritta una terapia farmacologica per ridurre i sintomi progressivi della malattia. A causa della scarsa efficacia della fisioterapia, i metodi non operativi non sono molto diffusi.

Nel 1993, il Comitato internazionale per il trattamento dell'Adenoma prostatico propose una scala di sintomi I-PSS, che si basava su una valutazione sommaria della gravità dei disturbi della minzione. Se su questa scala la somma dei punti è inferiore a 8 - la malattia non richiede trattamento, con 9-18 punti prescritti terapia conservativa di farmaci, da 18 punti o più - rimozione chirurgica.

Esistono vari metodi di trattamento chirurgico dell'adenoma prostatico:

La resezione transuretrale o TUR è un metodo diffuso, perché tale operazione viene eseguita attraverso l'uretra senza incisioni. Tuttavia, può essere utilizzato solo con massa di adenoma fino a 60 ge fino a 150 mg di urina residua nella vescica. Anche questo metodo non può essere usato in caso di insufficienza renale del paziente.

L'adenomectomia (prostatectomia aperta) è un metodo popolare di trattamento chirurgico dell'adenoma prostatico a causa del minor numero di controindicazioni. È importante usare quando la massa della prostata supera i 40 grammi e la quantità di urina residua da 150 ml. Non interferire con l'operazione e le varie complicazioni della patologia.

L'ablazione laser, la distruzione laser e la vaporizzazione TURV della ghiandola prostatica vengono utilizzate con le raccomandazioni di TUR. Questi metodi sono considerati più benigni, la perdita di sangue durante l'intervento chirurgico è ridotta al minimo, quindi è possibile eseguire un'operazione con una massa tumorale di oltre 60 g e praticarla in pazienti giovani, per i quali è importante preservare la funzione sessuale.

Il chirurgo seleziona il metodo di intervento, a seconda della gravità dei segni della malattia, delle condizioni generali del paziente, della quantità di urina residua, della dimensione dell'adenoma prostatico. Oggi i medici preferiscono metodi minimamente invasivi (distruzione laser, ROUND, ecc.), Poiché tali operazioni vengono eseguite senza incisioni e non costringono il paziente a rimanere in anestesia generale per un lungo periodo, vengono eseguite in anestesia spinale. Di conseguenza, il periodo postoperatorio di riabilitazione del paziente viene abbreviato e la qualità della vita è migliorata.

Trattamento dell'adenoma prostatico: metodi minimamente invasivi

A differenza di altre indicazioni mediche in urologia, molte procedure chirurgiche vengono eseguite senza accesso aperto. Sono stati sviluppati molti strumenti speciali che consentono manipolazioni senza tagli. Molti di loro possono essere eseguiti in uno spogliatoio in anestesia locale. L'uso di tali tecnologie può ridurre significativamente il trauma postoperatorio fisico e psicologico. La perdita di sangue è ridotta al minimo. Il trattamento con un metodo minimamente invasivo non richiede una riabilitazione a lungo termine, la degenza in ospedale, la rimozione dei punti. Tutto ciò rende questi metodi più preferibili, soprattutto tra i giovani pazienti, per i quali è importante il rapido ripristino della capacità lavorativa e della qualità della vita.

Il più antico metodo endourologico per il trattamento dell'adenoma prostatico è la resezione transuretrale dell'adenoma. Dopo una tale operazione, ci sono molte meno complicazioni rispetto alla chirurgia aperta. Tuttavia, tenendo conto delle capacità tecniche, il metodo presenta una serie di limitazioni: la quantità di urina residua non può superare 250 ml e la massa di adenoma è di 60 g TUR non è utilizzato se il paziente ha insufficienza renale.

Quando si esegue la resezione transuretrale, il tessuto dell'adenoma prostatico viene tagliato dall'interno con uno strumento speciale ei suoi resti vengono rimossi dalla vescica utilizzando un palloncino speciale. Il problema principale con questo è fermare l'emorragia. Di solito, il sangue viene fermato dal metodo di coagulazione, ma a volte tali misure non sono sufficienti e i tessuti aggiuntivi della ghiandola prostatica devono essere asportati. Con tali manipolazioni, il rischio di danni all'uretra, alla vescica e ad altri organi situati nelle immediate vicinanze aumenta notevolmente. Tra le altre cose, un particolare pericolo è una complicanza, chiamata sindrome di TUR, che si verifica durante il sanguinamento intenso con l'assorbimento di una grande massa di liquido ipotonico o isotonico (utilizzato per lo stretching dei tessuti e il riempimento della vescica durante l'intervento chirurgico).

Allo stato attuale, un nuovo metodo per rimuovere l'adenoma della ghiandola prostatica sta diventando popolare - con l'aiuto di un laser. Allo stesso tempo, non vengono eseguite anche incisioni, l'accesso all'organo viene eseguito attraverso l'uretra. Questo metodo ha più opportunità e causa meno complicanze rispetto all'adenoma TUR.

Il laser fu usato per la prima volta dagli urologi negli anni '60. Ma i primi tentativi di trattare gli adenomi con un laser avevano meno restrizioni, motivo per cui erano accompagnati da un grave edema dell'uretra dopo l'operazione. Di conseguenza, il paziente ha riscontrato un aumento del periodo di cateterizzazione della vescica, che ha compromesso seriamente la qualità della sua vita.

Ad oggi, c'è un tipo completamente nuovo di laser che non cauterizza il tessuto adenoma, ma li vaporizza. I moderni laser urologici operano sul principio dell'evaporazione selettiva (selettiva) del laser, utilizzata per rimuovere i tessuti patologici. La combinazione di parametri laser - radiazioni, impulsi e lunghezza d'onda - rende possibile ottenere risultati incompatibili con altri metodi: il danno tissutale è escluso. Rispetto alla TUR, alla coagulazione laser e ad altri metodi, la loro alternativa sotto forma di evaporazione laser selettiva è una procedura comoda e indolore che riduce la probabilità di complicanze.

Per comprendere il principio dell'azione dell'evaporazione laser selettiva dei tessuti, è necessario passare al lato fisico della tecnologia. Poiché i tessuti molli contengono una grande quantità di acqua, per asportare completamente il tessuto, la radiazione laser dovrebbe essere ben assorbita dall'acqua. Inoltre, per arrestare con successo il sanguinamento che si è verificato, è richiesto l'assorbimento dell'emoglobina. Il sistema laser ha il vantaggio di essere in grado di fornire il massimo grado di assorbimento da parte dell'emoglobina e dell'acqua a una lunghezza d'onda costante. Il modello del raggio laser fornisce una messa a fuoco e una consegna efficaci del fascio ai tessuti adenoidi. A causa di ciò, l'operazione può essere eseguita in anestesia locale e il paziente presenta un minimo di disagio ed effetti collaterali.

L'uso del metodo di evaporazione laser dell'adenoma della ghiandola prostatica ha meno restrizioni rispetto al TUR tradizionale, che si spiega con una minima perdita di sangue e la mancanza di necessità di anestesia generale. Pertanto, diventa reale attuazione dell'operazione in giovane età, quando è necessario mantenere la funzione sessuale e con una massa di adenoma da 60 g.

Adenoma della prostata - trattamento

L'uso del metodo di evaporazione laser elimina virtualmente le complicazioni che possono sorgere dopo il TUR e l'operazione stessa presenta vantaggi significativi:

la soluzione ideale per gli uomini che assumono anticoagulanti;

non influenza la funzione della vescica e la funzione sessuale del paziente;

leggero carico sugli organi del sistema cardiovascolare;

Prevenire l'eiaculazione retrograda come procedura preventiva;