Principale
Massaggio

Capitolo 2 Anatomia e fisiologia degli organi urinari

L'apparato urogenitale (apparato urogenitale) comprende organi urinari (organo urinaria) e organi genitali (organi genitali). Questi organi sono strettamente collegati l'uno all'altro nel loro sviluppo e nello stato anatomico e funzionale, che è la ragione della loro associazione sotto il nome di "apparato genitourinario".

2.1. Anatomia dei reni e delle vie urinarie

Rene (ren, greco - nephros) - organo associato, situato nello spazio retroperitoneale, nella regione lombare, ai lati della colonna vertebrale. Il rene destro è al livello di Th XII-L III; a sinistra - al livello di Th XI-L II. Il rene destro si trova sotto la sinistra: la costola XII lo interseca al margine del terzo medio e superiore, il rene sinistro approssimativamente nel mezzo. Dimensioni del rene - 10 12 x 5 - 6 x 4 cm, peso 180-200 g (Fig. 2.1).

Il rene è diviso in segmenti, che è associato con le caratteristiche della ramificazione dell'arteria renale. I seguenti segmenti dovrebbero essere evidenziati:

■ segmento superiore (segmentum superius);

■ segmento anteriore superiore (segmen-tum superior anterius);

■ segmento inferiore (segmento inferiore);

■ segmento anteriore inferiore (segmentum inferius anterius);

■ segmento posteriore (segmentum posterius).

Il gate renale (hilium renis) è il sito di penetrazione di elementi della gamba renale nel rene. All'esterno, il rene è coperto da una capsula fibrosa (capsula fibrosa), che è liberamente legata al parenchima. Inoltre, è circondato da una capsula grassa, fascia pre e post-laterale (Gerota). La ghiandola surrenale destra è adiacente al polo superiore del rene destro, la superficie anteriore è a contatto con il fegato e la curva destra del colon; scendendo lungo il margine mediale

Fig. 2.1. Skeletopia dei reni: 1 - rene sinistro; 2 - rene destro; 3 - XII bordo

parte del duodeno. La ghiandola surrenale sinistra è adiacente al polo superiore del rene sinistro; la superficie anteriore del rene a contatto con lo stomaco, il pancreas, la curva sinistra del colon e la parte iniziale del colon discendente, sotto - con anse del digiuno; la milza è adiacente al margine laterale.

Il rene è costituito da sostanza corticale (corteccia renale) e cervello (midollo renale). La sostanza corticale si trova alla periferia e tra le piramidi (columnae renalis, C. Bertinii), il midollo si trova al centro ed è rappresentato dalle piramidi (piramides renalis, P. Malpigii).

L'irrorazione sanguigna del rene viene effettuata dall'arteria renale (a) Renalis, che è divisa in un pre-canale e un ramo laterale; quest'ultimo alimenta il segmento posteriore del rene.

L'uscita del sangue venoso avviene nelle stesse vene del rene (v. Renalis) e della vena cava inferiore (v. Cava inferiore).

Lungo l'organo, le fibre nervose formano il plesso renale (plesso renale). L'innervazione afferente è fornita dalle fibre sensoriali dei rami anteriori del torace inferiore e del midollo spinale superiore

nervi, così come le fibre dei rami renali del nervo vago (rr. renales n. vagi). L'innervazione parasimpatica proviene da fibre rr. renales n. vagi, e simpatico è formato da gangli aortorenalia da plesso coeliacus (plexsus aortico addominale) lungo le arterie renali.

La linfa scorre principalmente nei nodi lombalici lombali, aortici laterali, cavales laterali, coeliaci, iliaci interni, phrenici inferiori.

Tazze renali e pelvi renale. Le principali strutture di raccolta delle vie urinarie cominciano dalle papille renali, dalle quali l'urina entra nelle piccole tazze. Il numero di tazze piccole varia da 7 a 13. Ogni tazza piccola copre da uno a tre capezzoli. Piccole tazzine sono combinate in due o tre tazze grandi, queste ultime sono collegate, formando un bacino renale a forma di imbuto.

L'uretere (uretere) è un organo tubolare appaiato che trattiene l'urina dalla pelvi renale nella vescica e si trova nello spazio retroperitoneale. La sua lunghezza è di 25-30 cm.

Fig. 2.2. Contrazioni fisiologiche dell'uretere:

1 - segmento pielouretrale; 2 - un incrocio con navi iliache; 3 - Segmento ureterale PU

L'uretere ha tre aree di costrizione: nel segmento pelvico-ureterale; all'intersezione con le navi iliache; nel segmento vesicoureteral (figura 2.2)

Nella porta del rene, l'uretere si trova dietro i vasi renali, quindi scende lungo il muscolo maggiore psoas, entra nella piccola pelvi, attraversando i vasi iliaci anteriori (ana Et. V. Internae a destra, a. Et. V. Iliacae comuni a sinistra). Quindi l'uretere passa attraverso le pareti del bacino, dirigendosi verso il fondo della vescica. Negli uomini, si interseca con il dotto deferente, nelle donne, gli ureteri passano dietro le ovaie, lateralmente alla cervice.

Ci sono le seguenti parti degli ureteri:

■ addominale (pars abdominalis);

■ pelvico (pars pelvina);

■ intraparietal (pars intramuralis), situato nel muro della vescica. Nella pratica clinica, la divisione dell'uretere in lunghezza

tre parti: superiore, medio e inferiore.

Il muro dell'uretere è costituito da tre strati. L'uretere è circondato da uno strato intermedio di tessuto connettivo retroperitoneale (vicino al tessuto ureterico), che, compattato, forma una guaina per esso. La parte interna del muro dell'uretere è la membrana mucosa, ricoperta di epitelio multilivello transitorio. Lo spessore della parete principale dell'uretere è lo strato muscolare, che, come si crede comunemente, consiste negli strati circolari longitudinali ed esterni interni. Non c'è un chiaro confine tra loro, poiché entrambi si inclinano e si penetrano l'un l'altro. Nella parte terminale dell'uretere, le fibre muscolari hanno principalmente una direzione longitudinale. Nel segmento ombelicale-ureterale, le fibre muscolari della vescica si diffondono all'uretere e sono separate dai suoi muscoli da tessuto connettivo lasso, che è noto come il caso di Waldeyer.

L'afflusso di sangue all'uretere proviene da diverse strutture vascolari adiacenti. La sua parte superiore, il calice renale e la pelvi renale sono forniti con sangue dall'arteria renale. La parte centrale riceve sangue dalle arterie testicolari. L'uretere distale è fornito da vasi sanguigni originati dalla biforcazione aortica, nonché dall'arteria iliaca comune, dall'arteria iliaca interna e dai rami ureterali delle arterie superiore e inferiore della vescica. Nelle donne, il sangue all'uretere viene dall'arteria uterina. Le vene con lo stesso nome accompagnano le arterie.

L'uretere riceve l'innervazione autonomica dai plessi mesenterici, testicoli e pelvici inferiori. Le fibre afferenti che la innervano passano come parte dei nervi Th XI - Th XII e L I. I nervi attraversano principalmente i vasi sanguigni dell'uretere. I vasi linfatici dell'uretere di solito accompagnano le arterie e fluiscono nei linfonodi adiacenti alla parte superiore dell'arteria renale. Dalla parte centrale dell'uretere, la linfa entra nei nodi aortici, e dalla parte distale, nei nodi ileali interni.

La vescica (vesica urinaria, greca. - cistis) è un organo muscolare cavo non appaiato che serve per l'accumulo e l'escrezione di urina. Ha la forma di un tetraedro, ma dopo averlo riempito diventa sferico. vescica

situato nella cavità pelvica, situato di fronte alla sinfisi pubica. Una vescica non piena non sporge al di sopra della sinfisi pubica, una fortemente riempita si alza sopra di essa. Negli uomini, il retto, le vescicole seminali e le fiale di deferenti vasi sono adiacenti alla vescica; sopra - cappi dell'intestino tenue; il fondo è in contatto con la prostata. Nelle donne, la cervice e la vagina sono adiacenti ad essa; sopra - il corpo e il fondo dell'utero; il fondo della vescica si trova sul diaframma urogenitale.

La vescica ha quattro superfici: la parte superiore, due inferiore e posteriore o inferiore (fundus vesicae). Da sopra è coperto da peritoneo, la vescica vuota si trova extraperitonealmente, nello stato riempito - mesoperitoneally. Lo spazio tra la superficie anteriore della vescica e il pube è chiamato spazio pre-vescicale (spesio prevesicale), o spazio Retzius. La vescica ha il suo apice (apex vesicae) - parte anteriore-superiore ristretta, corpo (corpo vescico) - parte centrale, inferiore - parte inferiore, leggermente ingrandita, il collo della vescica (cervice vescica) si trova nel punto di transizione nell'uretra (qui apertura uretrale). La membrana muscolare della vescica, ad eccezione dello sfintere, forma generalmente un'urina che spinge il muscolo (M. Detrusor vesicae) e consiste in quegli strati muscolari: il longitudinale esterno, il medio circolare e il longitudinale interno. All'interno, lo strato muscolare della vescica è ricoperto da una membrana mucosa ben sviluppata, costituita da un epitelio transitorio (Fig. 11, vedi pasta colorata). Nella parte inferiore della vescica è un triangolo (triangolo Leto). Le sue cime sono le bocche degli ureteri (Fig. 12, vedi riquadro colori), la base che forma la piega ureterale; nel triangolo Lietho non ci sono pieghe della membrana mucosa.

Il principale apporto di sangue alla vescica riceve dall'arteria iliaca interna, in aggiunta - dalle arterie cistiche inferiori e superiori. Nelle donne, anche le arterie uterine e vaginali partecipano all'afflusso di sangue alla vescica. Le vene non accompagnano le arterie, ma formano un complesso plesso, concentrato principalmente sulla superficie inferiore e sul fondo della vescica. I tronchi venosi cadono nelle vene iliache interne.

La vescica è innervata dal plesso urinario (plesso vesikalis) - parte del plesso pelvico, che si trova sulle superfici laterali del retto. Le fibre simpatiche hanno origine nei segmenti del midollo spinale Th X-L XII. Le fibre parasimpatiche si estendono dai segmenti S II-S IV e raggiungono il plesso pelvico come parte dei nervi pelvici. L'innervazione del detrasore è prevalentemente parasimpatica, mentre il collo della vescica negli uomini innerva i nervi simpatici e nelle donne i nervi parasimpatici. Per lo sfintere uretrale si adattano le fibre dei nervi vascolari pelvici.

La linfa scorre principalmente nei nodi limphatica paravesicales, pararectales, lumbales, iliaci interni.

L'uretra femminile (uretra femminile) parte dalla vescica dall'apertura interna (ostium urethrae internum) ed è un tubo lungo 3-3,5 cm, leggermente ricurvo posteriormente e curvo sotto e dietro il margine inferiore della sinfisi pubica. Oltre il periodo di passaggio

l'urina attraverso il canale anteriore e le pareti posteriori sono adiacenti l'una all'altra, ma le pareti del canale sono caratterizzate da una notevole estensibilità e il suo lume può essere allungato a 7-8 mm. La parete posteriore del canale è strettamente connessa con la parete frontale della vagina. Quando esce dal bacino, il canale perfora il diaframma urogenitale (diaframma urogenitale) con la sua fascia ed è circondato da fibre muscolari dello sfintere arbitrario striato (M. Sfintere uretrale).

L'apertura esterna dell'uretra femminile (ostium urethrae externum) si apre alla vigilia della vagina davanti e sopra l'apertura della vagina e rappresenta il punto stretto del canale. Il muro dell'uretra femminile è costituito dalle membrane delle membrane muscolari, sottomucose e mucose. Nello strato sottomucoso sfuso (tela submucosa), che penetra anche nello strato muscolare (tunica muscolare), c'è un plesso coroideo che conferisce al tessuto un aspetto simile a un taglio sull'incisione. La membrana mucosa (tunica mucosa) forma pieghe longitudinali. Il canale si apre, soprattutto nelle parti inferiori, numerose ghiandole mucose (ghiandole uretrali).

L'uretra femminile riceve rifornimento di sangue da a. vesicalis inferiore e a. pudenda interna. Le vene infondono attraverso il plesso venoso (plesso venoso vesicalis) in v. iliaca interna. Le navi linfatiche dal canale superiore sono inviate all'Inn. iliaci, dal basso - verso l'Inn. inguinales.

Innervazione: dal plesso ipogastrico inferiore, nn. splanchnici pelvini e n. pudendus.

L'uretra maschile contiene non solo l'urina, ma anche lo sperma, quindi sarà considerata insieme al sistema riproduttivo maschile.

Anatomia e fisiologia del sistema genitourinario maschile

Sistema genito-urinario

Il termine "urinario" spiega che questo sistema consiste di due componenti: urinario e sessuale. La combinazione di questi due sottosistemi in uno parla della stretta relazione tra gli organi di questo sistema, e nel corpo maschile questa relazione si manifesta più da vicino che nella femmina, poiché l'uretra maschile (uretra) svolge una duplice funzione: escrezione urinaria ed eiaculazione. Pertanto, l'urologo si occupa della patologia del sistema genitourinario maschile e del sistema urinario femminile.

Il sistema urinario comprende i reni, gli ureteri, la vescica, l'uretra.

reni

Questo è un organo associato che si trova nello spazio retroperitoneale. Nella loro forma, i reni assomigliano a fagioli (o fagioli). La dimensione media dei reni in un adulto è 10 x 6 cm Il rene destro si trova di solito leggermente più in basso rispetto alla sinistra perché si trova sotto il fegato. I reni sono circondati da tessuto adiposo che, insieme ai muscoli e ai legamenti circostanti, li mantiene in posizione. Questo spiega perché le persone magre, così come il risultato di una drastica perdita di peso, possono causare una malattia come la nefroptoz - prolasso renale.

Le gemme sono composte da due strati. Superficiale - corticale e più profondo - cerebrale. Sulla sezione del rene può essere visto, il midollo è un sistema di tubuli (tubuli). La funzione dei tubuli - la raccolta e l'astrazione delle urine nel bacino. Il bacino è un collettore comune di tutti i tubuli del rene. Si apre nella porta del rene, in cui, oltre al bacino, c'è anche un'arteria e una vena.

Il componente principale dell'unità renale è il nefrone. Questo è un glomerulo, costituito dall'estrema estremità "a forma di coppa" del tubulo, che è intrecciata con i capillari, attraverso i quali circola continuamente il sangue. A causa della pressione arteriosa e delle proprietà della membrana delle pareti dei capillari, il plasma viene filtrato dal sangue nel glomerulo - cioè la parte liquida del sangue senza eritrociti, leucociti e altri globuli rossi che normalmente non passano attraverso la membrana, così come alcune sostanze (zucchero, proteine, ecc.) Ma in alcune malattie, questi componenti del sangue vengono filtrati attraverso la membrana glomerulare e vengono rilevati nelle urine.

Quindi, la funzione principale dei reni è quella di "filtrare" il sangue. I reni sono l'organo principale che purifica il sangue da tutte le scorie e dai prodotti metabolici. Con la loro malattia, questa funzione di filtraggio è disturbata, il che porta all'accumulo nel sangue e all'avvelenamento del corpo con i suoi stessi prodotti metabolici. Vale la pena notare che attraverso i reni dall'organismo vengono espulsi alcuni farmaci e i loro prodotti metabolici.

ureteri

Gli ureteri sono una continuazione del bacino verso il basso e sono un tubo lungo circa 30 cm. La clearance dell'uretere è di 5 - 6 mm. Ma questa larghezza non è costante e il lume dell'uretere si restringe in tre punti: il cosiddetto restringimento fisiologico. Il significato di queste restrizioni è che piccoli calcoli renali possono rimanere bloccati in loro. Gli ureteri scorrono nella vescica.

vescica

La vescica è un serbatoio di tensione, la cui parete contiene lo strato muscolare, e l'interno è rivestito da una membrana mucosa e gli ureteri scorrono nella vescica. In media, la capacità della vescica varia da 300 a 600 ml.

Uretra (uretra)

L'uretra è un tubo cavo che serve a rimuovere l'urina dalla vescica. L'uretra è diversa negli uomini e nelle donne: negli uomini è lunga e stretta (30 cm di lunghezza, circa 8 mm di larghezza), e nelle donne - corta e larga (3-4 cm di lunghezza, 1-1,5 cm di larghezza). Queste caratteristiche strutturali dell'uretra nelle donne sono la ragione principale del fatto che hanno più spesso malattie infiammatorie della vescica-cistite, poiché l'infezione penetra facilmente nella vescica attraverso la corta uretra femminile. Il lume dell'uretra è coperto di mucosa. L'infiammazione di questa membrana - uretrite - si verifica a seguito di infezione, sia aspecifica (condizionatamente patogena) che specifica (gonorrea, clamidia, tricomoniasi, ecc.).

Il sistema riproduttivo. Genitali maschili

Genitali maschili interni

  • Deferenti condotti
  • Cavo di semi
  • Bolle di semi
  • Ghiandola della prostata
  • Bulbourethral ghiandola

Genitali esterni maschili

  • Uretra maschile
  • scroto
  • testicoli
  • Il peritoneo della cavità pelvica

Prostata (ghiandola prostatica)

La prostata si trova direttamente sotto la vescica al suo collo e copre l'uretra con il suo spessore, vale a dire. l'uretra lo attraversa. Questo è il cosiddetto reparto prostatico dell'uretra. Apre sia i dotti della prostata che i dotti delle vescicole seminali. La prostata è un organo ghiandolare, cioè la maggior parte del suo tessuto è ghiandolare. Nella forma e nelle dimensioni, la prostata ricorda una castagna.

La funzione principale della prostata è quella di produrre uno speciale fluido trasparente - la secrezione della prostata (succo di prostata), che fa parte dello sperma. La composizione dello sperma è piuttosto complicata. Lo sperma è una miscela di segreti di un numero di ghiandole. In particolare, oltre agli spermatozoi, lo sperma contiene i segreti della prostata, delle vescicole seminali e delle ghiandole di Littre e Cooper.

Le secrezioni della ghiandola prostatica attaccate al seme hanno una reazione alcalina e un aspetto opalescente, contengono granuli di licitina, corpi prostatici, cellule epiteliali, granulari e spermina, che conferiscono al seme un aspetto lattiginoso e un odore specifico. Le vescicole seminali rimovibili sono inodore, appiccicose, incolori, costituite da cellule epiteliali, da singoli leucociti e formazioni simili ai grani di sago.

I segreti della prostata e delle vescicole seminali liquefanno il seme denso, assicurano la vitalità dello sperma e danno loro la mobilità necessaria.

Lo sperma ha l'aspetto di un liquido torbido, gelatinoso e tendente allo stiramento, e il colore bianco è dovuto alla presenza di spermatozoi. Il segreto dei testicoli è costituito da cristalli di sperma e fosfato.

Bolle di semi

Le vescicole seminali sono una sorta di sacche contorte sulla superficie posterolaterale della vescica. La funzione principale delle vescicole seminali è un serbatoio di liquido seminale. Nelle vescicole seminali, il liquido seminale subisce anche alcuni cambiamenti al fine di diventare uno spermatozoo completo. Durante il rapporto sessuale, durante l'eiaculazione delle vescicole seminali, il liquido seminale viene rilasciato attraverso i dotti nell'uretra e, mescolando con il succo della prostata e il segreto di altre ghiandole, viene eruttato attraverso l'apertura esterna dell'uretra.

Deferenti condotti

I condotti seminiferi sono tubi sottili che scorrono dai testicoli e cadono nelle vescicole seminali. Secondo lui, il liquido seminale dai testicoli entra nelle vescicole seminali.

testicoli

I testicoli sono un organo appaiato. Si trovano nello scroto. In loro la formazione e la maturazione dello sperma. Inoltre, i testicoli sono l'organo principale in cui viene prodotto il principale ormone sessuale maschile: il testosterone. Dovrebbe essere notato un fatto così interessante che di solito il testicolo sinistro si trova leggermente sotto la destra.

Come già notato, la funzione principale dei testicoli è la produzione di sperma. Gli spermatozoi sono prodotti in loro da speciali cellule di Sertolli. Oltre a queste cellule, ci sono le cellule di Leydig nei testicoli, queste sono cellule ormone-attive che producono testosterone.

Ogni testicolo è costituito da lobuli riempiti con tubuli seminiferi contorti. Su ogni testicolo c'è un'appendice in cima, che passa nel dotto deferente. Le funzioni testicolari sono controllate dalla ghiandola pituitaria anteriore. Vale la pena notare che una tale disposizione dei testicoli - il principale, in termini di riproduzione, organi genitali - è associata a un regime di temperatura speciale, che è necessario per la maturazione degli spermatozoi in essi. ie per la normale maturazione degli spermatozoi è richiesta una temperatura di alcuni gradi al di sotto della temperatura corporea. Pertanto, un tale importante, in termini di conservazione e trasmissione di informazioni genetiche della specie, il corpo non è in un luogo molto sicuro - al di fuori. Tuttavia, molti animali hanno un muscolo che, in caso di pericolo, solleva il testicolo e lo attira nella cavità addominale. Nell'uomo, è sottosviluppato.

Ogni testicolo nella sua metà dello scroto è coperto da membrane. Ce ne sono sette. A volte, in caso di accumulo tra i fogli delle membrane del testicolo, si verifica l'idropisia (idrocele).

pene

Il pene maschile serve a svolgere rapporti sessuali e rende possibile la fecondazione, e anche nella profondità del suo corpo spugnoso passa l'uretra, in cui l'urina o lo sperma viene espulso. ie Il pene svolge una doppia funzione: minzione e procreazione. Il pene ha una struttura complessa. Nella parte superiore di esso ci sono due corpi cavernosi, e sotto di loro c'è un corpo spugnoso. I corpi cavernosi sono ricoperti di tessuto connettivo albuginea.

I corpi cavernosi hanno il loro nome per la loro particolare struttura cellulare, che sembra una grotta. Tale struttura è necessaria per garantire l'erezione e il rapporto sessuale. Gli studi dimostrano che l'erezione deriva dall'espansione delle arterie che portano il sangue al pene, lo spasmo delle vene, attraverso il quale questo sangue si allontana dal pene e il rilassamento delle cellule dei corpi cavernosi del pene. Arterie, vene e cellule dei corpi cavernosi sono composte da muscoli lisci. Questi muscoli sono influenzati dai cosiddetti neurotrasmettitori - sostanze che vengono rilasciate durante la stimolazione dei nervi che controllano il processo di erezione.

Dopo appropriata stimolazione sessuale, queste sostanze portano al rilassamento (rilassamento) della muscolatura liscia dei corpi cavernosi del pene, all'espansione delle loro cellule arteriose, che si manifesta con un forte aumento del flusso sanguigno al pene. Quindi le cellule sono piene di sangue, espandendo e comprimendo le vene attraverso le quali scorre il sangue, che porta ad un ulteriore aumento della pressione intraspinale, causando così un'erezione.

Anatomia del sistema urinario maschile

Anatomia del sistema urinario maschile

Nell'elenco, fai clic sull'organo a cui sei interessato e imparerai i dettagli della sua struttura, funzionamento, possibili malattie e metodi del loro trattamento. Se avete domande, potete chiedere loro nella sezione di consultazione.

Tratto urinario superiore umano

Apparato digerente inferiore maschile e genitali

La vescica è l'organo del sistema urinario di una persona. La vescica si trova nella pelvi posteriormente alle ossa del petto, in alto dalla prostata, anteriormente al retto. Parte delle pareti superiore e posteriore della vescica è coperta da peritoneo parietale.
Nella vescica anatomicamente distinguere le seguenti parti:
(1) il fondo della bolla;
(2) le pareti della vescica (anteriore, laterale, posteriore);
(3) il collo della bolla.
Gli ureteri destro e sinistro si adattano alla superficie posteriore della vescica. Il collo della vescica continua nell'uretra (uretra). Nello stato pieno, la vescica può sporgere al di sopra del seno. In questo stato, la vescica può essere percepita dalle mani nel basso addome direttamente sopra il seno sotto forma di un'educazione arrotondata, quando viene premuto, la voglia di urinare. La capacità della vescica, di regola, è di 200 - 400 ml. La superficie interna della vescica è ricoperta da una membrana mucosa.
Le principali funzioni della vescica sono:
(1) nell'accumulo e nella ritenzione di urina (che scorre continuamente dai reni attraverso gli ureteri);
(2) nell'escrezione di urina.
L'accumulo di urina nella vescica avviene a causa dell'adattamento delle pareti della vescica al volume dell'urina in entrata (rilassamento e stiramento delle pareti senza un aumento significativo della pressione intravescicale). A un certo grado di stiramento delle pareti della vescica, c'è il desiderio di urinare. Un adulto in buona salute può trattenere l'urina, nonostante la voglia di urinare. La ritenzione di urina all'interno della vescica viene effettuata utilizzando l'apparato dello sfintere (valvole), che comprime il lume del collo della vescica e dell'uretra. Ci sono due sfintere principale della vescica: il primo è involontario (costituito da fibre muscolari lisce), localizzato nel collo urinario all'uscita dell'uretra, il secondo è arbitrario (costituito da fibre muscolari a strisce incrociate), si trova nella parte centrale dell'uretra pelvica e fa parte di muscoli del pavimento pelvico. Durante la minzione, che è normale in un adulto, eseguita arbitrariamente secondo i suoi desideri, entrambi gli sfinteri si rilassano e le pareti del contratto della vescica, che porta all'espulsione delle urine. Il funzionamento alterato dei muscoli, l'espulsione delle urine e gli sfinteri portano a vari disturbi della minzione. Frequenti malattie della vescica sono infiammazione infettiva della mucosa (cistite), pietre, tumori e disturbi della regolazione nervosa delle sue funzioni.

Il corpo cavernoso (cavernoso) è la parte strutturale del pene. I corpi cavernosi (destra e sinistra) hanno una forma cilindrica e si trovano all'interno del pene. Il corpo spugnoso (spugnoso) del pene è soggetto alla superficie ventrale dei corpi cavernosi, paralleli ad essi.
Anatomicamente, nel corpo cavernoso si distinguono:
(1) apice (apice) - parte distale;
(2) sezione centrale;
(3) gamba - parte prossimale.
Nella parte apicale, i corpi cavernosi sono coperti dalla testa del pene, che fa parte del corpo spugnoso. All'articolazione pubica nella parte prossimale, i corpi cavernosi divergono ai lati verso il basso e all'indietro parallelamente ai rami discendenti (sciatici) delle ossa pubiche, a cui sono attaccati da fasci. Nella regione della sinfisi pubica, i corpi cavernosi sono attaccati alle ossa con l'aiuto di un legamento imbuto non appaiato. I corpi cavernosi possono essere percepiti sotto forma di rulli a destra e sinistra all'interno del pene.
La funzione principale dei corpi cavernosi - garantire l'erezione del pene (un aumento delle dimensioni e indurimento del pene durante l'eccitazione sessuale).
Il corpo cavernoso è composto da tessuto cavernoso circondato dall'albume. Il tessuto cavernoso ha una struttura cellulare. Ogni cavità (cellula) ha la capacità di cambiare il suo volume interno a causa di un cambiamento nel tono degli elementi della muscolatura liscia (muscoli trabecolari) che sono inclusi nella struttura delle pareti della cavità. Il sangue entra nelle caverne attraverso arteriole che si irradiano radialmente dall'arteria cavernosa situata al centro del corpo cavernoso. Con l'eccitazione sessuale in risposta al rilascio di un mediatore (NO - ossido nitrico) a causa del rilassamento dei muscoli trabecolari e dei muscoli delle pareti delle arterie cavernose, si verifica un aumento del lume delle arterie cavernose e il volume delle cavità. L'aumento del flusso sanguigno al tessuto cavernoso e il riempimento di cavità con un grande volume di sangue porta ad un aumento del volume totale del tessuto cavernoso (tumescenza o gonfiore del pene). Nel normale deflusso di sangue dal tessuto cavernoso attraverso il plesso venoso, situato direttamente sotto la membrana proteica. Quando i plessi venosi vengono premuti contro la membrana di albumina aumentando il volume di tessuto cavernoso durante la tumescenza (la base del meccanismo veno-occlusivo), vi è una diminuzione del deflusso di sangue dai corpi cavernosi, portando alla comparsa di un'erezione solida. Alla fine dell'attività sessuale (di norma, dopo l'eiaculazione), il rilascio di norepinefrina, un mediatore simpatico che aumenta il tono dei muscoli trabecolari, porta alla scomparsa dell'erezione (detumescenza) nell'ordine inverso dell'erezione. Flusso sanguigno insufficiente ai corpi cavernosi, eccessivo deflusso di sangue venoso dai corpi cavernosi, danni ai nervi, conduzione di segnali alla comparsa dell'erezione, così come il danneggiamento del tessuto cavernoso porta ad un deterioramento della qualità dello sperma e dell'erezione fino alla sua completa assenza (impotenza).
L'albugina del corpo cavernoso è una guaina di corpi cavernosi e consiste di tessuto connettivo elastico. Durante l'erezione, l'albugina, che si estende uniformemente in diverse direzioni, fornisce un ingrandimento simmetrico del pene. Le malformazioni congenite della tunica bianca, i cambiamenti cicatriziali dopo le lesioni del pene e la formazione di placche fibrose sulla tunica nella malattia di Peyronie possono portare alla curvatura del pene durante l'erezione.

I reni sono l'organo principale e più importante associato del sistema urinario umano. I reni hanno una forma a forma di fagiolo, dimensioni 10 - 12 x 4 - 5 cm e si trovano nello spazio retroperitoneale sui lati della colonna vertebrale. Il rene destro interseca la linea della dodicesima costola destra a metà, mentre 1/3 del rene sinistro si trova sopra la linea della dodicesima costa sinistra e 2/3 sotto (quindi il rene destro si trova leggermente sotto la sinistra). Durante l'inalazione e quando una persona si sposta da una posizione orizzontale a una verticale, i reni sono spostati verso il basso di 3-5 cm. La fissazione dei reni in una posizione normale è garantita dall'apparato legamentoso e dall'effetto di supporto della cellulosa pararenale. Il polo inferiore dei reni può essere palpato con le mani mentre si inala nell'ipocondria destra e sinistra.
Le principali funzioni dei reni sono:
(1) nella regolazione dell'equilibrio del sale marino del corpo (mantenendo le necessarie concentrazioni di sali e il volume del fluido nel corpo);
(2) nell'eliminazione di sostanze inutili e dannose (tossiche) dal corpo;
(3) nella regolazione della pressione sanguigna.
Il rene, filtrando il sangue, produce l'urina, che viene raccolta nel sistema addominale ed escreta attraverso gli ureteri nella vescica e più lontano. Il sangue normale scorre attraverso i reni in circa 3 minuti, circolando nel corpo. Al minuto, 70-100 ml di urina primaria viene filtrata nei glomeruli renali, che successivamente si concentra nei tubuli renali, e al giorno una persona adulta rilascia una media di 1-1,5 litri di urina (300-500 ml in meno di quanto ha bevuto). Il rene del sistema addominale è costituito da tazze e pelvi. Ci sono tre gruppi principali di tazze di rene: superiore, medio e inferiore. I gruppi principali di tazze, che si connettono, formano la pelvi renale, che poi continua nell'uretere. La promozione dell'urina è fornita dalle contrazioni peristaltiche (ritmiche ondulate) delle fibre muscolari delle pareti delle coppe renali e del bacino. La superficie interna del sistema addominale dei reni è rivestita di membrana mucosa (epitelio di transizione). La violazione del deflusso di urina dal rene (calcoli o restringimenti dell'uretere, reflusso vescico-ureterale, ureterocele) porta ad un aumento della pressione e all'espansione del sistema addominale. La rottura prolungata del deflusso delle urine dal sistema addominale del rene può causare danni ai tessuti e gravi danni alla sua funzione. Le più comuni patologie renali sono: infiammazione batterica del rene (pielonefrite), urolitiasi, tumori renali e pelvi renale, anomalie congenite e acquisite della struttura renale, con conseguente alterata fuoriuscita di urina dal rene (idrocalcosi, idronefrosi). Altre malattie renali sono la glomerulonefrite, la policistica e l'amiloidosi. Molte malattie renali possono portare alla pressione alta. La più grave complicanza della malattia renale è l'insufficienza renale, che richiede l'uso di una macchina renale artificiale o di un trapianto di rene da donatore.

La prostata (prostata) è uno degli organi del sistema riproduttivo maschile. La prostata ha la forma di una castagna, si trova nella piccola pelvi di un uomo giù dalla vescica, posteriore alle ossa dell'utero, anteriore al retto e copre le quattro sezioni del canale uretrale. Le vescicole seminali sono soggette alla superficie posteriore della prostata. La superficie posteriore della prostata può essere percepita con un dito attraverso la parete anteriore del retto. La prostata, essendo una ghiandola, produce il suo segreto, che attraverso i dotti escretori entra nel lume dell'uretra.
Le principali funzioni della prostata sono:
(1) nella produzione di una porzione di liquido seminale (circa il 30% del volume dell'eiaculato);
(2) partecipare al meccanismo di rilascio degli spermatozoi durante il rapporto sessuale;
(3) partecipazione ai meccanismi di ritenzione urinaria.
La prostata non ha alcuna relazione diretta con il meccanismo dell'aspetto dell'erezione del pene e le alterazioni della sua qualità.
Nella prostata ci sono cinque zone anatomiche e fisiologiche:
(1) fibromuscolare anteriore;
(2) periferico;
(3) centrale;
(4) transitorio (transitorio);
(5) periuretrale.
Da un punto di vista clinico, le zone transitorie e periferiche sono le più importanti. Con età, la zona tranzitorny, di regola, aumenta di dimensioni. Con un aumento delle dimensioni della zona transitoria, si può verificare una compressione meccanica dell'uretra che porta alla rottura del deflusso urinario dalla vescica. L'aumento della zona transitoria e delle patologie urinarie associate sono chiamate adenoma o iperplasia prostatica benigna, che è presente in circa il 50% degli uomini di età compresa tra 50 anni e, di conseguenza, il 90% degli uomini di età compresa tra 80 anni. L'importanza del valore della zona periferica risiede nel fatto che circa l'80% di tutti i cancri della prostata si sviluppa in esso. Il cancro alla prostata ha la possibilità di ammalarsi ogni sei o settimo uomo sopra i 50 anni di età e, con l'età, questa possibilità aumenta. Un'altra malattia prostatica comune che colpisce la qualità della vita di un uomo è la prostatite o l'infiammazione della prostata.

I testicoli (testicoli) sono le ghiandole sessuali maschili. I testicoli (destro e sinistro) si trovano nelle rispettive metà dello scroto in un uomo. Al polo superiore di ciascun testicolo, sono adatte le corde spermatiche, costituite dalle membrane del testicolo, dall'arteria testicolare, dalle vene del plesso venoso testicolare e dal dotto spermatico. Sulle superfici laterali dei testicoli, dal polo superiore a quello inferiore, vi sono l'epididimo, che nel polo inferiore del testicolo continua nei vasi deferenti. I testicoli possono essere palpati attraverso la pelle dello scroto sotto forma di formazioni arrotondate di consistenza elastica. L'epididimo è palpabile sotto forma di rulli sulla superficie laterale dei testicoli.
Le funzioni principali dei testicoli:
(1) prodotti ormonali sessuali maschili (testosterone);
(2) produzione di spermatozoi (cellule germinali maschili necessarie per il processo di fecondazione).
Le funzioni principali dell'epididimo sono:
(1) conduzione dello sperma dal testicolo al dotto deferente;
(2) l'attuazione del processo di maturazione degli spermatozoi.
Anatomicamente, il testicolo ha (1) il parenchima (il tessuto testicolare stesso) e il parenchima circostante sono densi ed elastici (2) la membrana proteica. La massa principale del parenchima testicolare è costituita da un insieme di tubuli microscopici contorti rivestiti con epitelio spermatogenico costituito da cellule di Sertoli, su cui avviene la formazione e la maturazione delle cellule spermatiche. I canalicoli si formano nel polo superiore del testicolo (una rete di tubuli diretti), dove passano nei canalicoli dell'epididimo. Muovendosi lungo i canalicoli dell'epididimo, maturano gli spermatozoi, dopo di che entrano nel dotto spermatico e poi attraverso i canali eiaculatori attraverso l'uretra durante l'eiaculazione. Tra i tubuli nel parenchima del testicolo, ci sono le cellule di Leydig che producono il principale ormone sessuale maschile - il testosterone. La regolazione della concentrazione di testosterone nel sangue viene effettuata dall'ipotalamo e dalla ghiandola pituitaria - strutture cerebrali, a causa di una maggiore o minore secrezione di ormone luteinizzante, che a sua volta stimola le cellule di Leydig a rilasciare il testosterone. La mancanza di rilascio di testosterone può essere causata da una scarsa performance delle cellule di Leydig in caso di danno testicolare (alterazioni congenite, traumatiche o infiammatorie) e in caso di insufficiente secrezione dell'ormone luteinizzante da parte dell'ipofisi. La mancanza di testosterone porta a infertilità, diminuzione del desiderio sessuale e talvolta causa disfunzione erettile.

Il testicolo, inizialmente sviluppato nell'addome del feto, nel processo di sviluppo prenatale si sposta gradualmente verso il basso e dal momento della nascita (o immediatamente dopo di loro) scende nella cavità dello scroto. La necessità di spostare i testicoli dall'addome allo scroto è dovuta al fatto che il processo di formazione dello sperma richiede una temperatura inferiore a quella corporea. Normalmente, la temperatura nello scroto è inferiore di 2-4 ° C rispetto alla temperatura corporea.
Lo spostamento del testicolo nello scroto porta ad alcune caratteristiche del flusso sanguigno e alla struttura delle membrane. Passando dalla cavità addominale attraverso il canale inguinale, il testicolo trascina i muscoli della parete addominale anteriore e del peritoneo, acquisendo così le membrane muscolari e vaginali.
I vasi che alimentano il testicolo (arteria e vene) provengono dai piani superiori dell'addome (sul lato destro - dall'aorta e dalla vena cava inferiore, sul lato sinistro - dalle arterie e dalle vene renali) e ripetono il modo in cui i testicoli passano nello scroto nello spazio retroperitoneale e inguinale canali. La violazione del deflusso attraverso le vene testicolari (si verifica più spesso a sinistra) porta alla comparsa di varicocele (vene varicose del cordone spermatico), che è una causa comune di infertilità maschile.
La presenza di un rivestimento muscolare (muscolo-cremastre o muscolo che solleva il testicolo) porta alla possibilità di tirare il testicolo sull'anello esterno del canale inguinale. Nella posizione eretta, quando la pelle viene trattenuta lungo l'interno coscia con un dito, il testicolo inizia a salire verso l'alto (riflesso cremasterico).
La passione del testicolo dietro il peritoneo parietale (parietale) durante il movimento intrauterino del testicolo nello scroto porta alla formazione del processo vaginale (protrusione) del peritoneo, che al momento della consegna nel segmento lungo il cordone spermatico cresce eccessivamente, formando una cavità sierosa chiusa attorno al testicolo. La non dilatazione del processo vaginale del peritoneo porta alla comparsa di ernia inguinale congenita o edema testicolare che comunica con la cavità addominale. L'accumulo di liquido in una cavità chiusa all'interno delle membrane vaginali del testicolo, porta alla formazione di idrocele vero (idrocele).
Non lasciare il testicolo nello scroto (criptorchidismo) o arrestare l'ulteriore avanzamento del testicolo nella cavità addominale o nel canale inguinale provoca spesso un danno significativo a tutte le funzioni testicolari (infertilità) ed è un fattore di rischio per lo sviluppo del cancro ai testicoli.
La penetrazione nell'epididimo di un'infezione dall'uretra lungo il dotto deferente porta spesso allo sviluppo dell'epididimite (infiammazione dell'epididimo). Negli uomini sessualmente attivi di età inferiore ai 30 anni, l'epididimite acuta nel 65% dei casi è associata a un'infezione da clamidia ottenuta attraverso il contatto sessuale. L'infiammazione dell'epididimo può causare infertilità maschile a causa del blocco dei tubuli. Oltre all'infiammazione, una frequente malattia dell'epididimo è lo spermatocele (cisti dell'epididimo). Una delle malattie acute del testicolo è la sua torsione, una condizione che richiede cure di emergenza. Questa malattia è simile all'infiammazione del testicolo e della sua appendice (orchiepididimite), tuttavia, in assenza di un'assistenza tempestiva, può portare alla necrosi testicolare. È più comune all'età di 20 anni.

Ureteri - parte del sistema urinario dell'uomo. Ureteri (destra e sinistra) iniziano nella pelvi renale, passano nello spazio retroperitoneale sui lati della colonna vertebrale, attraversano i processi trasversali delle vertebre lombari approssimativamente nel mezzo, scendono nella cavità pelvica, vanno lungo il retro della vescica e, passando attraverso il muro, si aprono con le bocche in la sua cavità È impossibile palpare gli ureteri attraverso lo stomaco e la parte bassa della schiena. Gli ureteri sono condotti lunghi 27-30 cm, 5-7 mm di diametro, con una parete con uno strato muscolare e rivestiti sulla superficie interna da una membrana mucosa (epitelio di transizione). La funzione principale degli ureteri è quella di trasportare l'urina dai reni alla vescica. L'urina conduttrice viene eseguita a causa di contrazioni involontarie peristaltiche (ritmiche ondulate) dello strato muscolare delle pareti degli ureteri. Ogni 15-20 secondi, l'urina entra alternativamente dagli ureteri nella cavità della vescica in porzioni. Ogni uretere ha meccanismi che impediscono all'urina di ritornare (reflusso) all'urina dalla cavità della vescica con un aumento della pressione intravescicale (inclusa durante la contrazione della vescica durante la minzione). Quando il reflusso di urina può disturbare la funzione dell'uretere e dei reni.
Ogni uretere ha 3 contrazioni fisiologiche, che sono:
(1) nel luogo di scarico dalla pelvi renale;
(2) sul bordo del terzo medio e inferiore all'intersezione con i vasi iliaci;
(3) nel punto di passaggio all'interno della parete della vescica.
La presenza di costrizioni degli ureteri è importante per l'urolitiasi, quando un calcolo (pietra urinaria) che è caduto dal rene nell'uretere può indugiare nel punto di costrizione, interrompendo il flusso di urina attraverso l'uretere, causando così colica renale ). Le più comuni malattie degli ureteri sono: calcoli ureterali, stenosi degli ureteri (restringimento del lume patologico), reflusso vescico-ureterale, ureterocele (espansione cistica della parte intravescicale dell'uretere). I tumori ureterali sono rari.

L'uretra (uretra) fa parte del sistema urinario di una donna e il sistema urinario e riproduttivo di un uomo.
Negli uomini, l'uretra lunga 20 cm si trova sia nel bacino che all'interno del pene e si apre con un'apertura esterna sulla testa. Distinguere anatomicamente le seguenti sezioni dell'uretra maschile:
(1) apertura esterna;
(2) fossa dello scafoide;
(3) pene;
(4) bulbozny;
(5) membranoso;
(6) prostatico (siti prossimali e distali).

Le vescicole seminali sono gli organi del sistema riproduttivo maschile. Le vescicole seminali (destra e sinistra) si trovano sulla superficie posteriore della prostata ai lati di essa, posteriormente alla vescica, anteriormente al retto. Le vescicole seminali possono essere percepite con un dito attraverso la parete anteriore del retto ai lati della prostata basale. I dotti spermatici, che dopo l'attaccamento alle vescicole seminali, passano nei dotti eiaculatori, si avvicinano alle vescicole seminali. I dotti ejaculatory passano attraverso la prostata e si aprono con i loro orifizi nel lume della sezione prostatica dell'uretra sui lati del tubercolo seme. Il tessuto della vescicola seminale ha una struttura cellulare.
Le funzioni principali delle vescicole seminali sono:
(1) nella produzione di una parte sostanziale del liquido seminale (fino al 75% del volume di eiaculato);
(2) nell'accumulo di componenti di liquido seminale fino all'eiaculazione (di regola non ci sono spermatozoi dalle vescicole seminali, e il contenitore principale dello sperma è la fiala deferente);
(3) partecipare al meccanismo dell'eiaculazione (al momento dell'eiaculazione, lo sperma delle vescicole seminali e dei vasi deferenti fluiscono attraverso i dotti eiaculatori nell'uretra, si mescola con la secrezione della prostata e viene espulso).
Patologia delle vescicole seminali (di solito infiammazione - vescicolite) può portare a un deterioramento della qualità dello sperma e infertilità.

* Arterie e vene testicolari

I testicoli e le arterie sono i vasi che alimentano le ghiandole riproduttive maschili, i testicoli. Su ogni lato ci sono un'arteria testicolare e una, e spesso diverse, vene testicolari. Sul lato destro, l'arteria testicolare si allontana dall'aorta e la vena testicolare scorre nella vena cava inferiore. Sul lato sinistro, l'arteria testicolare si allontana dall'arteria renale sinistra e la vena testicolare scorre nella vena renale sinistra. I vasi dell'uovo passano verticalmente a destra e a sinistra nello spazio retroperitoneale lateralmente agli ureteri, penetrano il canale inguinale attraverso l'anello inguinale interno e, come parte del cordone spermatico, escono attraverso l'anello inguinale esterno, si avvicinano al polo superiore del testicolo. Nella composizione del cordone spermatico e nello scroto, le vene testicolari formano il plesso venoso testicolare. Il diametro esterno dell'arteria testicolare è solitamente 0,5-1,0 mm.
La patologia più comune associata ai vasi testicoli è il varicocele (vene varicose del plesso venoso testicolare). Varicocele si sviluppa, di solito in giovani di età compresa tra 12-15 anni più spesso sul lato sinistro. Con insufficienza delle valvole venose e aumento della pressione nel sistema della vena testicolare sinistra (predisposizione anatomica) a causa del flusso sanguigno nella direzione opposta, si verifica l'espansione compensatoria delle vene dello scroto di gradi diversi. Disturbi del flusso sanguigno al testicolo (alta pressione venosa) e compromissione della termoregolazione dello scroto (il testicolo si trova nello scroto per lavorare a una temperatura inferiore alla temperatura corporea, e una grande massa di sangue nelle vene dilatate viola queste condizioni) porta alla disfunzione del testicolo. Il varicocele è una delle cause più comuni di infertilità maschile. Inoltre, più a lungo c'è il varicocele, maggiore è la probabilità di violazioni pronunciate della qualità dello sperma (concentrazione e motilità dello sperma) e il grado di cambiamenti ormonali. Negli ultimi anni, è stato dimostrato che il varicocele può essere la causa di un inizio più precoce della menopausa maschile.

Sistema genito-urinario maschile - Struttura dell'organo

Il sistema urinario degli uomini, vale a dire l'uretra e il pene maschili, è cruciale per la diagnosi e il trattamento delle condizioni urologiche. L'anatomia dei reni, dell'uretere e della vescica sono simili negli uomini e nelle donne. La maggior parte delle differenze sessuali nel tratto urinario iniziano al collo della vescica e continuano nel resto degli organi.

La struttura del sistema genitourinario maschile

Questa sezione discute l'anatomia macroscopica del sistema genitourinario maschile, iniziando con la prostata e poi con il tratto urinario inferiore, incluso ciascun organo specificamente maschile.

uretra

Il sistema urinario maschile differisce dalla femmina in primo luogo dall'uretra. È una struttura tubolare che trasferisce l'urina dalla vescica attraverso la prostata al pene. Inizia immediatamente dopo il collo della vescica, dove si trova lo sfintere uretrale interno, costituito da fibre muscolari lisce provenienti dai muscoli della vescica. L'uretra è significativamente più lunga negli uomini che nelle donne, con una lunghezza di circa 17-20 cm. L'uretra maschile ha 4 sezioni:

  • uretra prostatica;
  • uretra a membrana;
  • uretra bulbare;
  • uretra genitale.

Uretra prostatica e prostatica

Sopra il collo della vescica, l'anatomia maschile e femminile di questo organo è molto simile. Tuttavia, sotto la cervice, dove si trova la prostata, ci sono differenze significative nel tratto urinario. La presenza della ghiandola prostatica, sopra il pavimento pelvico e sotto la vescica, è unica per gli uomini. La prostata si sviluppa da processi epiteliali che formano il segmento prostatico dell'uretra, che cresce nel mesenchima circostante.

La ghiandola prostatica normale è di circa 20 g di volume, 3 cm di lunghezza, 4 cm di larghezza e 2 cm di profondità. Man mano che gli uomini invecchiano, la ghiandola prostatica varia di dimensioni. La ghiandola si trova più vicino alla fusione pubica, sopra la membrana perineale, sotto la vescica e davanti al retto.

La base della prostata è in continua comunicazione con la vescica e termina in cima, dove diventa uno sfintere uretrale esterno a strisce. Lo sfintere è una guaina tubolare orientata verticalmente che circonda l'uretra della membrana e la prostata.

La prostata è racchiusa in una capsula composta da collagene, elastina e un gran numero di muscoli lisci. È coperto con tre diversi strati di fascia.

Le vescicole seminali si trovano al di sopra della ghiandola prostatica sotto la base della vescica e sono lunghe circa 6 cm Ciascuna vescica seminale è collegata ai corrispondenti dotti protoplasmatici per formare il canale eiaculatorio prima di entrare nella prostata.

Membrana e uretra bulbare

L'uretra della membrana è un segmento dell'uretra, localizzata dopo l'uretra prostatica. È contenuto nel complesso di muscoli che sollevano l'ano. Inoltre, l'uretra della membrana rappresenta anche il segmento dell'uretra, che è circondato da uno sfintere uretrale esterno, che svolge un ruolo chiave nella ritenzione di urina dopo prostatectomia radicale.

Il bulbo comincia dopo l'uretra della membrana e rappresenta il primo segmento dell'uretra, che è posto nel corpo spugnoso del pene. Inoltre, questa sezione dell'uretra è circondata da muscoli bulbocavernoso, che lo contraggono e promuovono lo spostamento durante l'eiaculazione.

Pene e uretra genitale

L'uretra del pene passa attraverso il pene nel corpo spugnoso. Lascia attraverso il pene, all'interno del quale è chiamata la fossa navicolare dell'uretra. L'apertura dell'uretra sulla punta del glande è il passaggio uretrale.

Il pene è un organo urogenitale esterno di un uomo, costituito principalmente da tre corpi cilindrici. Uno dei corpi cilindrici è il corpo spugnoso del pene, che si piega intorno all'uretra bulbare del pene, diventando simmetrico nel coprire l'uretra all'interno del pene. Quindi diventa la testa del pene. Con un'erezione, il corpo spugnoso del pene viene riempito per comprimere il passaggio uretrale e promuovere una maggiore velocità di rilascio, mentre la testa si gonfia per facilitare la penetrazione nei genitali femminili e assorbire il colpo durante la spinta. Il corpo spugnoso del pene protegge l'uretra e facilita la circolazione sanguigna dell'uretra.

I rimanenti 2 corpi cilindrici sono corpi cavernosi accoppiati. Ogni corpo cavernoso è contenuto in uno strato di tessuto fibroso chiamato albumina, che serve a sostenere i corpi cavernosi riempiti durante l'erezione, in quanto sono pieni di sangue a causa della pressione sanguigna. I corpi cavernosi non urinano.

I corpi cavernosi sono composti da muscoli lisci intrecciati dentro e attorno alle cavità vascolari. La membrana albugina che circonda i corpi cavernosi consiste di 2 strati di tessuto connettivo rigido. Lo strato profondo della tunica è composto da fibre orientate circolarmente e lo strato superficiale è costituito da fibre orientate longitudinalmente lungo il pene.

Il pene è un organo molto vascolare ed è dotato anche di un gran numero di terminazioni nervose. La maggior parte delle sensazioni nel pene sono trasmesse attraverso i nervi dorsali accoppiati. I nervi responsabili dell'erezione sono i rami terminali all'interno del pene e si trovano su tutta la base all'interno del corpo cavernoso, dove stimolano l'erezione attraverso una complessa cascata molecolare.

Sistema vascolare del pene

Le arterie iliache interne danno origine a arterie interne bilaterali degli organi genitali, che successivamente portano alla comparsa di arterie comuni del pene, fornendo sangue al pene e alla maggior parte dell'uretra.

L'arteria genitale comune scorre nelle arterie dorsale, cavernosa e bulbouretrale. Le arterie circonflesse forniscono una connessione tra l'arteria dorsale e il corpo spugnoso del pene o l'arteria bulbourethral in diversi punti lungo la lunghezza del pene. L'arteria cavernosa fornisce i corpi cavernosi del pene, l'arteria dorsale fornisce la pelle e la testa, e l'arteria bulbosa fornisce l'uretra e la testa del pene.

Le vene del pene sono in gran parte simmetriche alle arterie. La profonda vena dorsale scorre nel plesso periprostatico e le vene bulbare e cavernosa si fondono nella vena sessuale interna. Inoltre, la vena dorsale superficiale drena nella vena femorale attraverso la vena genitale esterna superficiale.

La struttura degli organi genitali specifici del sistema genitourinario degli uomini

Il sistema genitourinario maschile non sarà completo senza organi riproduttivi che non siano coinvolti nell'escrezione urinaria. Sono una rete di organi esterni e interni che funzionano per produrre, supportare, trasportare e fornire spermatozoi vitali per la riproduzione.

Lo sperma viene prodotto nei testicoli e trasportato attraverso l'epididimo, il canale del seme, il canale eiaculatorio e l'uretra. Allo stesso tempo, le vescicole seminali, la ghiandola prostatica e la ghiandola bulbare producono un liquido seminale che accompagna e nutre lo sperma mentre viene emesso dal pene durante l'eiaculazione e durante il processo di fecondazione.

scroto

Lo scroto è un sacco fibromuscolare, diviso da un setto mediano (sutura seminale), formante 2 compartimenti, ognuno dei quali contiene il testicolo, appendice e parte del cordone spermatico. Gli strati dello scroto consistono in pelle, un guscio carnoso, una fascia spermatica esterna, una fascia di Cooper e una fascia spermatica interna, che è in stretto contatto con lo strato parietale del rivestimento testicolare.

Le membrane dermiche e muscolari dello scroto sono fornite con il ramo perineale dell'arteria genitale interna, oltre ai rami genitali esterni dell'arteria femorale. Strati distanti dal muscolo, ricevono sangue dai rami dell'arteria epigastrica inferiore. Le vene dello scroto accompagnano le arterie, finendo per fondersi nella vena genitale esterna e poi nella grande vena safena. Il drenaggio linfatico della pelle dello scroto viene effettuato da vasi genitali esterni nei linfonodi inguinali.

Lo scroto ha un gran numero di nervi, che includono:

  • ramo riproduttivo del nervo genito-immorale (superficie frontale e laterale dello scroto);
  • nervo orognonico (superficie anteriore dello scroto);
  • rami posteriori del nervo perineale (superficie posteriore dello scroto);
  • ramo perineale del nervo cutaneo femorale posteriore (superficie inferiore dello scroto).

Piante da seme

I semi sono il principale organo riproduttivo maschile e sono responsabili della produzione di testosterone e sperma. Ogni testicolo è lungo 4-5 cm, largo 2-3 cm, pesa 10-14 g ed è sospeso nello scroto tramite cordone muscolare e spermatico. Ogni testicolo è coperto di conchiglie.

Il rivestimento interno contiene un plesso di vasi sanguigni e tessuto connettivo. Le arterie testicolari bilaterali originate dall'aorta, seconde solo alle arterie renali, forniscono l'alimentazione arteriosa dei testicoli. Le arterie testicolari entrano nello scroto nella corda spermatica attraverso il canale inguinale e si dividono in due rami sul margine posteriore del testicolo.

Molte varianti di anomalie nell'anatomia del sistema genitourinario degli uomini sono diagnosticate e trattate durante l'infanzia, a causa della natura esterna del pene e dell'esame prenatale regolare del feto nei paesi sviluppati. Tali anomalie congenite possono verificarsi ovunque lungo l'intero tratto urinario di un uomo.