Principale
Prevenzione

Esami del sangue per prostatite e adenoma prostatico negli uomini

Diagnosi tempestiva - una garanzia di trattamento efficace della malattia. Questo vale anche per le malattie associate a vari processi patologici che si sviluppano nella ghiandola prostatica.

I cambiamenti negativi nel lavoro di un importante corpo maschile possono manifestarsi in modi diversi.

Pertanto, la nomina di vari test, la loro decodificazione competente svolgono un ruolo decisivo nel trattamento di successo, il ritorno dell'uomo al suo solito modo di vivere.

Cosa e come fare i test per la prostatite negli uomini?

Per le malattie della prostata, le più importanti sono le analisi di urina, sangue e sperma. La valutazione dello stato delle urine è uno dei tipi più informativi di ricerche di laboratorio in questo caso.

Grazie a questa analisi, il medico può identificare il decorso della fase acuta differenziata o cronica della malattia.

Abbastanza spesso, i pazienti devono fare un test del PSA, oltre a passare il liquido seminale per condurre la ricerca necessaria. Inoltre, ogni tipo di analisi verrà descritto in maggiore dettaglio.

Test del PSA

Il test PSA è una procedura diagnostica. È prescritto agli uomini in caso di sospetto tumore maligno che si sviluppa nella ghiandola prostatica.

Normalmente, un antigene prostatico specifico viene prodotto in una piccola quantità.

Anche con un leggero aumento di questo indicatore, il medico può concludere che l'uomo sviluppa prostatite. Se la concentrazione di antigene è più alta, questo indica lo sviluppo di un tumore maligno.

Il test del PSA non richiede un addestramento speciale. Se la malattia passa in forma acuta, si consiglia di posticipare il test. Alcuni giorni prima dell'esame non è possibile eseguire atti sessuali.

La procedura include i seguenti passaggi:

  • il braccio del paziente sopra il gomito viene bloccato con una bardatura;
  • un ago viene inserito nella vena gonfia, viene aspirato un tubo per estrarre il sangue;
  • con un normale flusso di sangue, il cablaggio viene rimosso completamente o leggermente indebolito;
  • l'ago viene estratto delicatamente dalla vena, premendo con forza il sito della puntura con un tampone.

Tale procedura per prendere il sangue non richiede più di 5 minuti. Il laboratorio prende il sangue da prelevare in una provetta.

Il materiale viene inviato al laboratorio per eseguire la ricerca necessaria. Per gli uomini della razza europea (età fino a 50 anni), l'indicatore normalmente non supera i 2,5 ng / ml.

Un test delle urine aiuta a determinare la presenza di prostatite nella fase iniziale.

L'analisi di decodifica delle urine del paziente viene effettuata prendendo in considerazione i seguenti indicatori:

  • leucociti: la frequenza normale è 0,3. Se il loro livello è elevato, questo suggerisce che il processo infiammatorio si sviluppi;
  • proteine: in un paziente sano non ci sono proteine ​​nella composizione delle urine. Altrimenti, possiamo concludere sullo sviluppo di prostatite e altre malattie;
  • globuli rossi: la loro velocità non dovrebbe essere inferiore a 5 unità. Un aumento di questo indicatore indica un ascesso.

L'urina deve essere raccolta per l'analisi al mattino, preferibilmente a stomaco vuoto. Per questo viene utilizzato l'imballaggio in vetro o plastica. Per condurre uno studio completo, sono sufficienti 5-6 ml di urina.

Liquido seminale

Con il corso di prostatite cronica, la raccolta di sperma dovrebbe essere effettuata regolarmente. In questo caso, il medico curante sarà in grado di monitorare le dinamiche dello sviluppo della malattia, oltre a prevenire lo sviluppo di complicanze.

Lo spermogramma viene eseguito se un uomo ha dolore durante la minzione, problemi di potenza e sente anche disagio nel perineo.

Prima dello sperma dovrebbe essere astenuto dal rapporto sessuale per 4-5 giorni. Di norma, la consegna dell'eiaculato viene eseguita in condizioni di laboratorio (il materiale è ottenuto per masturbazione). In alcune cliniche, l'opzione è consentita quando un uomo porta lo sperma da casa.

Tuttavia, in questo caso, il materiale deve essere portato in laboratorio entro e non oltre 1 ora dal ricevimento. In caso contrario, i risultati dei test ottenuti potrebbero non essere affidabili.

Normalmente, lo sperma ha le seguenti qualità:

  • pH: 7.2-7.8;
  • la presenza di un odore specifico;
  • l'eiaculato non dovrebbe "aderire";
  • 1 ml di sperma deve contenere almeno 15 milioni di spermatozoi.

In caso di infiammazione della ghiandola prostatica, l'ombra dello sperma può diventare marrone, rossa. Molto spesso cambiano gli indici di liquefazione.

Cosa mostra un esame del sangue per la prostatite?

Il corpo risponde sempre all'infiammazione che si verifica in qualsiasi parte del corpo. Di conseguenza, i cambiamenti nella composizione del sangue nella prostata si verificano senza fallo. Gli indicatori dell'analisi del sangue generale, che si ottengono nel caso della prostatite, hanno cambiamenti caratteristici nel processo infiammatorio.

I seguenti sono i disturbi più comuni nel sangue che si verificano nella prostata:

  • conta dei globuli bianchi: la norma non è più di 9 × 10 ^ 9. Un aumento nella loro composizione indica infiammazione;
  • emoglobina: diminuzione degli indici, che indica una diminuzione della resistenza dell'organismo alle malattie infettive e ad altri fattori negativi;
  • linfociti: il numero di globuli bianchi aumenta in caso di danni ai tessuti della ghiandola di natura infettiva. Questi risultati rivelano lo sviluppo della prostatite batterica. Ulteriori test possono essere prescritti per identificare l'agente infettivo.

ESR nelle malattie della prostata

L'indicatore normalmente non supera le 5 unità. L'aumento indica il decorso del processo infiammatorio.

Se la differenza è troppo alta, questo potrebbe indicare lo sviluppo del cancro. Dopo aver decodificato i risultati ottenuti, il medico conclude.

Sulla base di questo, uno specialista può fissare un appuntamento. Allo stesso tempo, è interessato a se il paziente ha reazioni allergiche o una predisposizione a loro.

Quali esami del sangue fanno la prostatite?

Nelle fasi iniziali, la prostatite non è sempre possibile diagnosticare analizzando i reclami o gli ultrasuoni del paziente. Pertanto, un aiuto indispensabile dà un esame del sangue per la prostatite.

Il sangue per la prostata viene esaminato da tali analisi:

  • nel complesso,
  • biochimica,
  • PSA,
  • analisi dell'ormone sessuale
  • rilevamento di infezioni a trasmissione sessuale.

Considerali in dettaglio.

Nella maggior parte dei casi l'urologo prescrive un emocromo completo per la prostatite. Permette di stimare la quantità di emoglobina, la presenza di parassiti o processi infiammatori. Per l'analisi generale, il sangue viene prelevato da una vena.

In caso di malattia della prostata:

  • i leucociti con prostatite saranno in quantità superiori a 9 × 10 ^ 9,
  • ESR superiore a 5 mm / h
  • comparsa di più di 4 leucociti pugnalati
  • l'emoglobina è inferiore a 110 g / l.

Tutto ciò testimonia l'indebolimento del corpo e dei processi infiammatori.

La causa di molti casi di prostatite batterica sono le infezioni veneree. Pertanto, in caso di sospetto, il medico può prescrivere un'analisi per rilevare infezioni genitali come clamidia, papillomavirus, herpes genitale, ureaplasmosis, citomegalovirus, micoplasmosi, candidosi e altri.

I cambiamenti ormonali negli uomini di mezza età e anziani possono anche essere la causa di prostatite o adenoma. La quantità di ormoni può indicare il motivo della diminuzione di potenza, infertilità, cattivo stato spermatico.

In questa analisi, il medico può essere interessato alla quantità di: testosterone, diidrotestosterone, ormone follicolo-stimolante.

Il prelievo di sangue viene effettuato al mattino, prima di consumare un pasto. Non consumare cibi grassi e alcolici prima di donare il sangue. Non fumare per un'ora prima del test.

Il dottore sarà interessato ai seguenti emocromi per la prostatite:

  • livello di attività delle transaminasi epatiche. Indica processi negativi nel fegato e nei reni,
  • la quantità di frazioni totali di proteine ​​e proteine. Questo indicatore consente di diagnosticare una diminuzione dell'immunità, prostatite acuta,
  • aumento di urea, azoto, creatinina. Questo è il modo in cui vengono diagnosticati tumori maligni e problemi ai reni.
  • colesterolo. Può essere la causa della ridotta circolazione del sangue nei piccoli vasi della prostata.

Un esame del sangue per l'antigene prostatico specifico (PSA) consente di diagnosticare la formazione di tumori maligni nel corpo in una fase precoce. Può essere comune e gratuito.

L'urologo prescrive tale analisi nel caso di:

  • sospetto di cancro alla prostata
  • minzione frequente, di notte anche,
  • svuotamento incompleto della vescica,
  • dolore e bruciore durante la minzione,
  • uomini profilattici sopra i 45-50 anni
  • per il dolore nel perineo e nella parte bassa della schiena,
  • per il controllo, dopo la terapia antitumorale posticipata.

Requisiti per coloro che donano il sangue per PSA:

  • otto ore prima della consegna non mangiare, caffè, alcolici, sigarette. Solo acqua pulita
  • ultime due settimane per non effettuare il massaggio prostatico,
  • 7 giorni prima delle prove non fare sesso.

Dati PSA normali per gli uomini:

  • fino a 40 anni - meno di 2,5 ng / mg,
  • 40-50 - più di 2,5 ng / mg,
  • da 51 a 60 anni - più di 3,5 ng / mg,
  • 61-70 anni - più di 4,5 ng / mg,
  • oltre 71 anni - più di 6,5 ng / mg.

Un livello di antigene prostatico specifico di 4-10 ng / mg può indicare prostatite, adenoma prostatico o carcinoma della prostata (non sempre).

Se i livelli di PSA sono elevati, i tumori maligni non si sviluppano necessariamente nel corpo. Forse la causa è l'età avanzata del paziente o l'assunzione di determinati farmaci.

Un aumento temporaneo del PSA può essere dovuto al massaggio prostatico, alla ritenzione urinaria, alla vescica o alla prostata.

È importante sapere che non è possibile stabilire una diagnosi solo con un esame del sangue. Il medico nel suo arsenale ha molti strumenti e metodi per scoprire la vera causa della malattia del paziente.

Esame del sangue per la prostatite - quali indicatori sono necessari per la diagnosi

Per una diagnosi completa delle malattie della ghiandola prostatica non è sufficiente alcuna singola analisi o ricerca. Per fare la diagnosi corretta, il medico prescrive un esame completo. Di solito include un esame del sangue generale e biochimico, uno studio di laboratorio sulle secrezioni prostatiche e uno striscio dall'uretra, così come la determinazione del livello di PSA.

L'indice di salute della prostata PHI è molto importante. Se il livello di antigene prostatico specifico può aumentare in molte malattie della prostata, allora il PHI è usato per diagnosticare il cancro. Questo è un metodo di ricerca di screening: l'indice di salute PHI consente di identificare un tumore maligno nelle fasi iniziali, nonché di valutare la probabilità della sua formazione.

Analisi cliniche e biochimiche generali

Clinica generale chiamata emocromo completo. È mostrato a tutti, senza eccezione, i pazienti che sono esaminati in un ospedale. Per lo studio, il sangue capillare viene prelevato dal dito. Tale analisi del sangue viene effettuata in reparti di chirurgia, terapia, ginecologia, pediatria, urologia, poiché i risultati di questo metodo di ricerca danno un'idea delle condizioni generali del corpo.

Il più delle volte, il medico prescrive un emocromo totale ridotto per un uomo e consente di determinare il livello di emoglobina, globuli rossi, globuli bianchi e ESR (tasso di sedimentazione eritrocitaria). Se è stato possibile identificare la deviazione di questi indicatori dalla norma - il medico può prescrivere un esame emocromocitometrico dettagliato, che è più informativo.

Decodifica risultati:

  • Il livello di emoglobina negli uomini è normalmente nell'intervallo di 130-160 grammi per litro. In genere, questa cifra non cambia con la prostatite. Tuttavia, la quantità di emoglobina può diminuire con varie anemie negli uomini.
  • Negli uomini adulti sani, il livello normale di globuli rossi (cellule che trasportano ossigeno) è 4,0-5,5 × 10 12 per litro. Una diminuzione del numero di globuli rossi parla anche di anemia.
  • Sia negli uomini che nelle donne, il tasso di globuli rossi è 4,0-9,0 × 10 9 al litro. Il loro livello di solito è notevolmente aumentato nell'infiammazione acuta (i medici chiamano questo fenomeno leucocitosi). I cambiamenti nella composizione qualitativa e quantitativa dei leucociti forniscono l'opportunità di comprendere la natura dell'infiammazione.
  • L'aumento dei livelli di neutrofili indica un'infezione batterica. Se parliamo di prostatite acuta, i patogeni possono essere clamidia, trichomonas, micoplasmi, E. coli o altri microbi.
  • Linfocitosi (o aumento dei livelli dei linfociti) parla di un'infezione virale. L'infiammazione della ghiandola prostatica è più spesso causata dal virus dell'herpes simplex negli uomini.
  • Questi indicatori possono deviare dalla norma nella prostatite cronica, tuttavia, la leucocitosi sarà meno pronunciata.
  • L'aumento della velocità di eritrosedimentazione (ESR) parla anche a favore dell'infiammazione e non necessariamente della ghiandola prostatica. Per chiarire la diagnosi e altri studi sono necessari.

La biochimica del sangue viene solitamente prescritta ai fini della diagnosi differenziale, cioè per identificare altre malattie che un uomo può avere. Gli indicatori possono variare con la pielonefrite o altre complicanze dell'infiammazione cronica della prostata. Per effettuare un'analisi biochimica, è necessario prelevare il sangue da una vena e la decodifica dei risultati viene eseguita da un medico.

Fatto! Di norma, un aumento del livello di urea, creatina, una violazione della composizione elettrolitica (sodio, calcio) indica problemi ai reni. Di solito tali risultati dell'analisi indicano lo sviluppo di insufficienza renale.

Studio immunologico

Uno dei metodi immunologici più istruttivi per la diagnosi eziologica della prostatite è il saggio di immunoassorbimento enzimatico (ELISA). Ti permette di identificare non solo l'infezione batterica, ma anche virale, fungina. Inoltre, il metodo ELISA viene utilizzato per diagnosticare l'infiammazione della ghiandola prostatica causata da malattie sessualmente trasmissibili. Vantaggi del metodo ELISA:

  • risultati rapidi;
  • alta sensibilità e specificità;
  • la capacità di distinguere l'infezione acuta da quella cronica;
  • disponibilità.

Come è noto, la prostatite infettiva negli uomini si sviluppa a causa della penetrazione di vari microrganismi nella ghiandola prostatica. In risposta a questo, il corpo inizia la sintesi di speciali proteine ​​protettive - anticorpi. Sono prodotti con antigeni (particelle estranee) di virus, batteri, funghi. Il metodo ELISA consente di rilevare questi anticorpi (o immunoglobuline delle classi G e M).

Il rilevamento degli anticorpi di classe M mediante ELISA indica un'infezione acuta, G indica un'infezione cronica. A volte, le immunoglobuline G rimangono dopo una malattia infettiva che è stata posticipata in passato. Lo svantaggio del metodo ELISA è che non consente di isolare il patogeno - con il suo aiuto, puoi solo valutare la risposta immunitaria. Questo studio viene utilizzato per diagnosticare tali infezioni:

  • herpes;
  • fungo;
  • micoplasma;
  • Chlamydia;
  • ureaplazmennogo;
  • gonococcica.

È importante! Il metodo ELISA consente di stabilire l'eziologia (causa) dell'infiammazione anche nel caso di un esame batteriologico negativo della secrezione prostatica. Pertanto, è spesso usato nella diagnosi di prostatite acuta e cronica.

Determinazione del livello di PSA nel sangue venoso

Per la ricerca prendere il sangue da una vena. Allo stesso tempo, determina il livello di PSA libero e totale, oltre a -2pro PSA. Successivamente viene calcolato l'indice di integrità PHI e la sua decodifica viene eseguita da uno specialista. Di norma, il livello di antigene prostatico specifico aumenta in questi casi:

  • acuta o esacerbazione di prostatite cronica;
  • iperplasia benigna o adenoma;
  • recente massaggio alla prostata, attività fisica;
  • neoplasie maligne dell'organo.

L'indice di salute PHI consente di determinare il rischio di sviluppare il cancro negli uomini. Viene calcolato dal medico in base al totale, gratuito e -2pro PSA. Decodifica risultati:

  • L'indice di salute PHI compreso tra 0-21% indica un basso rischio di cancro;
  • 21-40% - la probabilità media di evento di un neoplasma maligno;
  • molto male, se l'indice di salute PHI è superiore a 40 - questo indica un aumento del rischio di sviluppare il cancro.

Suggerimento: Questo studio dovrebbe essere effettuato per tutti gli uomini oltre 40 anni, in quanto sono particolarmente ad alto rischio di neoplasie maligne della ghiandola prostatica.

Esami del sangue per la prostata - fallo bene!

È importante!

Niente più febbre e frequente minzione dolorosa, bruciore e scarico dall'uretra, così come altri sintomi di PROSTATITE! I nostri lettori usano il consiglio del capo urologo della Russia. Maggiori informazioni >>>

La prostatite è una malattia comune negli uomini di età compresa tra i venticinque anni e oltre. Più vicino a 40 anni la malattia si sviluppa in una forma cronica. La causa di un processo infiammatorio acuto può servire come infezioni batteriche, complicazioni dopo malattia (quinsy, influenza), prolungata astinenza sessuale, sovrappeso, ipotermia.

Gli esami si verificano con i seguenti sintomi:

  • sensazione di bruciore nel perineo;
  • difficoltà a urinare;
  • rilevamento di impurità galleggianti nelle urine;
  • frequenza di sollecitazione in bagno;
  • eiaculazione rapida;
  • erezioni frequenti durante la notte;
  • depressione, stanchezza;
  • diminuzione di potenza.

Per determinare la diagnosi, è importante eseguire i test appropriati e quindi condurre una terapia completa.

Quali test devono essere passati con la prostatite?

Prima di tutto vengono analizzati sangue, urina, PSA generale e secrezioni della prostata, spermogramma, risonanza magnetica, ecografia della vescica, diagnosi transrettale della regione pelvica.

Analisi generale di urina e sangue, forse l'opzione più economica e più semplice. Gli indicatori principali sono colore, densità del materiale e reazioni urinarie.

È necessario raccogliere l'urina correttamente, perché influenza i risultati dei test, la procedura è molto importante e viene prescritta a tutti con la prostatite. Per raccogliere l'analisi, tre porzioni di urina vengono prese in contenitori separati. Prima di raccogliere è importante che i genitali siano puliti.

È importante! Dopo le procedure, è necessario portare il contenitore in laboratorio entro due ore, perché durante la conservazione a lungo termine tutti gli indicatori sono distorti dall'esposizione all'aria e alla luce.

Gli esperti esaminano ogni contenitore per il numero di globuli bianchi, globuli rossi e proteine. Se durante l'analisi delle urine gli indici risultano essere sopra la norma, significa che l'uomo ha un'infiammazione. Particolarmente pericoloso è l'aspetto del sangue nelle urine.

Il metodo principale per il rilevamento della prostatite è un esame del sangue. Esistono diversi tipi di analisi del sangue, poiché esistono molte forme di questa malattia. Un esame del sangue indica un aumento dei leucociti, il tasso di sedimentazione degli eritrociti.

Analisi del sangue generale PSA per la prostata e le sue norme

Nell'analisi del sangue, il PSA ha una sostanza specifica che diluisce lo sperma e influenza la velocità degli spermatozoi. Su esso è possibile giudicare in che condizioni è la ghiandola di prostata.

Con la malattia a lungo termine, le proprietà delle cellule vengono violate, il segreto viene parzialmente inserito nei vasi sanguigni di una persona.

Se nel corpo sono presenti cellule tumorali benigne o maligne, processi infiammatori o altre anomalie, il livello dell'enzima nel sangue cambia.

Prima di inviare il materiale è necessario seguire queste regole:

  1. Non avere alcune ore prima dell'analisi.
  2. Il sangue può essere donato due settimane dopo aver completato il processo di sfregamento della prostata.
  3. Due settimane dopo la cistografia.
  4. Astenersi dal sesso per un paio di settimane.
  5. Dopo una biopsia per 1 mese.

Se dopo l'esame, gli indicatori indicano 4 -10 ng. ml - questo indica adenoma o prostatite. Da 10 ng. ml - caratteristica del cancro dell'ordine maligno. La norma va da 0 a 3,5 ng. ml.

La malattia passerà istantaneamente, se applicata.

Vladimir Levashov: "Il segreto della mia liberazione dalla prostatite"

Come superare i test per la prostatite, quali test sono condotti

Quando si visita un urologo in merito a sospetti di prostatite, l'algoritmo per diagnosticare una malattia da un medico inizia con la raccolta dei dati, per la quale viene chiesto un paziente sui reclami dei pazienti e sulla palpazione rettale.

Ma senza metodi diagnostici di laboratorio e strumentali, non è possibile stabilire la diagnosi esatta della malattia.

Quando ho bisogno di un sondaggio?

La prostata nella fase iniziale dello sviluppo passa con sintomi non pronunciati, che possono indicare altre malattie, spesso più pericolose per gli uomini.

Per questo motivo, un quadro clinico completo può essere ottenuto solo utilizzando un complesso di metodi diagnostici.

I motivi per la nomina di una metodologia diagnostica completa sono i seguenti reclami:

  • violazione dello svuotamento della vescica;
  • diminuzione dell'attività sessuale;
  • ripetute sensazioni di bruciore nella zona del cavallo;
  • depressione mentale associata all'insoddisfazione della vita sessuale;
  • affaticamento eccessivo senza aumento del carico normale;
  • disfunzione erettile;
  • dolore ripetuto durante i movimenti intestinali;
  • minzione frequente;
  • "Tasso di fuoco": eiaculazione rapida;
  • erezioni prolungate durante la notte.

Cosa può mostrare le analisi?

La diagnosi completa della prostatite consente di valutare lo stato della ghiandola prostatica, la presenza di agenti infettivi in ​​essa, la presenza (assenza) di una reazione infiammatoria, il grado del processo patogeno.

I metodi di esame ausiliari offrono al medico l'opportunità di identificare:

  • salute generale di un uomo;
  • il grado di coinvolgimento della prostata nello sviluppo di tumori;
  • la capacità di agenti infettivi esistenti di attivarsi;
  • il grado di resistenza dell'organismo agli effetti degli organismi patogeni.

Quali test fanno la prostatite?

Le analisi per sospetta prostatite sono condizionatamente classificate in 2 gruppi:

  1. I principali sono l'esame batteriologico delle urine, la diagnosi genetica molecolare (analisi della reazione a catena della polimerasi), la risonanza magnetica e l'analisi generale del liquido prostatico e delle urine.
  2. Ausiliario - analisi spermatica, dopo di che eseguono la decodifica dello spermogramma, ecografia della vescica, rilevamento dei marcatori tumorali della prostata nel sangue, ecografia sotto forma di ecografia transrettale della ghiandola prostatica.

Esame manuale - concetto e procedura

Il test funzionale è il metodo principale di esame tra metodi manuali.

È appropriato effettuare in mancanza di sintomi sintomatici di un corso acuto di prostatitis.

Uno dei metodi di prova per valutare il funzionamento della prostata è un massaggio della ghiandola in modo transrettale.

L'urologo ha l'opportunità di valutare il grado di danno d'organo, le dimensioni e la forma della ghiandola, la densità e la consistenza del tessuto follicolare.

Nelle lesioni acute della prostata vi è il rischio di danneggiare le aree purulento-necrotiche e la loro migrazione nel flusso sanguigno, che minaccia con una reazione infiammatoria sistemica, nota come "sepsi".

Durante il massaggio prostatico durante un decorso acuto, la soglia del dolore della procedura diminuisce significativamente, il che aumenta la sofferenza del paziente durante la procedura.

Analisi del PSA per la prostatite - il concetto e la norma

L'indicatore dell'antigene prostatico specifico (PSA) è uno strumento diagnostico significativo utilizzato nella diagnosi delle patologie urologiche nel test del sangue.

Rilevando il numero di marcatori tumorali nel sangue, l'analisi mostra la presenza o l'assenza di cancro nella ghiandola prostatica e consente inoltre di monitorare il livello dei marcatori tumorali in un metodo terapeutico per il trattamento del cancro.

Un leggero aumento dell'antigene prostatico specifico nel sangue significa qualsiasi danno alla ghiandola o la presenza di processi infiammatori in esso, accompagnato da iperplasia d'organo.

Per questo motivo, un uomo prima di prendere il sangue per un test del PSA dovrebbe prestare la massima cura per prevenire anche un minimo danno alla prostata, in modo da non distorcere il test del PSA.

Il microtrauma può essere ottenuto facendo sesso, masturbazione, massaggio transrettale, TRUS e cistoscopia.

Il periodo ottimale per astenersi dall'analisi dopo queste procedure è di 7-11 giorni.

Con una biopsia della prostata, l'intervallo tra le procedure è di circa 1 mese.

Una settimana prima del test per PSA dovrebbe passare senza un allenamento fisico attivo, mangiando cibi con alto contenuto di grassi, condimenti piccanti e sale. In questo momento, non bere alcolici e non fumare.

Il giorno del test per un antigene specifico, il regime di bere è solo acqua non gassata.

Durante lo sviluppo di un tumore maligno, il numero di marcatori tumorali nel sangue supera la norma molte volte.

La concentrazione normale di antigene prostatico è considerata la concentrazione in 1 ml da 1,5 ng a 6,5. Il limite superiore della norma è considerato per gli uomini di età compresa tra 70 anni.

Ogni decennio più giovane di questa età riduce il tasso:

  • nei pazienti di 60 anni, è 3,5 ng / ml;
  • Gli uomini di 50 anni hanno una normale concentrazione di PSA di 2,5 ng / ml;
  • 40 anni - 2,0 ng / ml;
  • 35 anni - non più di 1,5 ng / ml.

Oltre i 70 anni, qualsiasi aumento del livello di PSA è possibile, a condizione che le cellule sane della prostata non siano maligne.

Un aumento della concentrazione di antigeni prostatici superiore a 10 ng / ml indica un possibile cambiamento benigno nella prostata (adenoma) o iperplasia della ghiandola, con un livello correlato al PSA del 15% rispetto all'antigene libero.

Normalmente, la concentrazione di PSA libero nel sangue è pari al 90% della concentrazione totale di antiproteasi.

In forma legata, nella quantità del 10% dell'antigene specifico totale, il PSA è associato alle proteine ​​del siero del sangue.

A concentrazioni di PSA fino a 30 ng / ml, viene considerata una possibile trasformazione di un tumore benigno in una forma maligna. I livelli in eccesso di antigene prostatico di 1000 ng / ml indicano chiaramente un danno esteso al cancro della ghiandola prostatica.

Sulla forma cartacea dopo l'analisi, il livello di PSA dovrebbe essere visualizzato nella colonna in cui l'antiproteasi è indicato dai caratteri latini PSA.

Il trattamento della prostatite, in cui il valore dell'indicatore non supera i 7 ng / ml, si verifica secondo lo schema semplificato.

Gli uomini sopra i 55 anni devono essere sottoposti a test per PSA nel sangue per prevenire lo sviluppo di prostatite.

Analisi del sangue generale per la prostata e la sua velocità

Per un esame del sangue generale, la procedura di assunzione è da una vena. Gli indicatori per lo studio sono la concentrazione dell'emoglobina totale, la presenza (assenza) di vermi, la presenza di un processo infiammatorio.

Quest'ultimo indicatore è la base per l'assunzione della possibilità di sviluppo di prostatite.

Secondo un esame del sangue generale, non si può assumere una diagnosi di prostatite, se il livello di emoglobina nel sangue non scende al di sotto di 110 g / l. La concentrazione di leucociti non deve superare 9x109.

Quando decifrate la forma di sangue dei leucociti, prestate attenzione al numero di leucociti pugnalati, la cui norma non è superiore a 4.

Con lo sviluppo di infiammazione nella VES della prostata nel sangue aumenta oltre 5 mm / h.

L'eccesso della norma negli indicatori dell'analisi generale del sangue cambia proporzionalmente al grado di sviluppo del processo infiammatorio nella ghiandola prostatica: più superano la norma, più forte è l'infiammazione.

L'esame di un emocromo completo viene effettuato dall'urologo dopo l'esame con altri metodi diagnostici.

L'emocromo completo non è l'unica base indipendente per la diagnosi.

Analisi delle urine per la prostatite

Gli indicatori per l'analisi delle urine nella prostata sono parametri quantitativi di proteine, sali, corpi chetonici e acetone, cellule del sangue e batteri patogeni.

La separazione dell'analisi avviene sulle componenti batteriologiche e citologiche, un'analisi generale.

Passando l'urina per l'analisi, il paziente viene preparato con particolare attenzione, monitorando la pulizia del corpo, la dieta e la procedura di raccolta delle urine.

Analisi della secrezione della prostata e della coltura delle urine

Il segreto della prostata è soggetto a raccolta con la successiva determinazione della patologia utilizzando il metodo microscopico.

Sotto il microscopio vengono esaminati la presenza di contenuti patologici e la consistenza del segreto.

I risultati dell'analisi ci permettono di valutare il grado di danno alla prostata e la natura della risposta infiammatoria.

L'analisi della secrezione della prostata non viene effettuata con il flusso di prostatite nella forma acuta.

Il segreto della ghiandola prostatica si ottiene estraendo una goccia di liquido mucoso libero dalla prostata mediante la stimolazione dell'organo transrettale.

Il segreto rilasciato attraverso l'apertura uretrale è posto su un bicchiere sotto forma di striscio e successivamente esaminato attraverso l'oculare del microscopio.

Dopo pochi minuti, il segreto della prostata inizia ad acquisire somiglianze con l'immagine cancellata di una felce. In presenza di patologia, nella figura compaiono frammenti di forme diverse.

In caso di assenza di secrezione, anche dopo stimolazione transrettale, al paziente viene chiesto di raccogliere la prima porzione del getto durante la minzione, in cui è presente il segreto della ghiandola prostatica.

L'analisi chimica e batteriologica delle urine mostra forti deviazioni negli indici durante lo sviluppo aggressivo della prostatite e dei processi infiammatori pronunciati.

Il processo di raccolta delle urine durante l'analisi batteriologica è caratterizzato da un alto grado di sterilità della procedura di assunzione, che dovrebbe escludere l'ingresso di agenti infettivi in ​​vetreria di laboratorio quando viene rilasciato dall'uretra.

Esistono 2 metodi di raccolta delle urine sterile:

  1. Con l'aiuto di un catetere urinario sterile, viene fatta una recinzione inserendo uno strumento attraverso l'uretra verso la vescica. Questo metodo è il più sterile, purché il tubo di metallo sia sterile, esclude altre condizioni per la semina delle urine.
  2. Usando un tampone sterile, sovrapposto all'apertura dell'uretra, dopo di che inizia la minzione. La prima parte del getto bagna abbondantemente il tampone, che è soggetto al successivo rilascio di umidità e lo posiziona su un vetrino. Lo svantaggio del metodo è un'alta probabilità di penetrazione di microrganismi patogeni dalla pelle del pene al tampone e in altri modi. In assenza di un catetere urinario, la pelle del pene, adiacente alla testa, deve essere trattata con materiali disinfettanti.

I risultati della coltura di batteriologia urinaria sono rilevati alcuni giorni dopo la crescita del numero di microrganismi patogeni o della crescita della colonia.

Analisi della secrezione uretrale

Per determinare il livello dei leucociti e il contenuto di microrganismi patogeni nell'uretra, viene utilizzata una tecnica di striscio con una sonda speciale con una punta sotto forma di un batuffolo di cotone.

Dopo aver rilevato un batuffolo di cotone, si pulisce su un vetrino con movimenti circolari.

Analisi dello sperma

Il liquido seminale è un complesso di secrezioni di bulbouretral, ghiandole della prostata, testicoli e vescicole seminali.

La natura e la composizione del segreto, presentato nella prostata obbligatoria, viene giudicata sulla presenza e sul grado di sviluppo del processo infiammatorio, sulla base dei leucociti e della possibile presenza di eritrociti.

Frammenti di cellule germinali maschili deboli e morte si verificano durante processi metabolici patogeni e risposte immunitarie.

Circa il processo infiammatorio nella prostata può anche essere giudicato dall'equilibrio acido-base del fluido. Il normale pH dell'eiaculato ha un leggero spostamento verso il lato acido.

Quando il pH si discosta da neutro verso alcalino, aumenta il sospetto del processo infiammatorio nella ghiandola.

Otto di dieci cellule spermatiche sono morte o inattivate, a indicare la prostatite.

Una maggiore percentuale di gameti che non sono in grado di fertilizzare un uovo, rivela condizioni o patologie del cancro alla prostata che comprendono non solo la prostata, ma anche i testicoli maschili.

Cellule dello sperma trasformate mostrano anomalie nella funzione endocrina, lo sviluppo di condizioni maligne della prostata o anomalie genetiche.

Quando sorgono difficoltà con l'analisi batteriologica del contenuto della prostata, produrre semina dell'eiaculato.

L'analisi dello sperma è considerata uno dei metodi di laboratorio più affidabili per la rilevazione dell'infiammazione nella ghiandola prostatica.

Per questo motivo e grazie all'elevata affidabilità dei risultati, l'analisi del liquido seminale da parte degli urologi viene spesso utilizzata nella diagnosi di prostatite.

IMPORTANTE DA SAPERE: per la prostatite acuta, la cistografia è controindicata.

Ulteriori metodi di ricerca

I metodi di base di cui sopra per il rilevamento della prostatite non forniscono una garanzia completa di un risultato positivo affidabile.

Al fine di aumentare l'affidabilità dei risultati, vengono utilizzate diverse tecniche aggiuntive, indicate sopra nella classificazione, se la prostata è infetta, i segni clinici di infiammazione non si fermano nemmeno dopo l'inizio dei metodi terapeutici.

È necessario un ulteriore esame quando i sintomi di prostatite si verificano a seguito dello sviluppo di un tumore maligno nella prostata o negli organi pelvici.

Il metodo ausiliario è inevitabile in caso di complicazioni dopo la prostatite.

Riepilogo della valutazione dei metodi diagnostici

Nonostante il gran numero di metodi complessi principali e aggiuntivi per il rilevamento della prostatite, l'efficacia di uno di essi supera il resto del rating in termini di frequenza di utilizzo e il grado di affidabilità dei risultati.

Questa tecnica - TRUS, quando il sensore, guidato nell'ampolla dell'intestino diretto, mostra la consistenza, la dimensione della ghiandola prostatica, la presenza di calcoli e calcificazioni in esso.

Test di base e aggiuntivi per diagnosticare la prostatite negli uomini

La prostatite non ha sintomi chiaramente espressi, il che complica in modo significativo la diagnosi di patologia nelle prime fasi.

Senza l'uso di test aggiuntivi per renderlo impossibile. Ma quali test per la prostatite devono passare?

Dopotutto, solo gli studi di laboratorio permettono di stabilire lo stadio attuale dell'infiammazione della ghiandola e la gravità del processo patologico.

Nell'articolo parleremo della diagnosi di prostatite, analisi, come determinare la malattia insidiosa.

Analisi per la prostata negli uomini

Analisi nel determinare l'infiammazione della ghiandola prostatica - un complesso di studi clinici, che consente di scoprire i seguenti punti:

  • condizione generale dell'organo sessuale;
  • la presenza di infiammazione;
  • stadio del danno tissutale.

Inoltre, possono essere raccomandati esami clinici. È una combinazione di dati analitici che consente al medico di compilare un quadro completo dello stato di salute del paziente.

principale

Quali test passare con la prostatite? Per ottenere un quadro completo della malattia, l'urologo prescrive i seguenti test di laboratorio:

  • analisi delle urine;
  • emocromo completo;
  • analisi della secrezione della prostata;
  • analisi delle secrezioni uretrali.

Considera quali test per la prostata devono passare: un piano di indagine:

Analisi delle urine

Se si sospetta un test delle urine prostatite - la prima analisi che è necessario passare.

Un esame delle urine del paziente consente al medico di identificare l'infiammazione che colpisce la ghiandola prostatica.

Se il test delle urine mostra un alto numero di globuli bianchi, allora questo conferma la presenza di infiammazione.

Analisi delle urine per prostatite - indicatori:

  1. Leucociti. Normalmente, questo indicatore non dovrebbe superare le 7 unità. Se la figura è aumentata, allora il processo infiammatorio ha luogo nel corpo umano.
  2. Proteine. L'urina non dovrebbe contenerlo. La sua presenza può parlare del decorso cronico della prostatite.
  3. Globuli rossi. Nei test per la prostatite, il tasso è di 5 unità. Livelli elevati di globuli rossi possono essere un segno di un ascesso della prostata o forma calcanea della malattia.
  4. Sedimenti. L'aspetto dei sedimenti indica un alto contenuto di sali, che può causare la formazione di calcoli nei condotti della prostata.


Meno efficace nella diagnosi della prostatite è la densità delle urine e l'indicatore di COE. Il superamento delle norme consentite può indicare patologie del sistema urinogenitale nel suo complesso.

Analisi del sangue generale per la prostata

Quali altri test hanno gli uomini per la prostata? Uno di loro - l'analisi della prostatite nel sangue. Il prelievo di sangue per lo studio viene eseguito rigorosamente a stomaco vuoto. Qui sotto puoi vedere gli indicatori di un esame del sangue generale per la prostatite.

Un esame del sangue per la prostatite è la norma:

  • conteggi dei leucociti elevati (più di 9 × 10 ^ 9);
  • aumento della VES (oltre 5 mm / h);
  • fissazione dei leucociti pugnalati (più di 4);
  • valori bassi di emoglobina (inferiori a 110 g / l).

Se tali deviazioni si riscontrano nell'analisi del sangue per la prostatite, indicano un'infiammazione di lunga durata.

Test di secrezione della prostata

Indicatori significativi dello studio sono:

    1. Leucociti. Normalmente, l'indicatore non dovrebbe superare i 10. In presenza di un processo infiammatorio, il numero di leucociti aumenta.

Devono essere presenti nella composizione del segreto in una quantità significativa.

Con l'infiammazione cronica della prostata, i grani di lecitina possono essere completamente assenti o essere determinati da un piccolo numero.

Non dovrebbe essere risolto

Quando si individuano microrganismi patogeni, si raccomanda di eseguire la semina batterica delle secrezioni della prostata con la determinazione della sensibilità dell'agente patogeno agli antibiotici.

A volte, sullo sfondo di una buona analisi, una persona ha sintomi di prostatite. In tal caso, può essere assegnato un test di provocazione. Il paziente viene somministrato per via endovenosa prednisone o pirogenico. Quindi la secrezione della prostata viene nuovamente raccolta e l'urina viene raccolta.

Il farmaco introdotto attiva l'eliminazione dei leucociti (in presenza di prostatite nascosta che scorre). L'aumento del contenuto di leucociti nei fluidi biologici di un uomo conferma la patologia.

Buoni risultati sono ottenuti mediante microscopia a fluorescenza. Il metodo consente di identificare anche singole cellule dell'epitelio cilindrico, che diventa una conferma della prostatite cronica.

Analisi del raschiamento uretrale

Molto spesso, un'infiammazione dell'uretra diventa una patologia concomitante di prostatite - uretrite. Per diagnosticare una malattia, raschiatura viene eseguita utilizzando una sonda sterile inserita nel lume dell'uretra ad una profondità di tre o quattro centimetri.

Nell'uretrite, l'analisi mostra la presenza di batteri nel materiale in studio, nonché un aumento del numero di leucociti (più di tre in vista). Inoltre, viene registrato un alto contenuto di muco e cellule epiteliali.

Ulteriori test di laboratorio

Quali sono i test per la prostata? Molto spesso, per ottenere un quadro più chiaro della malattia, l'urologo prescrive ulteriori ricerche.

Tale misura è praticata se la terapia farmacologica precedentemente prescritta non ha portato il risultato atteso.

Inoltre, la causa potrebbe essere i sintomi emergenti delle complicanze della prostatite.

Qui può essere assegnato: esame del sangue per PSA, semina batteriologica della secrezione della prostata, PCR, spermogramma.

Esame del sangue per PSA

Proteina PSA (antigene prostatico specifico) è prodotta dal tessuto ghiandolare. La sua funzione principale è la diluizione dello sperma. Una tolleranza del PSA in eccesso può indicare la presenza di cellule maligne, così come altri cambiamenti patologici nei tessuti della ghiandola prostatica.

Tre tipi di PSA sono di interesse diagnostico:

  • libero (costituisce il 20% della quantità totale di proteine ​​circolanti nel sangue);
  • correlate;
  • comune.

Durante il normale funzionamento dell'epitelio secretorio della prostata PSA nel sangue di un uomo è determinato non più di 4 ng / ml.

Il contenuto ematico di antigene totale nel range di 4... 10 ng / ml è un segno delle seguenti patologie:

Per un'interpretazione più accurata dell'analisi, viene considerato il contenuto di specifiche frazioni proteiche:

  • la diminuzione del PSA libero diventa uno dei segni del cancro alla prostata;
  • Un aumento del tasso tollerabile di PSA libero indica prostatite cronica.

Semina batteriologica della secrezione della prostata

L'analisi si riferisce a studi batteriologici. L'analisi consente di identificare l'agente patogeno e stabilire la sua sensibilità a vari tipi di antibiotici.

PCR (reazione a catena della polimerasi)

La diagnostica della PCR è uno dei metodi più efficaci ampiamente utilizzati nella pratica urologica.

L'analisi viene eseguita in breve tempo e mostra un'elevata precisione del risultato (fino al 99,9%).

È la PCR che è il metodo più informativo per diagnosticare l'infiammazione della ghiandola prostatica.

La tecnica PCR rileva il DNA di tutti i patogeni presenti nel materiale biologico raccolto.

Ciò rende possibile selezionare una terapia farmacologica adeguata. Inoltre, lo studio rivela anche singoli virus e batteri, il che è completamente impossibile con altri metodi.

sperma

Cos'è lo spermogramma per la prostatite? Per cosa lo stanno facendo? Lo studio consente di identificare il processo infiammatorio. Molto spesso, l'analisi dello sperma viene assegnata in tandem con la secrezione della prostata di backspace.

La valutazione del materiale ottenuto viene effettuata secondo i seguenti indicatori:

  1. Il volume dell'eiaculato. Tasso medio - 3... 5 ml. Ricevere meno spermatozoi indica un fallimento della prostata. Eccesso - infiammazione attualmente esistente.
  2. Colore. La norma è bianca, leggermente giallastra o grigiastro. L'oscuramento dell'eiaculato (a volte il contenuto di sangue) indica una lesione alla ghiandola e può anche indicare una prostatite calcolosa.
  3. Acidità. Normalmente, il pH rientra nell'intervallo da 7,2 a 7,8. Le deviazioni possono indicare la presenza di prostatite.
  4. Periodo di liquefazione Normalmente, questa cifra non dovrebbe superare un'ora. Nell'infiammazione cronica della ghiandola, viene registrato un aumento del parametro.
  5. Viscosità di eiaculato. In un uomo sano, la lunghezza del filo non supera 0,5 cm. L'eccesso dell'indice consentito può anche essere dovuto a prostatite.


La preparazione per la consegna richiede l'astinenza sessuale per almeno due giorni. Durante questo periodo, è necessario rifiutare di prendere caffè, alcool, medicine e visite a saune, bagni, lettini abbronzanti. Tutto lo sperma viene utilizzato per l'analisi.

conclusione

La prostatite è una delle malattie più gravi del sistema riproduttivo maschile, compromettendo significativamente la qualità della vita del paziente. Per superare i test per la prostata è un must! Dopo tutto, un'analisi completa consente non solo di identificare la patologia all'inizio del suo sviluppo, ma anche di fare il regime terapeutico ottimale.

Video utile

Con la prostata quali test per passare? Guarda il video qui sotto:

Rubriche della rivista

PSA (antigene prostatico specifico) è una sostanza biologica di una serie di proteine ​​nel siero del sangue degli uomini. Grazie al suo contenuto quantitativo, è possibile con un discreto grado di fiducia affermare i segni di una violazione della funzionalità organica della prostata, più spesso di natura oncologica.

Antigene prostatico specifico (PSA) - che cos'è?

Antigene prostatico specifico (sinonimi: antigene prostatico specifico, gamma-seminoproteina, callicreina-3) è una sostanza proteica appartenente al gruppo delle glicoproteine ​​secrete dalle cellule epiteliali della ghiandola prostatica.

Una grande concentrazione di PSA fa parte della secrezione della ghiandola prostatica, il cui ruolo fisiologico principale è quello di preparare l'uretra del pene appena prima dell'eiaculazione (irrigazione), per diluire l'eiaculato e sciogliere il muco cervicale, che assicura un favorevole movimento di sperma nell'utero.

Una certa quantità di PSA è sempre presente nel siero. In alcune malattie o disturbi funzionali della ghiandola prostatica, il livello di PSA di solito aumenta, il che consente di giudicare la presenza di patologie e la loro qualità nel parenchima prostatico.

Il rapporto tra il numero di antigene prostatico specifico nel siero per lo screening della ghiandola prostatica è stato studiato per la prima volta nel 1980. Da allora, questo indicatore con vari gradi di successo è stato usato nella pratica medica in molti paesi per diagnosticare patologie prostatiche maligne, così come prostatiti e iperplasia benigna di questa ghiandola.

Va notato che, a partire dal 2012, gli Stati Uniti stanno gradualmente abbandonando l'ambiguità degli indicatori quantitativi dell'antigene della prostata in relazione alla tipizzazione delle malattie del cancro alla prostata. Lo hanno spiegato dal fatto che un eccesso di PSA nel siero non indica sempre la presenza di oncologia e conclusioni errate possono portare al fenomeno di sovradiagnosi e trattamento scorretto e irrilevante. Inoltre, la terapia specifica del cancro alla prostata è spesso caratterizzata dai rischi di complicanze come la disfunzione erettile e l'incontinenza urinaria. Secondo i colleghi stranieri, il possibile beneficio dal trattamento non supera il danno atteso.

Indicazioni per la nomina di un esame del sangue per PSA

Come già accennato, livelli elevati di PSA nel siero di sangue degli uomini suggeriscono il sospetto cancro della ghiandola prostatica, così come una serie di altre malattie che richiedono un intervento terapeutico.

Lo stato fisiologicamente sano della prostata causa determinate caratteristiche quantitative dell'antigene prostatico, che dipende direttamente dall'età della persona. Infatti, nel corso degli anni, il numero di PSA aumenta, il che è spiegato dall'invecchiamento dello strato ghiandolare produttivo epiteliale.

  • Fino all'età di 49 anni, la quantità normale di PSA nel siero non deve superare 2,5 ng in 1 ml di siero.
  • Da 50 a 59 anni - non più di 3,5 ng / ml.
  • Da 60 a 69 anni - non più di 4,5 ng / ml.
  • Oltre i 70 anni - non più di 6,5 ng / ml.

A differenza dei dati di riferimento teorici, la medicina pratica stabilisce un quadro leggermente diverso per il contenuto ottimale di PSA. Pertanto, la soglia massima all'età di 50 anni è considerata una quantità fino a 4 ng / ml.

Va notato che il valore soglia di 10 ng / ml causa la presenza della cosiddetta "zona grigia" quando la probabilità di patologia oncologica o di altro tipo è piuttosto alta. Tuttavia, la biopsia con l'obiettivo dell'esclusione più affidabile dell'oncologia rimane in questione. Dopo tutto, un intervento eccessivo nella struttura della ghiandola prostatica è severamente sconsigliato, a causa della sua debole resistenza agli influssi esterni.

Le condizioni patologiche della ghiandola prostatica possono superare qualsiasi età. Tuttavia, di norma, i livelli inizialmente elevati di antigene prostatico sono determinati dopo i 40 anni di età, quando si raccomandano esami delle ghiandole annuali. In giovane età, l'accesso a un medico è dovuto alla manifestazione di specifici sintomi caratteristici delle malattie della prostata.

  • Minzione frequente, soprattutto durante la notte.
  • Sensazione costante di vescica insufficientemente vuota e grave dolore.
  • L'escrezione di urina si verifica in porzioni con lunghi ritardi tra di loro.

La presenza di questo tipo di sintomi, così come l'aumento del contenuto di PSA durante l'esame iniziale, determina la necessità di ulteriori test e manipolazioni.

  • Esame rettale digitale della ghiandola prostatica per studiare la consistenza dell'organo.
  • Quando vengono rilevati i sigilli, viene assegnato un numero di studi, inclusa un'analisi aggiuntiva per il PSA.
  • A sua volta, la quantità di antigene prostatico superiore a 10 ng / ml può facilitare la decisione sulla biopsia della prostata.
  • monitoraggio dello stato della ghiandola prostatica e della qualità del trattamento effettuato durante il periodo di tumore o di altro tipo di terapia;
  • se durante l'esame rettale digitale iniziale o un'ecografia, sono stati trovati cambiamenti nelle strutture anatomiche della prostata;
  • Dopo un regime di trattamento antitumorale radicale, l'analisi del PSA viene eseguita almeno una volta al trimestre;
  • possedendo una rete abbastanza estesa di vasi sanguigni, sullo sfondo di un alto carico produttivo, la struttura della ghiandola prostatica spesso subisce insufficienza trofica a causa di disturbi vascolari organici, t. E. Ischemia o attacchi di cuore. Questa situazione porta anche a test aggiuntivi sul numero di PSA.

Cause di aumento del PSA sierico

La base dell'aumento del numero di antigeni prostatici, indipendentemente dal tipo di patologia prostatica, è sempre un danno organico all'epitelio della ghiandola produttiva, che si verifica in determinate condizioni patologiche.

Iperplasia prostatica benigna (BPH)
Una malattia di genesi benigna, caratterizzata da:

  • la formazione di noduli multipli da cellule epiteliali e ghiandole stromali;
  • l'assenza di metastasi oltre.

BPH è una patologia abbastanza comune. Colpisce più della metà dell'intera popolazione maschile di età superiore ai 40 anni. L'eziologia della malattia è stata poco studiata, ma ci sono parecchie opinioni scientifiche sulla dipendenza dell'IPB sulla riduzione della quantità di ormoni maschili e dell'età di una persona quando arriva un periodo, la cosiddetta menopausa maschile.

Fino a qualche tempo la malattia veniva chiamata "adenoma prostatico", tuttavia, a causa della buona qualità dei processi patologici e dell'alta frequenza di insorgenza, decisero di classificare la patologia tra le altre serie nosologiche.

Carcinoma della prostata o carcinoma della prostata

Malattia oncologica maligna, caratterizzata da un decorso acuto negli ultimi stadi e un alto tasso di mortalità tra gli uomini (circa il 10% della popolazione maschile totale). In contrasto con il decorso benigno, le sostanze atipiche sono formate solo da cellule epiteliali della ghiandola, causando, quindi, un'eccessiva formazione di antigene prostatico.

Un'altra caratteristica del cancro alla prostata è la crescita di un singolo tumore fuori, a differenza dell'adenoma, che contribuisce ad un aumento uniforme dell'intera ghiandola e, di conseguenza, alla spremitura del canale urinario. Questa immagine contribuisce a un decorso maligno latente a lungo termine, poiché il paziente non avverte i sintomi durante la minzione.

Processi infiammatori infettivi nella ghiandola prostatica

Contribuire all'aumento della permeabilità delle pareti dei piccoli vasi sanguigni che alimentano il parenchima dell'organo, che contribuisce anche all'iperproduzione del PSA a causa di alterazioni distruttive delle cellule epiteliali.

Il decorso della prostatite acuta può essere causato da un'ampia gamma di microrganismi diversi.

  • E. coli
  • Klebsiella.
  • Proteus.
  • Pseudomonas aeruginosa.
  • Altri sono condizionatamente patogeni, tuttavia, penetrando nel tessuto prostatico, trasformandosi in uno stato patogeno e stimolando lo sviluppo della prostatite.

Preparazione per l'analisi e materiale per la ricerca

I livelli sierici di PSA aumentano costantemente a seguito di qualsiasi tipo di esposizione alla ghiandola prostatica a causa dello sviluppo di condizioni patologiche o di effetti terapeutici.

  • la completa astinenza dall'eiaculazione è raccomandata per almeno due giorni prima dello studio;
  • l'esame rettale digitale dovrebbe essere condotto non prima di tre giorni prima dell'analisi;
  • la tecnica dell'ecografia transrettale (TRUS) non garantisce l'accuratezza del risultato del test del PSA durante una settimana;
  • dopo una biopsia del tessuto prostatico, un'analisi del contenuto quantitativo dell'antigene della prostata è consentita solo 1,5-2 mesi dopo la raccolta del materiale istologico;
  • se l'esame cistoscopico della vescica o la sua cateterizzazione è stato eseguito, l'analisi è effettuata non meno di due settimane più tardi;
  • il più lungo periodo di attesa per la resezione transuretrale della prostata - dopo queste manipolazioni, i risultati affidabili dell'analisi per il contenuto quantitativo di PSA sono possibili solo dopo un anno e mezzo.

L'analisi per il paziente non è particolarmente difficile e non richiede una preparazione speciale.

  • Richiede una dieta affamata il giorno della consegna.
  • Per prelevare un campione, un campione di sangue classico viene prelevato da una vena nella quantità di non più di 10 ml.
  • L'analisi diretta in laboratorio non richiede più di un giorno.

PSA gratuito, connesso e comune

Biologicamente, l'antigene prostatico può essere presente nel sangue in due stati, che viene determinato direttamente durante i test di laboratorio, libero e associato alle proteine ​​del sangue.

L'effetto patologico dei prodotti oncologici maligni sull'epitelio della ghiandola prostatica contribuisce ad aumentare il numero dei confini del PSA, modificando in tal modo il rapporto normologico sopra indicato. Questo fenomeno non è caratteristico di patologie di genesi non cancerosa della prostata.

Per semplificare i calcoli del rapporto di cui sopra, quando si diagnostica il carcinoma, viene derivato il PSA totale, che viene ottenuto sommando l'antigene prostatico libero e legato, quindi dividere il valore quantitativo libero di PSA in esso e moltiplicarlo per il 100% per ottenere un rapporto esponenziale. Il risultato percentuale ottenuto è chiamato indice PSA.

L'indice PSA dimostra chiaramente la probabilità di malattia maligna nella ghiandola prostatica.

  • Il valore dal 15 al 70% consente di prevedere l'assenza di carcinoma.
  • Un indicatore inferiore al 15% determina la prognosi di scarsa qualità.

Vale la pena notare che la definizione di "quantità di PSA nel siero" di routine significa solo il PSA totale, senza dividere il laboratorio dell'antigene della prostata in libero e legato. Se il test per PSA totale mostra il suo contenuto superiore ai valori specificati, allora il ricampionamento del sangue viene effettuato ai fini dell'analisi separata per PSA libero e legato. Questa necessità è dovuta all'uso di diversi strumenti di laboratorio.