Principale
Analisi

PSA ammesso per prostatite

L'antigene prostatico specifico o proteina PSA è prodotto dai tessuti della ghiandola prostatica ed è necessario per la diluizione dello sperma. Poiché le cellule maligne producono una maggiore quantità di questa proteina, è chiamata marcatore tumorale del cancro alla prostata. Tuttavia, eventuali processi patologici nella ghiandola prostatica possono influenzare la quantità di proteine ​​che entrano nel sangue. Pertanto, un esame del sangue rivela una maggiore concentrazione di PSA nella prostata o adenoma.

Perché aumenta il livello di antigene?

Normalmente, l'epitelio secretorio prostatico secerne così tante proteine ​​che il suo livello nel sangue non supera i 4 ng / ml. Tuttavia, solo nella degenerazione cellulare maligna, la produzione di PSA aumenta. In altri casi, il tasso di crescita è influenzato da altri fattori:

  1. Nell'ipertrofia prostatica benigna, i tessuti troppo cresciuti esercitano una pressione sui tessuti normali dell'organo, a seguito del quale la proteina entra più attivamente nel flusso sanguigno.
  2. Il livello di PSA nel sangue aumenta man mano che le infezioni e l'infiammazione che ne derivano interrompono le funzioni di barriera dei tessuti e la sostanza entra nei vasi sanguigni.

PSA è progettato per rilevare eventuali anomalie nella funzione della ghiandola prostatica. La maggior parte degli uomini che hanno un livello aumentato di proteine ​​non soffre di cancro. La concentrazione di PSA aumenta con lo sforzo fisico prolungato, dopo l'eiaculazione, la recente biopsia della prostata o la chirurgia della vescica.

Cosa dicono i risultati dell'analisi?

I risultati del test PSA per la prostata sono interpretati in vari modi. La concentrazione di proteine ​​viene misurata in nanogrammi per millilitro di sangue. Alcuni scienziati ritengono che la soglia minima debba essere ridotta a 2,5 ng / ml per rilevare più casi di prostatite e altre malattie. Tuttavia, questo può portare al trattamento di cancri che non sono clinicamente significativi.

Quando diagnostichi la prostata, guarda tre diversi tipi di PSA:

  1. L'antigene prostatico specifico libero rappresenta solo il 20% del PSA totale presente nel sangue.
  2. PSA associato con a1-antichymotrypsin (AHT) o a2-macroglobulina. Ma solo la proteina correlata ad AXT può essere determinata in laboratorio.
  3. Il PSA totale è la quantità cumulativa di proteine ​​che entra nel sangue.

Quale livello indica la prostatite?

La prostatite non è una malattia maligna e non aumenta la probabilità di cancro alla prostata. Ma il monitoraggio dei risultati del PSA aiuta il medico a regolare il processo di trattamento del processo infiammatorio.

Un antigene prostatico specifico totale a un livello di 4-10 ng / ml può indicare le seguenti malattie:

  • cancro alla prostata (il rischio di una sua diagnosi aumenta del 25%);
  • iperplasia prostatica benigna;
  • prostatite.

Questo numero di diagnostici del PSA viene spesso definito "zona grigia", poiché valori superiori a 10,0 ng / ml significano un'aumentata probabilità di un processo di cancro del 67%.

Il livello di PSA libero dipende dal tipo di malattia della prostata e viene utilizzato per la diagnosi differenziale. Quando il livello totale di PSA supera i 4 ng / ml, ma meno di 10 ng / ml, i medici esaminano il seguente rapporto di frazioni proteiche:

  • livelli più bassi di PSA libero aumentano il rischio di cancro alla prostata, poiché le cellule maligne producono più a1-antichymotrypsin, che aumenta la concentrazione di proteine ​​nella forma legata;
  • Un aumento del PSA libero riduce il rischio di cancro, ma può indicare prostatite cronica.

Ulteriori indicatori per l'analisi del PSA nell'infiammazione della prostata

Gli uomini sopra i 50 anni sono invitati a donare sangue per PSA ogni anno. Tuttavia, per migliorare l'accuratezza del test, gli esperti hanno introdotto indicatori che analizzano l'antigene prostatico specifico mediante vari parametri.

La densità del PSA comporta il calcolo del livello di antigene in relazione alla dimensione della ghiandola, determinata durante l'ecografia transrettale. La bassa densità proteica indica che la causa dell'aumento della sua concentrazione era la prostatite.

Il tasso di aumento del PSA è un confronto tra i livelli di proteine ​​in un certo periodo di tempo, per esempio, per un anno. Si ritiene che un rapido aumento della concentrazione di PSA indichi lo sviluppo di prostatite acuta o segni di cancro.

Guardare il livello della proteina del primo arrivato

Recenti studi hanno dimostrato che la prostatite può portare a un salto nel livello di PSA nel siero. Gli uomini il cui esame rettale digitale non ha mostrato segni di anormalità, ma che hanno un'alta concentrazione e un alto tasso di aumento del PSA, dovrebbero essere testati, nonostante l'assenza di sintomi del processo infiammatorio.

L'aumento dei livelli di PSA significa sempre che il lavoro dell'organo principale del sistema riproduttivo maschile è compromesso. Fissando i salti acuti nei valori dell'indice, i medici consigliano:

  • con un significativo aumento del livello di proteine, è necessario verificare la presenza di infezione urogenitale o sintomi di prostatite;
  • Se viene rilevata un'infezione o una prostatite, il PSA deve essere ritestato dopo il trattamento.

Anche se la prostatite non è stata diagnosticata, è consigliabile donare una seconda volta il sangue per un antigene prostatico specifico. Ad un livello elevato, viene prescritta una biopsia prostatica per escludere o confermare il cancro.

Comunicazione con malattie oncologiche

Non ci sono prove dirette che la prostatite possa portare al cancro alla prostata. Tuttavia, i suoi segni istologici si trovano spesso nello studio del tessuto maligno della prostata. Rimosso a causa di cancro, il ferro può avere tracce di infiammazione focale in pazienti che non hanno lamentato i sintomi della prostatite, come il dolore pelvico e la minzione dolorosa.

L'infiammazione è presente nell'iperplasia prostatica benigna, a causa della crescita eccessiva della ghiandola, piccole lacrime si verificano nei tubuli, che consentono al segreto di infiltrarsi nel tessuto e causare la prostatite. Pertanto, la rilevazione del PSA è il primo passo nella prevenzione e diagnosi di malattie più gravi.

Dimostrato che alti livelli di PSA nel cancro alla prostata inibiscono lo sviluppo di un tumore. Inoltre ha rivelato una relazione negativa tra prostatite cronica e la probabilità di sviluppare il cancro. La concentrazione di PSA è solitamente elevata nei pazienti con prostatite cronica.

Questo processo infiammatorio stimola il flusso di sangue saturo di immunoglobuline (cellule immunitarie) alla ghiandola prostatica. Sono questi anticorpi che sono in grado di distruggere le prime cellule maligne nella prostata e inibire la crescita del tumore.

Prevenzione efficace

Dopo i 40 anni, qualsiasi sintomo di prostatite, come mal di schiena, inguine, sacro, minzione dolorosa ed eiaculazione, lo scarico di sangue dall'uretra con sperma e urina, sono motivo di test per le infezioni e il cancro. La prostatite cronica è in grado di svilupparsi sullo sfondo di neoplasie benigne e maligne.

L'infiammazione acuta della prostata e del cancro di solito causa un eccesso significativo della norma. L'infiammazione cronica è caratterizzata da un leggero aumento del PSA. In questo caso, l'assunzione di antibiotici riduce la concentrazione di proteine. Tuttavia, la sua caduta a 5 nl / ml non indica sempre il cancro, e i medici raccomandano di superare il test sei mesi dopo.

Il livello di PSA dopo prostatectomia a 0,2-0,3 nl / ml diminuisce significativamente, e il suo successivo aumento indica una recidiva biochimica del cancro alla prostata, che richiede un ulteriore esame e trattamento.

Condividilo con i tuoi amici e condivideranno sicuramente qualcosa di interessante e utile con te! È molto facile e veloce, basta fare clic sul pulsante di servizio che usi di più:

Decodifica l'analisi del PSA negli uomini

PSA (antigene prostatico specifico, antigene prostatico specifico) è una proteina (proteina), un enzima prodotto dalle cellule della ghiandola prostatica (in seguito denominato RV). Svolge la funzione di diluire e ridurre la viscosità dello sperma, colpisce la fertilità maschile.

La definizione di PSA nel plasma sanguigno è di grande importanza nell'urologia moderna. I suoi livelli più alti sono determinati in liquido seminale. L'enzima può raggiungere non solo il segreto del pancreas, ma anche i capillari che alimentano il tessuto ghiandolare e si trovano nel plasma sanguigno.

È dovuto alle concentrazioni plasmatiche che è possibile lo screening del cancro del pancreas negli uomini.

L'aumento della concentrazione di antigene prostatico specifico è associato non solo al rischio di cancro alla prostata, ma anche a molte altre patologie. Il suo livello aumenta con l'adenoma della prostata, la prostatite.

Per la prima volta il metodo è stato introdotto nella pratica medica nel 1986. I soliti schemi per la diagnosi della patologia prostatica sono stati rivisti.

Da allora, i metodi per determinare l'antigene prostatico specifico si sono evoluti, i loro punti di forza e di debolezza sono stati identificati. Monitorare la sua concentrazione consente non solo di selezionare un gruppo di pazienti che richiedono una biopsia, ma anche di monitorare l'efficacia della terapia.

La prostata è un piccolo organo muscolo-ghiandolare, che normalmente è paragonabile per dimensioni a una noce.

La prostata fa parte del sistema riproduttivo maschile, situato nella piccola pelvi, sotto la vescica, davanti al retto. Circonda la sezione iniziale dell'uretra [1,7].

1. Caratteristiche dell'antigene prostatico specifico

L'antigene prostatico specifico nella sua struttura è una glicoproteina composta da 237 aminoacidi, 4 rami laterali di carboidrati, che adottano una specifica conformazione utilizzando più legami disolfuro.

È una serina proteasica neutra, un enzima simile in funzione ad altre proteasi coinvolte nel processo di coagulazione del sangue.

La principale funzione enzimatica è la rottura delle proteine ​​del liquido seminale di seminogelin I e II, che porta alla liquefazione e alla diminuzione della viscosità dello sperma. Tutte le informazioni sulla struttura di questa proteina si trovano nel gene, che è localizzato sul cromosoma 19.

2. Luoghi con le più alte concentrazioni di PSA

Normalmente, il PSA viene sintetizzato dalle cellule epiteliali della prostata e secreto nel liquido seminale. La sua massima concentrazione è determinata nello stroma della ghiandola.

Per entrare nel flusso sanguigno, l'antigene prostatico specifico deve essere sottoposto a una serie di barriere fisiologiche (membrana basale delle ghiandole prostatiche, stroma della ghiandola, endotelio dei capillari).

Un certo numero di processi patologici (cancro del pancreas, infiammazione acuta della prostata, trauma) può portare alla rottura delle barriere naturali e aumentare la concentrazione di glicoproteina nel sangue.

La prostatite batterica acuta può essere accompagnata da un aumento del PSA, tuttavia, i livelli degli enzimi sono normalizzati dopo adeguata terapia anti-infiammatoria e antibatterica.

Massaggio della prostata, equitazione, ciclismo, squat, stacchi possono anche portare ad un aumento del contenuto dell'enzima nel sangue.

Le sue basse concentrazioni sono determinate nelle ghiandole uretrali, nell'endometrio, nel normale tessuto mammario, nelle ghiandole salivari, nell'urina di uomini e donne. La definizione di PSA nel plasma nelle donne può essere associata a cancro del seno, polmone, utero, rene.

3. PSA libero, vincolato e comune

PSA libero, fPSA (PSA libero) è l'indicatore principale nella diagnosi e nel trattamento del cancro alla prostata. Tuttavia, nell'intervallo da 4 a 10 ng / ml (cioè, moderatamente sopra la norma), il 75% degli uomini non ha oncologia, il che riduce la specificità di questo indicatore.

Pertanto, per fare una diagnosi in un particolare paziente, è necessario eseguire una biopsia, in media, in 4 uomini con valori di fPSA elevati.

Nel cancro del pancreas, l'aumento del PSA totale (tPSA, PSA totale) si verifica principalmente a causa della sua complessa frazione di cPSA (complessata, legata). Nell'adenoma si osserva un aumento in prevalenza di FPSA.

Pertanto, viene ora applicato il rapporto tra il PSA libero e il totale: il rapporto tra fPSA / tPSA è inferiore nei pazienti con carcinoma della prostata.

L'indicatore fPSA è più utile quando si monitorano pazienti con valori di glicoproteina costantemente elevati sullo sfondo di risultati bioptici negativi.

Nonostante la maggiore efficacia dell'analisi, deve essere combinato con un esame rettale digitale (abbreviato come PRIX), che consente un aumento della probabilità di rilevare il cancro.

4. Legarsi alle proteine ​​del plasma

La maggior parte della glicoproteina si trova nel plasma sanguigno in uno stato legato alle proteine ​​(cPSA - PSA complessato). Solo una piccola parte dell'enzima si trova in uno stato libero (PSA libero).

cPSA è associato con alfa-2-macroglobulina (A2M) e alfa-1-antichymotrypsin (A1AXT) di plasma, i due principali inibitori delle proteasi plasmatiche di serina.

A differenza del plasma, nell'eiaculato la maggior parte della frazione libera (fPSA), la sua concentrazione è 1 mg / ml. Nello stato associato a A1AXT, PSA mantiene 2 epitopi in uno stato libero, che consente studi immunologici.

Quando il PSA lega A2M, tutti gli epitopi sono nascosti dagli anticorpi, il che rende difficile la diagnosi immunologica di questa frazione dell'enzima legato.

5. Farmacocinetica

L'emivita del PSA è stata studiata in pazienti dopo adenomectomia e variava da 2 a 3 giorni. La completa scomparsa delle proteine ​​dal plasma sanguigno è durata 14-20 giorni. [2]

Indicazioni per l'analisi:

  1. 1 Screening per il carcinoma della prostata negli uomini di età superiore ai 50 anni.
  2. 2 Monitoraggio dei pazienti con adenoma.
  3. 3 Monitoraggio dell'efficacia della terapia con prostatite.
  4. 4 Monitoraggio dei pazienti oncologici, determinazione della recidiva della malattia, presenza di metastasi a distanza.

6. Screening per il cancro alla prostata

Lo screening per l'oncologia tra le grandi popolazioni della popolazione maschile ha portato a diagnosi precoce e tempestiva del cancro.

Un esame del sangue per il PSA non è un processo che richiede tempo e può ridurre la frequenza del cancro avanzato. Nella diagnosi e nel trattamento di qualsiasi oncologia, è importante identificare la malattia in una fase precoce.

Sfortunatamente, il cancro nelle fasi iniziali non è accompagnato da una clinica pronunciata. A differenza di BPH (aumento delle sezioni centrali della prostata e compressione dell'uretra, che porta a sintomi di minzione, aumento della voglia di urinare, specialmente di notte, indebolimento del flusso durante la minzione) sintomi.

Un piccolo tumore è difficile da diagnosticare con DRE. Prima dell'introduzione generalizzata dell'analisi, prima della biopsia è stato eseguito un esame standard. Al momento della diagnosi, metastasi distanti sono state rilevate nel 70% dei pazienti.

Dall'introduzione della tecnica, la percentuale di pazienti con metastasi ad altri organi è diminuita al 3%, mentre nel 75% dei pazienti non è possibile determinare il cancro con la palpazione.

La maggior parte degli urologi determina la necessità di screening sulla base dell'età, dei sintomi, della storia della vita (con ereditarietà appesantita, la ricerca viene effettuata prima), i risultati dell'esame del paziente. Spesso i pazienti stessi si rivolgono al medico per un rinvio per l'analisi. [3]

7. Antigene prostatico specifico e BPH

Come abbiamo detto, aumenta il contenuto di PSA nell'adenoma della ghiandola prostatica. Perché sta succedendo questo?

La maggior parte di questa proteina viene sintetizzata dalle ghiandole prostatiche della zona di transizione della prostata. Questa zona cresce con iperplasia benigna (BPH).

La zona periferica, in cui un tumore è localizzato in 8 casi su 10, produce solo una piccola quantità di PSA. Le deviazioni approssimative di un indicatore a un adenoma sono istituite: aumenti di 0,12 ng / ml su ogni grammo di ghiandola. [4]

8. Preparazione per l'analisi

Un esame del sangue viene preso a stomaco vuoto. La preparazione per lo studio include un'eccezione 7 giorni prima della raccolta del sangue di qualsiasi intervento traumatico alla prostata:

  1. 1 bicicletta.
  2. 2 in sella.
  3. 3 Deadlift.
  4. 4 squat
  5. 5 esame rettale delle dita.
  6. 6 Massaggio della prostata.
  7. 7 cistoscopia.
  8. 8 colonscopia.

Il sangue ottenuto dalla vena viene centrifugato, il plasma viene ottenuto da esso, che deve essere separato dal sedimento dagli elementi formati entro 120-180 minuti e condotto uno studio.

Se non è possibile eseguire l'analisi nell'intervallo di tempo specificato, il plasma viene congelato a t da -20 ° C a -70 ° C.

Anticorpi monoclonali o policlonali sono usati per determinare il livello di PSA. Successivamente, viene eseguita l'interpretazione dei valori ottenuti.

9. Fattori che influenzano il PSA

La principale limitazione dell'uso dell'antigene prostatico specifico nella differenziazione dell'oncologia del pancreas è un simile aumento delle prestazioni in altre condizioni patologiche (IPB, prostatite).

La proteina PSA è prodotta da cellule normali, iperplastiche e neoplastiche del pancreas, ma le cellule tumorali sintetizzano 10 volte più enzima in relazione alla massa del pancreas.

9.1. Tessuto iperplastico e relazione stroma-epiteliale

L'interpretazione dei risultati può variare in base al grado di iperplasia e al rapporto stroma-epiteliale. La maggior parte della proteina viene prodotta nella zona di transizione della prostata.

Solo una piccola quantità di proteine ​​viene sintetizzata nella zona periferica della ghiandola, dove in 8 casi su 10 si sviluppa il cancro alla prostata. Il cancro che si sviluppa nella zona di transizione della ghiandola è accompagnato da un pronunciato aumento del PSA.

Le cellule di adenocarcinoma di basso grado perdono la capacità di sintetizzare un enzima. Per questo motivo, la concentrazione di PSA può essere bassa in alcuni pazienti con cancro avanzato.

9.2. Fattori farmacologici

Alcuni farmaci possono influenzare la concentrazione plasmatica della glicoproteina:

  • Finasteride, dutasteride - inibitori della 5-a-reduttasi che vengono assunti dai pazienti con BPH. I farmaci in questo gruppo possono portare a una diminuzione del livello generale di PSA della metà entro 180 giorni dalla terapia. Per questo motivo, nei pazienti con iperplasia prostatica benigna, è necessario condurre studi ripetuti 60-90 giorni dall'inizio del trattamento al fine di stabilire un nuovo punto di partenza da cui si possa misurare l'aumento del livello dell'enzima.
  • Farmaci che influenzano il livello di testosterone nel sangue. L'aumento di testosterone nel plasma sanguigno porta ad un aumento della concentrazione dell'enzima.
  • L'eiaculazione aumenta il PSA. In 7 su 10 uomini di età pari o superiore a 50 anni, il PSA plasmatico è aumentato del 41% entro 60 minuti dall'eiaculazione.

9.3. Manipolazioni urologiche

Le malattie non cancerose della prostata, così come le manipolazioni urologiche, portano ad un aumento del PSA. La prostatite acuta, asintomatica e cronica, la ritenzione urinaria sono accompagnate dal suo aumento.

Di norma, l'esame della ghiandola non è accompagnato da variazioni della concentrazione plasmatica dell'enzima, ma il suo livello aumenta significativamente dopo il massaggio (fino a 2 volte) [5, 7].

Cistoscopia, stadiazione del catetere urinario, ecografia transrettale a volte può essere accompagnata da un leggero aumento di PSA.

Una biopsia porta ad un aumento del PSA di una media di 7,9 ng / ml entro 5 minuti dalla manipolazione (circa 24 ore). Il tempo richiesto per la normalizzazione dell'indicatore è di 2-4 settimane.

Dopo l'eiaculazione, il livello di antigene prostatico specifico ritorna ai numeri normali entro 2 giorni. Dopo l'eliminazione della ritenzione urinaria, il contenuto di glicoproteina viene ridotto del 50% entro 24-48 ore.

Nella prostatite batterica acuta, la concentrazione di PSA nel plasma dipende dall'efficacia della terapia. Per questo motivo, l'indicatore viene utilizzato per monitorare l'efficacia della terapia antibiotica.

9.4. Razza ed età

Il rischio di sviluppare il cancro alla prostata tra la popolazione nera è più alto rispetto al bianco [6]. Il tasso aumenta con l'età ed è associato con iperplasia benigna.

Quindi, parliamo di decodifica dell'analisi. I limiti normali del PSA totale - da 0 a 4,0 ng / ml, non tengono conto delle variazioni legate all'età nel volume della prostata. Oesterling propose una tabella delle variazioni di età delle norme.

Tabella 2 - Le norme del PSA totale (antigene prostatico specifico) in base all'età. Per visualizzare, fare clic sul tavolo

10. Monitoraggio dell'efficacia della terapia

Secondo la dinamica del PSA dopo la rimozione chirurgica della ghiandola, la recidiva locale e metastatica può essere separata.

La recidiva del tumore può essere assunta quando: la rilevazione di PSA nel sangue, con la sua crescita durante l'anno dopo l'intervento, l'indicatore del tempo di raddoppiamento per 6 mesi o meno. Le stesse caratteristiche possono essere applicabili alla radioterapia.

Dall'introduzione del test del sangue per PSA, c'è stato un salto nella diagnosi precoce del cancro del pancreas. Di per sé, il PSA non consente una separazione esatta tra patologia benigna e maligna.

Per una diagnosi accurata, è sempre richiesto un esame aggiuntivo del paziente. L'interpretazione dei risultati, così come la nomina di nuovi esami dovrebbero essere effettuati da un urologo.

PSA - PSA

Antigene prostatico specifico

L'antigene prostatico specifico (PSA, PSA) è uno dei più importanti segni diagnostici della malattia della prostata. È una sostanza di natura proteica, che è secreta dalle cellule della ghiandola prostatica. La funzione del PSA (PSA) è normalmente nello sperma diluito dopo l'eiaculazione. La maggior parte del PSA (PSA) viene espulso dal corpo di un uomo dallo sperma, ma una parte molto piccola viene rilasciata nel sangue, che viene determinata mediante test speciali. A causa delle concentrazioni estremamente basse di questa sostanza nel sangue, vengono utilizzati metodi molto sensibili per determinarlo - la tecnica degli anticorpi monoclonali.

Il cane può essere nel sangue sia in forma libera che in una legata. La concentrazione totale di PSA (PSA) è determinata sommando il PSA libero e totale (PSA). Il contenuto normale di PSA (PSA) nel sangue è di circa 4 ng / ml. Tuttavia, a causa del fatto che la ghiandola prostatica si allarga con l'età e quindi produce più PSA (PSA), il suo livello è solitamente inferiore nei giovani e più alto negli uomini anziani. Quindi, le caratteristiche di età della concentrazione di PSA (PSA) sono le seguenti: (40 - 49, 2,5), (50 - 59, 3,5), (60 - 69, 4,5), (70 - 79, 6,5).

Il test PSA (PSA) viene utilizzato in due modi:

  1. per la diagnosi del cancro alla prostata
  2. per controllare il cancro alla prostata

Quando si esegue un test diagnostico PSA, il suo livello è superiore a 4 ng / ml e inferiore a 10 ng / ml è considerato sospetto in termini di cancro alla prostata. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, gli uomini con questo livello di PSA (PSA) non mostrano il cancro alla prostata nel sangue. Con livelli di PSA superiori a 10 ng / ml, la probabilità di cancro alla prostata è in aumento.

Un test PSA, utilizzato per monitorare il cancro alla prostata, viene utilizzato per rilevare la recidiva del cancro dopo il trattamento primario. Ad esempio, con la completa rimozione della ghiandola prostatica e tutti i tessuti affetti da metastasi, il livello di PSA scende a zero. Se durante il test successivo per PSA (PSA) diventa positivo, significa che ci sono tessuti affetti da cancro nel corpo.

Altre cause di aumento del PSA (PSA)

  • adenoma prostatico
  • età avanzata
  • infezione (prostatite)

Inoltre, il livello di PSA è molto sensibile a tutti i tipi di manipolazioni strumentali in relazione alla prostata: cateterizzazione della vescica, massaggio prostatico, biopsia della prostata, ecc.

Determinazione del PSA (PSA) gratuita

Come già accennato, PSA (PSA) nel corpo può essere in una forma libera e vincolata. Il PSA gratuito (PSA) può essere determinato utilizzando test speciali. È stato riscontrato che il contenuto di PSA libero (PSA) nei pazienti con carcinoma della prostata è inferiore rispetto ai pazienti con adenoma. Se la concentrazione di PSA libero (PSA) è inferiore al 10%, è allarmante in termini di sospetto cancro alla prostata. Questo test è efficace se la concentrazione di PSA nel sangue varia da 4 a 10 ng / ml.

Che cos'è un test positivo falso della PSA?

Il test PSA (PSA) è considerato falso-positivo quando un aumento di PSA è dovuto ad altre cause rispetto al cancro alla prostata. Questi includono prostatite e adenoma prostatico. Va anche notato che anche un semplice esame digitale rettale della prostata o eiaculazione nelle ultime 48 ore può talvolta dare risultati falsi positivi del test del PSA. Di solito, il test PSA (PSA) è falso positivo nel 4 - 10% dei casi, ma a volte raggiunge il 30%! Altre malattie non correlate alla ghiandola prostatica non possono dare risultati positivi al test PSA (PSA).

La sensibilità del test PSA (PSA) è molto alta. Ciò è dovuto al fatto che in quasi tutti i pazienti con carcinoma della prostata, il PSA (PSA) è elevato o entro i confini. Tuttavia, un test positivo del PSA (PSA) non esclude altre malattie, cioè la specificità di questa malattia è bassa.

Recentemente, gli scienziati hanno effettuato una serie di miglioramenti nel test del PSA. L'obiettivo di questi miglioramenti è aiutare il medico a valutare i livelli di PSA borderline e alti nel sangue e distinguere tra risultati positivi e falsi positivi. Uno di questi miglioramenti è il rapporto PSA (PSA). Mostra il rapporto tra PSA libero e legato (PSA) nel sangue. Gli studi hanno dimostrato che il PSA libero (PSA) è associato ad adenoma prostatico, mentre il PSA associato al PSA è caratteristico del cancro alla prostata. Pertanto, un rapporto elevato suggerisce falsi risultati positivi di PSA (PSA) e parla contro la diagnosi di cancro alla prostata. Al contrario, un alto livello di PSA con un basso rapporto PSA (PSA) suggerisce una diagnosi di cancro alla prostata.

+7 (925) 66-44-315 - consulenza gratuita sul trattamento a Mosca e all'estero

Esperienza nell'uso del farmaco AFAALA in pazienti con diagnosi di iperplasia prostatica benigna

IA Aboyan, V.E. Aboyan, O.V. Zinkovskaya, V.A. Sknaryov
Istituto sanitario municipale di prevenzione sanitaria, KDC "Salute", Rostov-on-Don

INTRODUZIONE.

L'iperplasia prostatica benigna (IPB) è una delle malattie più comuni negli uomini anziani. La maggior parte dei pazienti con BPH soffre dei cosiddetti sintomi delle basse vie urinarie, che a volte hanno un impatto negativo significativo sulla loro qualità di vita. Oggi, la terapia farmacologica di BPH mira principalmente ad eliminare i sintomi del paziente ed è rappresentata da tre gruppi di farmaci: inibitori della 5-alfa reduttasi, alfa-bloccanti e agenti fitoterapici.

Nonostante l'efficienza relativamente elevata dei moderni farmaci utilizzati nel trattamento dell'IPB, alcuni pazienti non riescono a ottenere l'effetto desiderato e vi è la necessità di eseguire interventi chirurgici sulla ghiandola prostatica. Inoltre, la nomina dei suddetti farmaci può essere accompagnata da una serie di effetti indesiderati che richiedono l'interruzione del farmaco.

Un importante indicatore nella pratica urologica è il controllo del livello di antigene prostatico specifico (PSA). L'introduzione del PSA sierico nelle pratiche di laboratorio diffuse ha notevolmente migliorato la diagnosi del cancro alla prostata.

Il PSA è una proteina del sistema kallikrekinin umano. È prodotto dall'epitelio ghiandolare della ghiandola prostatica e dalle ghiandole periuretrali ed è coinvolto nella formazione dello sperma. (Wong MC et al, 1979, Breul J., 1994). Il PSA mostra le proprietà di una proteasi di serinina chimotripsina e lega il fattore di crescita insulino-simile. A causa di queste proprietà, l'enzima aiuta a mantenere lo stato di aggregazione degli spermatozoi e assicura la motilità degli spermatozoi (Grigoriev, ME e altri 2001).

Allo stesso tempo, dal momento che il PSA è una proteina e viene normalmente prodotto dalla ghiandola prostatica, non è strettamente specifico per il cancro della ghiandola prostatica. L'aumento del PSA nelle malattie della ghiandola prostatica è associato a una violazione della barriera istoematogenica, che è rappresentata dalla membrana basale dell'epitelio ghiandolare, dallo strato basale delle cellule, dall'interstizio. Pertanto, con un aumento della quantità di PSA nel siero, è associato ad un aumento della sua quantità nella ghiandola interstiziale.

Allo stesso tempo, essendo un enzima proteolitico, il PSA può migliorare i processi di infiammazione. AV Shangichev, M.I. Kogan, I.I. Belousov (2008) nella determinazione dei marcatori biochimici di infiammazione nella prostatite batterica cronica (CAP) / sindrome da dolore pelvico cronico (CPPS) ha notato che lo sviluppo di CAP / CPPS Art. L'IIIA si verifica sullo sfondo di uno squilibrio nel sistema "inibitori della proteinasi" e un aumento dell'attività totale delle proteinasi seriche nell'eiaculato (OAEA) del 65,38% (p = 0,4)

In una valutazione soggettiva dello stato, il punteggio IPSS medio era 13,2; QOL - 4,6 punti. Pertanto, la maggior parte dei pazienti inclusi nello studio presentava sintomi ostruttivi moderati con una qualità della vita relativamente bassa.

L'osservazione dei sintomi sulla scala IPSS mostra una riduzione sistematica dell'ansia dei pazienti con un miglioramento simultaneo della qualità della vita della QOL (Tabella 2). Quindi, dopo il completamento del ciclo di trattamento con il farmaco Afala, l'aumento della qualità della vita è stato di 2,6 punti per la qualità della vita (4.6-2 punti, p 0.4). Qmax è aumentato da 9,8 ± 2,1 ml / sa 13,8 ± 3,7 ml / s (p

Antigene prostatico specifico (PSA) e sua analisi

Scarsa ecologia e uno stile di vita scadente portano allo sviluppo del cancro. Nonostante le possibilità della medicina moderna, non è sempre possibile curare completamente queste malattie. E la questione è che gli appelli tardivi per le cure mediche. Qualsiasi tumore è più facile da prevenire che curare. Tuttavia, la guarigione completa è anche possibile se trattata in una fase precoce della malattia.

La diagnosi del carcinoma della prostata in una fase precoce permette il test del sangue PSA, mostrando il livello della sua concentrazione nel sangue. Cosa significa questa strana abbreviazione e qual è l'importanza di questa ricerca per la vita e la salute degli uomini?

Funzioni PSA

L'abbreviazione PSA o PSA sta per antigene prostatico specifico. In realtà, questo antigene è una proteina prodotta dalla ghiandola prostatica. Questa proteina è un succo prostatico, e in parole semplici - un composto che diluisce lo sperma dopo l'eiaculazione, fornendo sperma con movimento libero e facilitando la fecondazione dell'uovo.

Il ruolo del PSA nella diagnosi della malattia

Un antigene prostatico specifico viene rilasciato nell'eiaculato e nel sangue. Allo stesso tempo, la maggior parte delle proteine ​​entra nell'eiaculato, mentre una quantità insignificante di esso, determinata in nanogrammi, viene immessa nel sangue - una misura di peso che è un miliardo di volte più leggera di un grammo.

Nel processo di malattie infiammatorie, la ghiandola prostatica cresce di dimensioni, a seguito della quale una maggiore quantità di proteine ​​inizia a fluire nel sangue. Cioè, quando si determina la sua concentrazione nel sangue, si può concludere sulla presenza o assenza di qualsiasi patologia.

Forme molecolari di PSA

In condizioni di laboratorio, esistono due forme di antigene prostatico specifico.

  • Proteine ​​prive di proteine ​​che producono cellule ghiandolari sane.
  • Proteine ​​associate ad altre sostanze che costituiscono il sangue. È prodotto da cellule tumorali e viene indicato come marcatori tumorali.

Tassi di antigene prostatico specifico

Il livello di concentrazione di PSA nel sangue dipende principalmente dall'età dell'uomo. Normalmente, questo indicatore sotto l'influenza di vari fattori può aumentare o diminuire. Tuttavia, ci sono alcuni limiti indicati per ogni categoria di età degli uomini. Essendo nei loro limiti, la concentrazione di proteine ​​nel sangue è considerata sicura, consentendo all'esame di escludere il rischio di cancro. Il livello di proteine ​​nel sangue di un uomo aumenta con l'aumentare dell'età.

In generale, questo indicatore ha i seguenti parametri:

  • negli uomini di 40-50 anni, il PSA è 2,5 ng per 1 ml;
  • quando raggiunge la categoria di età da 50 a 60 anni, sale a 3,5 ng per 1 ml;
  • con l'età di 60-70 anni, questo parametro aumenta a 4,5 ng per 1 ml;
  • negli anziani, che hanno superato la pietra miliare di 70 anni, l'antigene raggiunge 6,5 ng per 1 ml.

Va notato che in alcuni casi, la concentrazione di proteine ​​può essere pari a zero, e questa è anche la norma per tutti i gruppi di età.

Questa analisi di solito non viene assegnata a uomini di età inferiore a 40 anni, poiché a questa età non vi è alcun rischio di sviluppare un tumore maligno.

Che cosa indica un aumento di PSA

Uno studio sul contenuto di proteine ​​viene effettuato al fine di confermare i risultati di altri metodi utilizzati per identificare i processi infiammatori nella ghiandola prostatica.

  • Aumentando la concentrazione di antigene può verificarsi a causa di un aumento della produzione di proteine, che indica un aumento della ghiandola prostatica che si verifica durante lo sviluppo di adenoma - una neoplasia benigna.
  • Nel caso di processi infiammatori nella prostata, si verifica gonfiore dei suoi dotti, rendendo difficile l'ingresso dell'antigene nel succo prostatico. Per questo motivo, la maggior parte è secreta nel sangue.
  • Il cancro può essere rilevato dagli antigeni associati agli oncomarker, che includono le proteine ​​del siero. Questo indicatore consente di diagnosticare la malattia in una fase iniziale di sviluppo, fino a quando non sono iniziati i cambiamenti nella struttura della ghiandola prostatica.

L'insieme di valori indicati dai risultati dell'analisi

Se, al momento di decifrare il test del sangue del PSA, è stato trovato un contenuto di antigene maggiore, questo potrebbe indicare la presenza di un tumore maligno. Un punteggio più alto indica una fase successiva del cancro. Se l'indicatore è leggermente sollevato, significa che conducono un esame supplementare, compreso un numero di procedure.

  • Viene eseguito un emocromo completo per rilevare la presenza di processi infiammatori nel corpo. Questi fattori sono indicati dalla maggiore ESR e conta dei leucociti. Sulla base di questi indicatori, sono state tratte conclusioni sulla presenza di prostatite.
  • Viene determinato il rapporto tra antigene libero e legato. Per fare ciò, aggiungi entrambi gli indicatori, quindi l'indicatore delle proteine ​​libere viene diviso per l'importo totale, rivelando così la percentuale. Normalmente, questa cifra è del 15%. Quando si ottiene un risultato più piccolo, vengono condotti ulteriori studi per la presenza di un tumore. Se il risultato è inferiore al 10%, viene prescritta una biopsia, che consente di ottenere un risultato accurato.
  • La densità dell'antigene è indagata. Per questo viene eseguita una ecografia della ghiandola prostatica, sulla quale viene determinata la sua dimensione. Successivamente, l'indicatore della concentrazione di antigene nel sangue viene diviso per la dimensione della prostata. La diminuzione della densità indica iperplasia della ghiandola prostatica conseguente adenoma. Se la densità è aumentata, è possibile la presenza di un tumore maligno.
  • Si stima quanto velocemente l'ormone PSA aumenta nel sangue per un periodo di tempo. Considerando che le fluttuazioni delle concentrazioni di proteine ​​sono insignificanti, è consuetudine prendere un anno solare come intervallo di tempo. Più forte la concentrazione di antigene aumenta durante l'anno, maggiore è la probabilità di una neoplasia maligna.

Il risultato più accurato è una biopsia - una procedura in cui un frammento della prostata viene preso con un ago sottile, che funge da materiale per esaminare la presenza di un cancro e determinarne il tipo. Tuttavia, data la dolenza di questa procedura, è prescritto solo se la sua presenza è indicata dai risultati di altri test.

Il valore del PSA nella valutazione dell'efficacia del trattamento del cancro

Il trattamento di un tumore maligno viene effettuato in più fasi. La concentrazione di antigene nel sangue consente di valutare l'efficacia del trattamento.

  • L'intervento chirurgico, durante il quale il tumore è stato rimosso, porta a una rapida diminuzione del livello di PSA. Inoltre, la cifra diminuisce per un lungo periodo.
  • Se la chemioterapia o la radioterapia sono state eseguite come trattamento primario per il paziente, la riduzione del PSA è lenta. Tuttavia, con una diminuzione dell'indice di oltre 1 ng / ml, rende possibile costruire previsioni ottimistiche, poiché indica una remissione stabile.
  • Se il trattamento porta ad un aumento della concentrazione di proteine, questo potrebbe indicare la sua inefficacia e l'esacerbazione del cancro.

Procedura per la preparazione per l'analisi

Per ottenere un risultato affidabile dell'analisi, è necessario prepararlo con attenzione. Va tenuto presente che la concentrazione delle proteine ​​tende a cambiare sotto l'influenza di un numero di fattori.

  • Per due giorni prima del test, dovresti astenervi dal rapporto sessuale. E questo vale non solo per gli atti sessuali, ma anche per la masturbazione.
  • Alla vigilia dello studio non può essere un massaggio della prostata.
  • Se è pianificata un'ecografia della prostata, in cui lo studio viene effettuato inserendo il sensore nel retto, l'analisi dovrebbe essere presa prima o una settimana dopo il suo completamento.
  • Se il paziente ha subito un intervento chirurgico, durante il quale è stata rimossa una parte della prostata attraverso l'uretra, l'analisi dovrebbe essere presa solo dopo 6 mesi.

Prima di eseguire l'analisi, è necessario regolare la dieta, in quanto alcune sostanze sono in grado di influenzare il risultato dello studio. Pertanto, il giorno prima non è consigliabile mangiare cibi grassi e piccanti. E 8 ore prima del sondaggio programmato, non puoi prendere altre bevande oltre all'acqua pulita. Il fumo può anche distorcere i dati dell'analisi, quindi dovrebbe essere cancellato 30 minuti prima dell'analisi.

Come ogni altra analisi del sangue, questo esame viene effettuato al mattino a stomaco vuoto. Se al paziente viene prescritto un trattamento sotto forma di assunzione di farmaci, prima di eseguire l'analisi, il loro uso deve essere escluso.

Anche la completa rimozione dell'organo interessato e di altri tessuti non può garantire che il tumore non ritorni. Non si può escludere che durante l'operazione possa essere danneggiato un tumore, a seguito del quale le cellule cancerose e il sangue penetreranno in altri organi. Pertanto, dopo la rimozione della ghiandola prostatica, è necessario osservare un medico e monitorare l'indicatore PSA.

Accade anche che durante l'esame si compaia un compattamento nella ghiandola prostatica e la concentrazione di proteine ​​non superi la norma. Per eliminare la possibilità di un errore dopo 3 mesi, viene eseguita un'analisi ripetuta del PSA.

Anticorpi al cane

Un antigene prostatico specifico (PSA) è una proteina prodotta dalle cellule della prostata. L'antigene biochimicamente specifico per la prostata appartiene alla famiglia delle proteasi della callicreina ed è noto come kallikrein-3 umano (HK-3). L'antigene prostatico specifico, penetrando nello spermatozoo, lo diluisce e quindi aumenta la motilità degli spermatozoi, che è necessaria per la fecondazione. La parte principale dell'antigene prostatico specifico entra nello spermatozoo e solo una piccolissima parte viene trasferita nel sangue e pertanto l'unità viene utilizzata come nanogrammo per millilitro (ng / ml).

Se il livello di PSA è elevato per la sua età ed è in costante aumento, può essere raccomandata una biopsia della ghiandola prostatica (campionamento di cellule e tessuti per la diagnosi). Prima di raccomandare una biopsia, un medico dovrebbe prendere in considerazione altri fattori di rischio per il cancro alla prostata, come la storia familiare e l'etnia. Una biopsia è l'unico modo per determinare se c'è un cancro alla prostata o altre cellule anormali nella ghiandola prostatica.

2. Come viene misurato il PSA?

Il PSA viene misurato utilizzando un esame del sangue. Poiché la quantità di PSA nel sangue è molto bassa, per rilevarla sono richieste tecnologie di analisi molto sensibili (la procedura degli anticorpi monoclonali). La proteina PSA può esistere nel sangue in forma non legata (PSA libero) o può essere associata ad altre sostanze (PSA legato). Il livello di PSA complessivo è la somma delle forme libere e legate e viene misurato utilizzando il test standard del PSA.

3. Che cosa causa elevati livelli di PSA nel sangue?

Si ritiene che un aumento di PSA nel sangue sia associato al suo rilascio in circolazione a causa di una violazione della struttura della ghiandola prostatica. Questo può accadere in condizioni di varie malattie della prostata, incluso il cancro alla prostata. È importante notare che il PSA non è specifico per il cancro alla prostata, ma un aumento del PSA può indicare la presenza di eventuali malattie della ghiandola prostatica. La causa più comune di aumento del PSA è l'iperplasia prostatica benigna (ingrossamento della ghiandola prostatica) e la prostatite (infiammazione della ghiandola prostatica). Tuttavia, un aumento di PSA può verificarsi anche a seguito di altre cause, quali eiaculazione, ecografia transrettale (TRUS) prostata, cistoscopia e cateterizzazione della vescica con un catetere morbido e biopsia della prostata. Pertanto, gli uomini che decidono di assumere PSA dovrebbero essere consapevoli di questi importanti fattori che possono influenzare i risultati. L'età e le dimensioni della prostata possono anche influenzare i risultati dei test del PSA.

4. Quali sono i normali risultati dei test del PSA?

Non ci sono livelli normali o anormali di PSA specifici nel sangue. I giovani hanno livelli più bassi e gli uomini più anziani hanno livelli più alti. In passato, la maggior parte dei medici considerava i livelli di PSA inferiori a 4,0 ng / ml come di consueto. Pertanto, se il livello di PSA di un uomo era superiore a 4,0 ng / ml, i medici spesso consigliavano una biopsia della prostata per determinare il cancro alla prostata.

Tuttavia, studi più recenti hanno dimostrato che alcuni uomini con livelli di PSA inferiori a 4,0 ng / ml possono avere il cancro alla prostata, mentre altri con un livello più elevato potrebbero non farlo. Inoltre, si deve tenere presente che vari fattori possono causare fluttuazioni nei livelli di PSA. Ad esempio, il livello di PSA di un uomo spesso aumenta se ha una prostatite o un'infezione delle vie urinarie. Anche una chirurgia della biopsia prostatica e del cancro alla prostata può aumentare i livelli di PSA. Al contrario, alcuni farmaci, tra cui finasteride e dutasteride, che sono usati per trattare l'iperplasia prostatica benigna (BPH), riducono i livelli di PSA.

I livelli di PSA dipendono anche dall'etnia e dalla storia familiare del cancro alla prostata. Potrebbe anche differire leggermente se testato in diversi laboratori. Sebbene le opinioni degli esperti siano diverse, non esiste un chiaro consenso sulla soglia ottimale del PSA per raccomandare una biopsia della prostata per uomini di qualsiasi razza o gruppo etnico.

In generale, tuttavia, più alto è il livello di PSA in un uomo, maggiore è la probabilità che abbia un cancro alla prostata. Inoltre, un continuo aumento dei livelli di PSA umano nel tempo può anche essere un segno di cancro alla prostata. La crescita annuale del PSA (noto come tasso di crescita del PSA) gioca un ruolo nel decidere un marker PSA.

5. Quali sono le fasce d'età di PSA?

L'uso di intervalli di età per il PSA per rilevare il cancro alla prostata è controverso. Non tutti i ricercatori concordano sul fatto che questo è meglio del semplice livello di PSA di 4,0 ng / ml come valore normale superiore. Tuttavia, a causa della crescita della prostata legata all'età, il concetto di regolazione dei valori di PSA in base all'età ha contribuito a ridurre le biopsie prostatiche inutili negli uomini anziani per migliorare la diagnosi precoce del cancro alla prostata. Di seguito sono riportati i limiti superiori del PSA totale, adeguati per età:

  • 40-49 anni - 2,5 ng / ml;
  • 50-59 anni - 3,5 ng / ml;
  • 60-69 anni - 4,5 ng / ml;
  • 70 anni o più - 6,5 ng / ml.

6. Cosa devo fare se il test di screening mostra un livello di PSA elevato?

Se un uomo che non ha sintomi di cancro alla prostata decide di sottoporsi a screening per il cancro alla prostata e ha un alto livello di PSA, il medico può raccomandare un test del PSA secondario. Se il livello di PSA è ancora elevato, il medico può consigliare di continuare i test PSA e l'esame rettale digitale (DRE) a intervalli regolari per monitorare eventuali cambiamenti nel tempo. Se i livelli di PSA continuano a salire, o se c'è sospetto durante il DRE, il medico può raccomandare test aggiuntivi per determinare la natura del problema. L'analisi delle urine può essere raccomandata per testare l'infezione del tratto urinario. Possono anche essere raccomandati ecografia transrettale, radiografia o cistoscopia.

Se si sospetta il cancro alla prostata, un medico può raccomandare una biopsia prostatica. Durante questa procedura, vengono prelevati diversi campioni di tessuto prostatico inserendo una cannula nella prostata. Più spesso, gli aghi vengono inseriti attraverso la parete rettale (biopsia transrettale), tuttavia gli aghi possono essere inseriti attraverso la pelle tra lo scroto e l'ano (biopsia transperineale). Il patologo quindi analizza il tessuto raccolto al microscopio. Durante una biopsia, il medico può usare l'ecografia. Tuttavia, solo una ecografia non può essere utilizzata per diagnosticare il cancro alla prostata.

7. Come viene utilizzato il PSA per la diagnosi precoce del cancro alla prostata?

Il cancro alla prostata clinicamente localizzato generalmente non causa sintomi clinici. Gli uomini tendono a sentirsi bene e una biopsia della prostata per rilevare il cancro alla prostata è di solito iniziata con risultati anormali di un esame rettale digitale della prostata e / o un valore di PSA anormale. Pertanto, nella pratica clinica, i test per la rilevazione del cancro alla prostata comprendono la misurazione del PSA sierico, l'esame rettale digitale e l'ecografia transrettale (TRUS).

Il livello di PSA è una variabile indipendente per la previsione della presenza di cancro alla prostata. Infatti, maggiore è il livello, maggiore è la probabilità di cancro alla prostata. Un risultato anomalo di solito richiede test aggiuntivi. Tuttavia, la diagnosi finale del carcinoma della prostata dipende dalla presenza di cellule tumorali trovate durante una biopsia prostatica o in campioni chirurgici.

Generalmente, i livelli di PSA superiori a 4,0 ng / ml sono considerati sospetti. Poiché il livello aumenta oltre 10,0 ng / ml, la probabilità di cancro aumenta drasticamente. Tuttavia, non tutti gli uomini con carcinoma della prostata hanno livelli elevati di PSA. È noto che i casi di cancro alla prostata possono essere osservati a livelli di PSA inferiori a 4,0 ng / ml. Ecco perché i medici possono usare soglie più basse per decidere quando fare una biopsia.

Per un uomo medio di età superiore ai 50 anni con un esame rettale digitale, la probabilità media di avere un cancro alla prostata (PCa) rilevata dalla biopsia della prostata secondo i livelli di PSA è la seguente:

Il ruolo delle dosi ultra-basse di anticorpi contro un antigene prostatico specifico

Le malattie infiammatorie croniche degli organi del sistema genito-urinario nei maschi fino ad oggi hanno occupato un posto significativo nella struttura della morbilità nella popolazione in tutto il mondo. Metodi disponibili per i medici per guarire

Le malattie infiammatorie croniche degli organi del sistema genito-urinario nei maschi fino ad oggi hanno occupato un posto significativo nella struttura della morbilità nella popolazione in tutto il mondo. I metodi disponibili per i medici per il trattamento di queste malattie, nonostante il loro spettro in continua espansione, non sono ancora sufficientemente efficaci.

Nonostante l'uso di moderne tecnologie diagnostiche e terapeutiche, l'emergere di nuovi farmaci e agenti per la terapia antibatterica, i risultati del trattamento di vari disturbi delle funzioni copulative e riproduttive sono estremamente insoddisfacenti (A. Mehic, PHellstromp, 2001).

Ovviamente, le difficoltà nel trattamento dei disturbi riproduttivi e copulanti sono in gran parte dovute alla presenza di aspetti insufficientemente divulgati della loro patogenesi e, di conseguenza, all'uso di effetti terapeutici non sempre patogeneticamente giustificati (A.J. Schaeffer, W. Weidner et al., 2003).

Lo sviluppo del complesso urogenitale nel suo complesso in ontotofilogenesi, quando il deflusso linfoveno è difficile, causa la congestione pelvica e consente una correlazione diretta tra lo stato di deflusso venoso dal bacino e la funzione del sistema genito-urinario da stabilire (Vasilyev Yu.V., Svetlova L.N., Rasompakhov S.V.., 2007).

Alla fine degli anni '60, gli scienziati giapponesi isolarono un antigene prostatico specifico (PSA) dal plasma seminale. Più tardi, nel 1977, Wang scoprì il PSA nella ghiandola prostatica, dimostrando l'identità del PSA nel plasma seminale e nel tessuto prostatico.

Attualmente è stato sviluppato il farmaco "Afala" (dosi ultra-basse di anticorpi contro il PSA), che negli studi preclinici ha ridotto la gravità del processo infiammatorio acuto e cronico (Borovskaya T. G., 2002).

Lo scopo del lavoro. Per studiare l'effetto del farmaco "Afala" sull'efficacia del trattamento della vesciculite cronica.

Materiali e metodi I risultati del trattamento di 54 pazienti con vesciculite cronica di età compresa tra 20 e 50 anni sono analizzati, in media - 34,6 ± 2,7 anni; la durata della malattia va da 1 a 20 anni, in media 4,3 ± 1,8 anni. Il criterio per la selezione del paziente era una compromissione della fertilità e della funzione copulativa, erezioni notturne spontanee, presenza di eiaculazione dolorosa e (o) emospermia. Prima del trattamento, tutti i pazienti sono stati sottoposti a uno studio di spermogramma, livello di PSA, esame batteriologico dell'eiaculato, esame ecografico transrettale (TRUS) della prostata e delle vescicole seminali; la funzione di copulativa è stata valutata su una scala di valutazione quantitativa della funzione di copulativa maschile (ICF). Tutti i pazienti sono stati divisi in 2 gruppi per randomizzazione utilizzando un generatore di numeri casuali. Il gruppo I era composto da 26 pazienti che hanno ricevuto un trattamento etiopatogenetico standard per la prostatite cronica; Il gruppo II era costituito da 28 pazienti che hanno ricevuto anche 2 compresse di Afala 4 volte al giorno per via sublinguale. La terapia combinata è durata 2 mesi, la terapia antibatterica è stata effettuata tenendo conto del risultato della semina dell'eiaculato. I criteri per valutare l'efficacia erano il miglioramento degli spermogrammi, i cambiamenti nei parametri di TRUS (dimensione e simmetria delle vescicole seminali), una diminuzione del grado di contaminazione del seme e una variazione nel punteggio sulla scala ICF. Dopo 30 e 60 giorni, i risultati sono stati valutati: il livello di PSA totale, i dati sulla scala dell'MKF, TRUS della prostata e delle vescicole seminali, lo spettro batterico dell'eiaculato e gli spermogrammi dopo 30 e 60 giorni.

I risultati Il livello di PSA prima del trattamento era il seguente: nei pazienti del gruppo I, 1,7 ± 0,6 ng / ml; nel secondo gruppo - 1,6 ± 0,9 ng / ml (Figura 1). Dopo 30 giorni di trattamento, il livello di PSA nei pazienti del gruppo I era 1,5 ± 0,7 ng / ml e nel gruppo II era 1,1 ± 0,8 ng / ml; dopo 60 giorni, il livello di PSA nel gruppo I era 1,4 ± 0,5 ng / ml, mentre nei pazienti del gruppo II era di 0,9 ± 0,2 ng / ml (Figura 1).

Secondo gli spermogrammi, prima del trattamento c'erano vari disturbi: astenozoospermia, oligozoospermia, teratozoospermia, necrozoospermia, azoospermia, aspermia. Dopo 4 settimane di trattamento, 12 (46,1%) pazienti del primo gruppo e 19 (67,8%) pazienti del secondo gruppo hanno mostrato un miglioramento dello spermogramma. Dopo 60 giorni, il miglioramento degli indicatori di spermogramma nel gruppo II è stato osservato in 23 (82,1%) pazienti, mentre in 17 (65,3%) pazienti nel gruppo I, è stato osservato nuovamente il deterioramento (Fig. 2).

L'esame batteriologico dell'eiaculato prima del trattamento ha mostrato che lo spettro delle specie di microrganismi in entrambi i gruppi di pazienti era quasi identico. I pazienti del gruppo I: Staphylococcus haemolyticus rappresentavano il 41,33%, Enterococcus faecium - 28,13%, Enterococcus faecalis - 22,17%, Corynebacterium seminale - 9,44%, Micrococcus lylae - 5,12%; il titolo era 10 5 -10 6 CFU / ml. In pazienti del gruppo II: Staphylococcus haemolyticus ha raggiunto il 43,12%, Enterococcus faecium - 23,98%, Enterococcus faecalis - 27,34%, Corynebacterium seminale - 8,67%, Micrococcus lylae - 7,13%; il titolo era anche 10 5 -10 6 CFU / ml. Dopo 30 giorni di trattamento, i pazienti del gruppo I hanno mantenuto un aumento del titolo di microflora, in media - 10 4 CFU / ml, nel gruppo II - 10 2 CFU / ml. Dopo 60 giorni, lo spettro delle specie di microrganismi durante la semina dell'eiaculato nel primo gruppo era rappresentato da: Staphylococcus haemolyticus - 46,11%, Enterococcus faecalis - 21,58%, Corynebacterium seminale - 19,18%, Micrococcus lylae - 11,2%; il titolo non era superiore a 10 4 CFU / ml. Nei pazienti del gruppo II, la composizione della specie della microflora era la seguente: Staphylococcus haemolyticus - 38,54%, Enterococcus faecium - 32,13%, Micrococcus lylae - 7,99%, con un titolo non superiore a 10 2 CFU / ml. Secondo dati TRUS, vescicole seminali dopo 30 giorni di trattamento, è stata osservata la loro asimmetria, cambiamenti cistici in 24 (92,2%) pazienti del gruppo I e in 8 (28,5%) nel gruppo II; dopo 2 mesi, la simmetria e l'omogeneità delle vescicole seminali si sono risollevate in 5 (19,3%) pazienti del primo gruppo e in 22 (78,6%) nel secondo gruppo. Valutando la funzione di copulativa, abbiamo prestato particolare attenzione alle domande 7, 8, 9 della scala ICF e non solo al numero totale di punti. A nostro avviso, sono queste tre domande che riflettono l'influenza delle vescicole seminali sulla funzione della copula.

Prima del trattamento dei pazienti, la somma dei punti sulla scala dell'ICF aveva una media di 32 punti in entrambi i gruppi; quando rispondi a 7, 8, 9 domande - una media di 9 ± 2,3 punti. Dopo 30 giorni di trattamento, gli indicatori sulla scala ICF nel gruppo I erano 40 ± 3,2 punti, in II - 58 ± 2,4 punti; quando si risponde a 7, 8, 9 domande nel gruppo I - 10 ± 2.1 punti, in II - 13 ± 1.6 punti. Dopo 2 mesi, l'immagine sembrava così: nel gruppo I, 11,4 ± 1,6; in II - 13,5 ± 1,4 punti quando si rispondono alle domande 7, 8, 9 (Fig. 3).

Dopo 60 giorni di trattamento, i pazienti del secondo gruppo non hanno manifestato eiaculazione dolorosa e emospermia, la quantità e la qualità delle erezioni notturne spontanee normalizzate, mentre in 14 (53,8%) pazienti del primo gruppo persistevano i suddetti disturbi (Fig. 4).

Conclusioni. Studi preliminari hanno dimostrato che l'inclusione di Afala nel complesso di trattamento di pazienti con vesciculite cronica aumenta significativamente l'efficacia delle misure riabilitative, sopprime il processo infiammatorio e porta a una diminuzione delle manifestazioni di disfunzione copulatoria.

letteratura

Yu. V. Vasilyev, Dottore in Medicina
L. Svetlova
SMIW, IDC, Irkutsk