Principale
Cibo

Istruzioni per l'applicazione AMIKATSIN, prezzo

In questa pagina troverai le informazioni più complete sul farmaco amikacin, abbiamo preparato le istruzioni per l'uso per ogni compressa, recensioni, o puoi lasciare la tua opinione su questo farmaco. Puoi acquistarlo online o trovarlo nelle farmacie della tua città.

Informazioni generali

Istruzioni per l'uso di amikacina

Impostare individualmente, tenendo conto della gravità del decorso e della localizzazione dell'infezione, la sensibilità dell'agente patogeno. Inserisci in / m, è anche possibile in / nell'introduzione (getto per 2 minuti o gocciolamento).

V / m o in / in adulti e adolescenti - 5 mg / kg ogni 8 ore o 7,5 mg / kg ogni 12 ore per 7-10 giorni. Per i bambini, la dose iniziale è 10 mg / kg, quindi 7,5 mg / kg ogni 12 ore.

Dosi massime: per gli adulti la dose giornaliera è di 1,5 g.

Malattie infettive e infiammatorie del decorso grave causate da microrganismi sensibili all'amikacina: peritonite, sepsi, sepsi dei neonati, infezioni del sistema nervoso centrale (inclusa meningite), infezioni delle ossa e delle articolazioni (compresa l'osteomielite), endocardite, polmonite, empiema pleurico, ascesso polmonare, infezioni purulente della pelle e dei tessuti molli, ustioni infette, infezioni ricorrenti del tratto urinario, infezioni delle vie biliari.

Nelle istruzioni complete per l'uso sono indicati: effetti collaterali, controindicazioni, uso durante la gravidanza, informazioni sulle interazioni con altri farmaci e istruzioni speciali.
MOSTRA LE ISTRUZIONI COMPLETE

Puoi anche scaricare le istruzioni sul tuo computer: Scarica

Amikacin: istruzioni per l'uso

L'amikacina è una droga antibatterica. Il principale ingrediente attivo di questo farmaco (amikacina solfato) appartiene al gruppo di antibiotici - aminoglicosidi. L'amikacina è attiva contro la maggior parte dei batteri che causano malattie infettive.

Rilascia forma e composizione

L'amikacina è disponibile sotto forma di soluzione per iniezione in fiale da 4 ml e polvere per preparare una soluzione in fiale. Le fiale sono confezionate in un blister contenente 5 o 10 fiale di soluzione. In una confezione di cartone ci possono essere 1 o 2 blister con il numero corrispondente di fiale (5 e 10 pezzi).

La polvere per la preparazione della soluzione è disponibile in flaconcini. Un pacchetto di cartone può contenere 1, 5 o 10 bottiglie.

Il principale ingrediente attivo del farmaco è l'amikacina solfato. La sua quantità è di 250 mg in 1 ml di soluzione. Sono inclusi anche gli eccipienti:

  • Citrato di sodio per iniezione
  • Acido solforico diluito
  • Disolfito di sodio
  • Acqua per preparazioni iniettabili.

Nella fiala di amikacin solfato può essere contenuto in diversi dosaggi - 250, 500 e 1000 mg. Un numero diverso di fiale o flaconcini in confezioni di cartone consente un uso conveniente del farmaco, a seconda del ciclo di trattamento e del dosaggio prescritti.

Azione farmacologica

L'amikacina è un antibiotico farmacologico del gruppo aminoglicosidico di 3a generazione. Ha un effetto batteriostatico (uccide le cellule batteriche) contro una vasta gamma di batteri diversi. La distruzione di una cellula batterica avviene a causa del legame con la subunità del ribosoma 30S e dell'interruzione del processo di replicazione delle molecole proteiche, che porta alla morte della cellula batterica. L'amikacina è attiva contro tali gruppi di batteri:

  • Batteri Gram-negativi (Gram colorati in rosa) - Salmonella spp., Enterobacter spp., Escherichia coli, Klebsiella spp., Pseudomonas aeruginosa, Shigella spp., Serratia spp., Providencia stuartii.
  • Batteri Gram-positivi (Gram color porpora) - Staphylococcus spp. e alcuni ceppi di Streptococcus pneumoniae.

Il farmaco non ha un effetto battericida sui microrganismi anaerobici (batteri che possono crescere e moltiplicarsi solo in assenza di ossigeno). L'amikacina è efficace contro i batteri resistenti contro altri antibiotici (ceppi di microrganismi resistenti alla penicillina).

Dopo la somministrazione intramuscolare, il principio attivo viene rapidamente assorbito nel sangue e distribuito nel corpo (entro 10-15 minuti). Penetra liberamente nella barriera emato-encefalica, la placenta (entra nel corpo del feto durante la gravidanza), passa nel latte materno. Il solfato di amikacina viene escreto immodificato dal corpo. L'emivita (il tempo durante il quale metà della concentrazione totale di principio attivo viene escreta dal corpo) è di 3 ore.

Indicazioni per l'uso

Le principali indicazioni per l'uso di Amikacin sono gravi malattie infettive causate da batteri gram-negativi (soprattutto se hanno resistenza ad altri antibiotici). Queste malattie includono:

  • Processi infettivi negli organi dell'apparato respiratorio: polmonite (infiammazione polmonare), bronchite batterica, ascesso polmonare (formazione di una cavità limitata piena di pus nel tessuto polmonare), empiema della pleura (accumulo di pus nella cavità pleurica).
  • La sepsi è un processo infettivo con la presenza di batteri patogeni nel sangue con la loro crescita e riproduzione attiva.
  • L'endocardite batterica è un processo infettivo (spesso purulento) del rivestimento interno del cuore (endocardio).
  • Il processo di infezione nel cervello - encefalite, meningoencefalite, meningite.
  • Processo batterico patologico negli organi addominali, inclusa la peritonite.
  • Infezioni della pelle, del tessuto sottocutaneo e dei tessuti molli - ascessi, flemmoni, processi cancrenosi, piaghe da decubito con necrosi, ustioni.
  • Patologia del fegato e delle vie biliari - ascesso di fegato, fibre, colecistite, empiema della cistifellea.
  • Processi infettivi nel sistema urinario e riproduttivo - pyelonephritis, uretrit, cistite con lo sviluppo frequente di complicazioni purulente.
  • Ferite e complicanze infettive postoperatorie.
  • Infezioni di ossa (osteomielite) e articolazioni (artrite purulenta).

Prima di usare Amikacin, è consigliabile determinare la sensibilità dell'agente patogeno a questo laboratorio antibiotico.

Controindicazioni

L'uso di amikacina è controindicato in questi casi:

  • Reazioni allergiche, intolleranza individuale all'amikacina solfato o ad altri eccipienti del farmaco.
  • Malattie dell'orecchio interno, che sono accompagnate da infiammazione del nervo uditivo - amikacina solfato in questo caso può portare a danni ai nervi tossici con deterioramento o perdita dell'udito.
  • Grave patologia del fegato o dei reni, accompagnata dalla loro insufficienza funzionale.
  • Gravidanza in qualsiasi momento.

La determinazione della presenza di controindicazioni viene effettuata prima dell'uso di Amikacin.

Dosaggio e somministrazione

L'amikacina è una forma parenterale del farmaco. Viene somministrato per via intramuscolare o endovenosa. La polvere viene sciolta prima dell'iniezione in 2-3 ml di acqua per preparazioni iniettabili. L'iniezione viene eseguita in conformità con le regole di asepsi di un antisettico per prevenire l'infezione del sito di iniezione. Il dosaggio del farmaco è determinato dal tipo di infezione, dalla sua localizzazione nel corpo e dalla gravità del corso. Il dosaggio standard per adulti e bambini di età di un mese è di 5 mg / kg di peso corporeo, che viene somministrato 3 volte al giorno. È anche possibile l'introduzione di 7,5 mg / kg di peso corporeo 2 volte al giorno (dose giornaliera di 15 mg). Il corso del trattamento è in media 10 giorni. La dose iniziale del farmaco non deve superare i 15 g.

Effetti collaterali

L'amikacina solfato o componenti ausiliari del farmaco dopo l'ingresso nel corpo possono portare allo sviluppo di una serie di effetti collaterali:

  • Reazioni allergiche: la gravità può essere diversa, da eruzione cutanea e prurito della pelle a shock anafilattico (lo sviluppo di insufficienza multiorgano con una diminuzione della pressione arteriosa sistemica). Inoltre, l'opzione di una reazione allergica può essere l'orticaria (rash e lieve gonfiore della pelle, simile a un'ortica), angioedema (pronunciato gonfiore localizzato della pelle e del tessuto sottocutaneo principalmente nella faccia o nei genitali).
  • Effetti collaterali del sistema digestivo - aumento dei livelli di enzimi epatici nel sangue (ALT, AST), che indica la distruzione di epatociti (cellule epatiche), un aumento della concentrazione di bilirubina nel sangue, nausea e vomito.
  • Reazioni negative del sistema ematopoietico - leucopenia (diminuzione del numero dei leucociti), anemia (diminuzione del livello di emoglobina e del numero di eritrociti), trombocitopenia (diminuzione del numero di piastrine).
  • Cambiamenti nel sistema urinario - albuminuria (comparsa di proteine ​​nelle urine), microembruria (comparsa di una piccola quantità di sangue nelle urine), sviluppo di insufficienza renale.

Lo sviluppo di uno dei loro effetti collaterali richiede l'interruzione del farmaco e un'ulteriore terapia sintomatica.

overdose

Il superamento della dose consentita con l'introduzione di Amikacin può portare allo sviluppo di tali reazioni patologiche del corpo:

  • L'atassia è una mancanza di coordinazione, manifestata in un cambiamento di andatura (andatura scaglionante).
  • Acufene, una forte diminuzione dell'udito fino alla sua completa perdita.
  • Forti capogiri
  • Disturbo urinario.
  • Sete, nausea e vomito.
  • Insufficienza respiratoria, mancanza di respiro.

Il trattamento del sovradosaggio viene effettuato in condizioni di unità di terapia intensiva. Per la rapida rimozione di Amikacin dal corpo, vengono eseguiti l'emodialisi (purificazione del sangue dell'hardware) e la terapia sintomatica.

Istruzioni speciali

L'uso del farmaco è possibile solo per lo scopo e sotto la supervisione di un medico con il conto obbligatorio delle istruzioni speciali:

  • Neonati e bambini di età inferiore a 1 mese, il farmaco viene somministrato solo per ragioni strettamente mediche ad una dose di 10 mg / kg di peso corporeo, che è diviso in 10 giorni.
  • In assenza di un effetto terapeutico in 48-72 ore dall'inizio della terapia, è necessario decidere se sostituire un antibiotico o la tattica del trattamento delle malattie infettive.
  • Con altri farmaci Amikacin viene usato con grande cura con il costante monitoraggio dell'attività funzionale del fegato, dei reni e del sistema nervoso centrale.
  • L'amikacina è usata con estrema cautela nelle persone con miastenia (debolezza muscolare) e parkinsonismo.

Amikacin in farmacia disponibile solo su prescrizione medica.

Termini e condizioni di conservazione

Amikacin ha una durata di 3 anni. Conservalo in un luogo buio, asciutto e fresco, lontano dalla portata dei bambini. Temperatura dell'aria - non più di + 25 ° C.

Analoghi di Amikacin

I farmaci in cui il principio attivo è amikacina solfato sono Ambiotic, Lorikacin, Fleksit.

Prezzi Amikatsin

Amikacin in polvere per la preparazione di un'iniezione da 500 mg, 1 pz. - da 15 rubli.

Soluzione di amikacin per amministrazione endovenosa e intramuscolare di 250 mg / millilitro, 20 pezzi. - da 300 rubli.

amikacina

Descrizione al 12 dicembre 2014

  • Nome latino: Amikacin
  • Codice ATX: J01GB06
  • Ingrediente attivo: Amikacin (Amikacin)
  • Produttore: SYNTHESIS, JSC (Russia), KRASFARMA, JSC (Russia)

struttura

Un flaconcino di Amikacin contiene 1000, 500 o 250 mg di solfato di amikacina in polvere.

Sostanze supplementari: disodio edetato, sodio fosfato di sodio, acqua.

Una fiala di Amikacin contiene 250 ml di amikacina solfato in 1 ml di soluzione.

Forma di rilascio di Amikacina

La polvere per la produzione di una soluzione per iniezione endovenosa o intramuscolare è sempre bianca o quasi bianca, igroscopica.

1000, 500 o 250 mg di tale polvere in una fiala da 10 ml; 1, 5, 10 o 50 di tali bottiglie in un pacchetto di carta.

La soluzione (iniezione endovenosa e intramuscolare) di solito è limpida, di colore paglierino o incolore.

Il modulo di rilascio nei tablet non esiste.

Azione farmacologica

Battericida, batteriostatica (a seconda della dose somministrata).

Farmacodinamica e farmacocinetica

farmacodinamica

Amikacin (il nome nella ricetta in latino Amikacin) è un aminoglicoside semisintetico (antibiotico) che agisce su una vasta gamma di agenti patogeni. Ha un'azione battericida. Penetra rapidamente nella parete cellulare del patogeno, si lega saldamente alla subunità del ribosoma 30S della cellula batterica e inibisce la biosintesi delle proteine.

È pronunciato contro i patogeni aerobici gram-negativi: Salmonella spp., Enterobacter spp., Escherichia coli, Klebsiella spp., Pseudomonas aeruginosa, Shigella spp., Serratia spp., Providencia stuartii.

Moderatamente attivo contro i batteri gram-positivi: Staphylococcus spp. (compresi ceppi resistenti alla metilene resistenti), un certo numero di Streptococcus spp.

I batteri aerobici sono insensibili all'amikacina.

farmacocinetica

Dopo l'iniezione intramuscolare viene attivamente assorbito in tutta la quantità introdotta. Penetra tutti i tessuti e attraverso barriere istoematogene. Il legame con le proteine ​​del sangue è fino al 10%. Non soggetto a trasformazione. Excreted attraverso i reni nella forma immutata. L'emivita si avvicina a 3 ore.

Indicazioni per l'uso Amikacin

Indicazioni per l'uso Amikacin - una malattia di natura infettiva-infiammatoria, causata da microrganismi gram-negativi (resistenti a gentamicina, kanamicina o sizomicina) o simultaneamente microrganismi gram-positivi e gram-negativi:

  • infezioni del tratto respiratorio (polmonite, empiema pleurico, bronchite, ascesso polmonare);
  • sepsi;
  • endocardite infettiva;
  • infezioni cerebrali (inclusa meningite);
  • infezioni del tratto urinario (cistite, pielonefrite, uretrite);
  • infezioni addominali (compresa la peritonite);
  • infezioni di tessuti molli, tessuto sottocutaneo e pelle purulenta (incluse ulcere infette, ustioni, piaghe da decubito);
  • infezioni del sistema epato-biliare;
  • infezioni delle articolazioni e delle ossa (compresa l'osteomielite);
  • ferite infette;
  • complicazioni postoperatorie infettive.

Controindicazioni

Grave danno renale, gravidanza, infiammazione del nervo uditivo, sensibilizzazione ai farmaci dal gruppo degli aminoglicosidi.

Effetti collaterali

  • Reazioni allergiche: febbre, eruzioni cutanee, prurito, angioedema.
  • Reazioni dal sistema digestivo: iperbilirubinemia, attivazione delle transaminasi epatiche, nausea, vomito.
  • Reazioni dal sistema ematopoietico: leucopenia, granulocitopenia, anemia, trombocitopenia.
  • Reazioni dal sistema nervoso: alterazioni nella trasmissione neuromuscolare, sonnolenza, mal di testa, perdita dell'udito (la sordità è possibile), disturbi dell'apparato vestibolare.
  • Da parte del sistema urogenitale: proteinuria, oliguria, microembruria, insufficienza renale.

Istruzioni per l'uso Amikacin (metodo e dosaggio)

Le istruzioni per l'uso di iniezioni di amikacina ti permettono di entrare nel farmaco per via intramuscolare o endovenosa.

Non esiste una tale forma di dosaggio delle compresse orali.

Prima dell'iniezione, è necessario effettuare un test intracutaneo per la sensibilità al farmaco, se non ci sono controindicazioni per la sua attuazione.

Come e cosa allevare Amikacin? Una soluzione del farmaco viene preparata prima dell'introduzione introducendo nel contenuto della bottiglia 2-3 ml di acqua distillata destinata ad essere iniettata. La soluzione viene iniettata immediatamente dopo la preparazione.

Dosi standard per adulti e bambini da un mese - 5 mg / kg tre volte al giorno o 7,5 mg / kg due volte al giorno per 10 giorni.

La dose giornaliera massima per gli adulti è di 15 mg / kg, suddivisa in due iniezioni. Nei casi estremamente gravi e nelle malattie causate da Pseudomonas, la dose giornaliera è divisa in tre dosi. La dose massima somministrata per l'intero ciclo di trattamento non deve essere superiore a 15 grammi.

I neonati vengono dapprima prescritti a 10 mg / kg, per poi passare a 7,5 mg / kg per 10 giorni.

L'effetto terapeutico di solito si manifesta dopo 1-2 giorni, se dopo 3-5 giorni dall'inizio della terapia l'effetto del farmaco non viene osservato, deve essere annullato e la strategia di trattamento deve essere modificata.

overdose

Sintomi: atassia, perdita dell'udito, vertigini, sete, disturbi della minzione, vomito, nausea, tinnito, insufficienza respiratoria.

Trattamento: per il sollievo dai disturbi della trasmissione neuromuscolare, viene usato l'emodialisi; sali di calcio, farmaci anticolinesterasici, ventilazione meccanica e terapia sintomatica.

interazione

L'azione nefrotossica è possibile con l'uso simultaneo di vancomicina, amfotericina B, metossiflurano, agenti di contrasto ai raggi X, farmaci antiinfiammatori non steroidei, enflurano, ciclosporina, cefalotina, cisplatino, polimixina.

L'azione ototossica è possibile con l'uso simultaneo di acido etacrilico, furosemide, cisplatino.

Quando combinato con penicilline (con danno renale), l'effetto antimicrobico diminuisce.

Quando combinato con i bloccanti della trasmissione neuro-muscolare e l'etere etilico, aumenta la possibilità di depressione respiratoria.

L'amikacina non deve essere miscelata con cefalosporine, penicilline, amfotericina B, eritromicina, clorotiazide, eparina, tiopentone, nitrofurantoina, tetracicline, vitamine del gruppo B, acido ascorbico e cloruro di potassio.

Condizioni di vendita

Autorizzato ad acquistare il farmaco solo con una prescrizione.

Condizioni di conservazione

  • Conservare nella gamma di temperatura di 5-25 gradi.
  • Conservare in un luogo buio e asciutto.
  • Tenere fuori dalla portata dei bambini.

Periodo di validità

Istruzioni speciali

La possibilità di sviluppare effetti nefrotossici e ototossici aumenta con l'uso di Amikacina in dosi elevate o in pazienti con predisposizione.

Analoghi di Amikacin

Analoghi: Amikacin solfato (polvere per preparazione della soluzione), Ambiotic (soluzione iniettabile), Amikacin-Kredofarm (polvere per preparazione della soluzione), Lorikatsin (soluzione iniettabile), Flexelite (soluzione iniettabile).

A causa della scarsa capacità di assorbimento di tutti gli aminoglicosidi dall'intestino nelle compresse, gli analoghi di Amikacina non vengono prodotti.

Per i bambini

Ai bambini fino a 6 anni viene prescritta una dose iniziale di 10 mg / kg, quindi due volte al giorno a 7,5 mg / kg.

neonati

I neonati prematuri ricevono prima 10 mg / kg, quindi passano a 7,5 mg / kg una volta al giorno; i neonati a tempo pieno ricevono anche 10 mg / kg all'inizio e poi passano a 7,5 mg / kg due volte al giorno.

Con l'alcol

Alcol e Amikacina - combinazione non raccomandata.

Durante la gravidanza (e l'allattamento)

Gravidanza - una controindicazione rigorosa per l'introduzione di Amikacin. Poiché l'Amikacina è escreta nel latte materno in piccole quantità e quasi non viene assorbita dall'intestino, il suo uso nelle donne che allattano è permesso secondo severe indicazioni.

Recensioni Amikatsin

Recensioni di Amikacin indicano nella maggior parte dei casi un'efficacia piuttosto elevata del farmaco. Molti pazienti sono preoccupati per la possibilità di sviluppare gravi effetti collaterali e sono diffidenti nell'usare il farmaco, sebbene tali segnalazioni siano piuttosto rare.

Prezzo Amikacin, dove acquistare

Il prezzo delle fiale di Amikacin (in / in, in / m soluzione di 250 mg n. 20) in Russia varia da 126-215 rubli, il prezzo di questa forma di rilascio di droga in Ucraina è di 31 grivna. Ricordiamo che le compresse come una forma di rilascio di Amikacin non sono fatte.

Amikacina - istruzioni per l'uso, recensioni, analoghi e forme di rilascio (polvere per preparare una soluzione per iniezioni in fiale da 250 mg e 500 mg, compresse) di un antibiotico per il trattamento di infezioni negli adulti, nei bambini e durante la gravidanza

In questo articolo, puoi leggere le istruzioni per l'uso del farmaco Amikacin. Recensioni presentate dei visitatori del sito - i consumatori di questo medicinale, nonché le opinioni degli specialisti medici sull'uso di Amikacin nella loro pratica. Una grande richiesta per aggiungere il vostro feedback sul farmaco più attivamente: il medicinale ha aiutato o non ha aiutato a sbarazzarsi della malattia, quali complicazioni ed effetti collaterali sono stati osservati, che potrebbero non essere stati dichiarati dal produttore nell'annotazione. Analoghi di Amikacin in presenza di analoghi strutturali disponibili. Utilizzare per il trattamento di malattie infettive e infiammatorie causate da microrganismi negli adulti, nei bambini, così come durante la gravidanza e l'allattamento.

Amikacina - un antibiotico semisintetico ad ampio spettro dal gruppo degli aminoglicosidi, battericida. Legandosi alla subunità dei ribosomi 30S, impedisce la formazione di un complesso di RNA di trasporto e messaggero, blocca la sintesi proteica e distrugge anche le membrane citoplasmatiche dei batteri.

Altamente attivo contro microrganismi gram-negativi aerobici: Pseudomonas aeruginosa, Escherichia coli (E. coli), Klebsiella spp. (Klebsiella), Serratia spp., Providencia spp., Enterobacter spp., Salmonella spp. (salmonella), Shigella spp. (Shigella); Alcuni microrganismi gram-positivi: Staphylococcus spp. (stafilococco) (compresi resistenti alla penicillina, alcune cefalosporine).

Moderatamente attivo contro Streptococcus spp. (Strep).

Se somministrato in concomitanza con benzilpenicillina, mostra effetti sinergici sui ceppi di Enterococcus faecalis.

I microrganismi anaerobici sono resistenti al farmaco.

L'amikacina non perde attività sotto l'azione di enzimi che inattivano altri aminoglicosidi e può rimanere attiva contro i ceppi di Pseudomonas aeruginosa resistenti alla tobramicina, alla gentamicina e alla netilmicina.

struttura

Amikacin (sotto forma di solfato) + eccipienti.

farmacocinetica

Dopo l'iniezione intramuscolare viene assorbito rapidamente e completamente. La concentrazione terapeutica media con somministrazione endovenosa o intramuscolare persiste per 10-12 ore.

Ben distribuito nel liquido extracellulare (contenuto di ascessi, versamento pleurico, liquido ascitico, pericardico, sinoviale, linfatico e peritoneale); trovato in alte concentrazioni nelle urine; in basso - nella bile, nel latte materno, nell'umidità acquosa dell'occhio, nelle secrezioni bronchiali, nell'espettorato e nel liquido cerebrospinale. Penetra bene in tutti i tessuti del corpo, dove si accumula intracellularmente; alte concentrazioni si trovano negli organi con una buona quantità di sangue: polmoni, fegato, miocardio, milza, e specialmente nei reni, dove si accumula nella corteccia, concentrazioni più basse nei muscoli, nel tessuto adiposo e nelle ossa.

Quando somministrato alle dosi terapeutiche medie (normali) negli adulti, l'amikacina non penetra nella barriera emato-encefalica (BBB), con l'infiammazione delle meningi che aumenta la permeabilità. Nei neonati, si ottengono concentrazioni più elevate nel liquido cerebrospinale rispetto agli adulti. Penetra nella barriera placentare: si trova nel sangue del feto e del liquido amniotico.

Non metabolizzato Escreto dai reni mediante filtrazione glomerulare (65-94%) per lo più invariato.

testimonianza

Malattie infettive e infiammatorie causate da microrganismi gram-negativi (resistenti a gentamicina, sizomicina e kanamicina) o da associazioni di microrganismi gram-positivi e gram-negativi:

  • infezioni del tratto respiratorio (bronchite, polmonite, empiema pleurico, ascesso polmonare);
  • sepsi;
  • endocardite settica;
  • Infezioni del sistema nervoso centrale (inclusa meningite);
  • infezioni della cavità addominale (compresa la peritonite);
  • infezioni del tratto urinario (pielonefrite, cistite, uretrite);
  • infezioni purulente della pelle e dei tessuti molli (incluse bruciature infette, ulcere infette e piaghe da decubito di varia origine);
  • infezione del tratto biliare;
  • infezioni di ossa e articolazioni (compresa l'osteomielite);
  • infezione della ferita;
  • infezioni postoperatorie.

Forme di rilascio

Soluzione per amministrazione endovenosa e intramuscolare (colpi in ampolle per iniezione) 250 mg e 500 mg.

Polvere per soluzione per somministrazione endovenosa e intramuscolare.

Non ci sono altre forme di dosaggio, che si tratti di compresse, capsule o sospensioni.

Istruzioni per l'uso e il dosaggio

Il farmaco viene somministrato per via intramuscolare, per via endovenosa (bolo entro 2 minuti o a goccia (goccia a goccia) per adulti e bambini sopra i 6 anni - 5 mg / kg ogni 8 ore o 7,5 mg / kg ogni 12 ore per le infezioni batteriche delle vie urinarie (non complicata. ) - 250 mg ogni 12 ore, dopo una seduta di emodialisi può essere prescritta una dose aggiuntiva di 3-5 mg / kg.

La dose massima per gli adulti è di 15 mg / kg al giorno, ma non più di 1,5 g al giorno per 10 giorni. La durata del trattamento con a / nell'introduzione - 3-7 giorni, con a / m - 7-10 giorni.

Per i neonati prematuri, la dose singola iniziale è di 10 mg / kg, quindi 7,5 mg / kg ogni 18-24 ore; per i neonati e i bambini di età inferiore ai 6 anni, la dose iniziale è di 10 mg / kg, quindi 7,5 mg / kg ogni 12 ore per 7-10 giorni.

Per le ustioni infette, può essere necessaria una dose di 5-7,5 mg / kg ogni 4-6 ore a causa di un T1 / 2 più breve (1-1,5 ore) in questa categoria di pazienti.

L'amikacina per via endovenosa viene somministrata per circa 30-60 minuti, se necessario, per getto.

Per la somministrazione endovenosa (goccia a goccia), la preparazione è pre-diluita con 200 ml di soluzione di destrosio al 5% (glucosio) o soluzione di cloruro di sodio allo 0,9%. La concentrazione di amikacina nella soluzione per la somministrazione ev non deve superare 5 mg / ml.

Effetti collaterali

  • nausea, vomito;
  • alterazione della funzionalità epatica (aumento dell'attività delle transaminasi epatiche, iperbilirubinemia);
  • anemia, leucopenia, granulocitopenia, trombocitopenia;
  • mal di testa;
  • sonnolenza;
  • effetto neurotossico (spasmi muscolari, sensazione di intorpidimento, formicolio, crisi epilettiche);
  • violazione della trasmissione neuromuscolare (arresto respiratorio);
  • ototossicità (perdita dell'udito, disturbi vestibolari e labirintici, sordità irreversibile);
  • effetto tossico sull'apparato vestibolare (discordanza dei movimenti, vertigini, nausea, vomito);
  • disfunzione renale (oliguria, proteinuria, microembruria);
  • eruzione cutanea;
  • prurito;
  • iperemia della pelle;
  • febbre;
  • angioedema;
  • dolore al sito di iniezione;
  • dermatiti;
  • flebite e periflebitis (quando somministrata per via endovenosa).

Controindicazioni

  • neurite del nervo uditivo;
  • grave insufficienza renale cronica con azotemia e uremia;
  • la gravidanza;
  • ipersensibilità al farmaco;
  • ipersensibilità ad altri aminoglycosides nell'anamnesi.

Utilizzare durante la gravidanza e l'allattamento

Il farmaco è controindicato in gravidanza.

In presenza di indicazioni vitali il farmaco può essere utilizzato in donne che allattano. Va tenuto presente che gli aminoglicosidi sono escreti nel latte materno in piccole quantità. Sono scarsamente assorbiti dal tratto gastrointestinale e non ci sono complicanze associate nei bambini.

Uso nei pazienti anziani

Con cautela dovrebbe usare il farmaco nei pazienti anziani.

Usare nei bambini

Per i neonati prematuri, la dose singola iniziale è di 10 mg / kg, quindi 7,5 mg / kg ogni 18-24 ore; per i neonati e i bambini di età inferiore ai 6 anni, la dose iniziale è di 10 mg / kg, quindi 7,5 mg / kg ogni 12 ore per 7-10 giorni.

Istruzioni speciali

Prima dell'uso, determinare la sensibilità di agenti patogeni isolati utilizzando dischi contenenti 30 μg di amikacina. Con un diametro libero dalla zona di crescita di 17 mm e oltre, il microrganismo è considerato sensibile, da 15 a 16 mm è moderatamente sensibile, meno di 14 mm è stabile.

La concentrazione di amikacina nel plasma non deve superare 25 μg / ml (la concentrazione terapeutica è di 15-25 μg / ml).

Durante il periodo di trattamento è necessario monitorare la funzione dei reni, del nervo uditivo e dell'apparato vestibolare almeno una volta alla settimana.

La probabilità di sviluppare nefrotossicità è maggiore nei pazienti con funzionalità renale compromessa, così come quando si prescrivono dosi elevate o per un lungo periodo (in questa categoria di pazienti può essere richiesto il monitoraggio giornaliero della funzionalità renale).

In caso di test audiometrici insoddisfacenti, la dose del farmaco viene ridotta o il trattamento viene interrotto.

Si consiglia ai pazienti con malattie infettive e infiammatorie delle vie urinarie di assumere una maggiore quantità di liquido con adeguata diuresi.

In assenza di dinamiche cliniche positive, si dovrebbe essere consapevoli della possibilità di sviluppare microrganismi resistenti. In tali casi, è necessario annullare il trattamento e iniziare una terapia appropriata.

Il disolfito contenuto nella preparazione di sodio può causare lo sviluppo di complicanze allergiche nei pazienti (fino a reazioni anafilattiche), specialmente in pazienti con una storia allergica.

Interazione farmacologica

Mostra sinergismo quando si interagisce con carbenicillina, benzilpenicillina, cefalosporine (in pazienti con grave insufficienza renale cronica se usato insieme ad antibiotici beta-lattamici, è possibile ridurre l'efficacia degli aminoglicosidi).

L'acido nalidixico, la polimixina B, il cisplatino e la vancomicina aumentano il rischio di sviluppare oto- e nefrotossicità.

Diuretici (soprattutto furosemide), cefalosporine, penicilline, sulfamidici, e farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS), che competono per secrezione attiva in tubuli del nefrone, aminoglicosidi eliminazione blocco, aumentano la loro concentrazione nel siero del sangue, rafforzando nefrotossicità e neurotossicità.

L'amikacina aumenta l'effetto miorilassante dei farmaci kurarepodobnyh.

Se usati contemporaneamente con amikacina, metossiflurano, polimixine parenterali, capreomicina e altri farmaci che bloccano la trasmissione neuromuscolare (idrocarburi alogenati - anestesia per inalazione, analgesici oppioidi), la trasfusione di grandi quantità di sangue con conservanti citrato aumenta il rischio di depressione respiratoria.

La somministrazione parenterale di indometacina aumenta il rischio di azione tossica degli aminoglicosidi.

L'amikacina riduce l'efficacia dei farmaci anti-myasthenic.

Interazione farmaceutica

Farmaceuticamente incompatibile con penicilline, eparina, cefalosporine, capreomicina, amfotericina B, idroclorotiazide, eritromicina, nitrofurantoina, vitamine B e C, cloruro di potassio.

Analoghi della droga Amikacin

Analoghi strutturali della sostanza attiva:

  • Amikabol;
  • Fiala di Amikacina;
  • Amikacin Ferein;
  • Solfato di amikacina;
  • Amikin;
  • Amikozit;
  • Likatsin;
  • Selemitsin;
  • Fartsiklin;
  • Hematsin.

Amikacin (500 mg) amikacina

istruzione

  • russo
  • kazako russo

Nome commerciale

Nome internazionale non proprietario

Forma di dosaggio

Polvere per soluzione iniettabile, 500 mg

struttura

1 bottiglia contiene

Il principio attivo è l'amikacina solfato (in termini di amikacina) 500 mg.

descrizione

Polvere bianca o quasi bianca.

Gruppo farmacoterapeutico

Farmaci antibatterici per l'uso del sistema. Farmaci antibatterici aminoglicosidici. Altri aminoglicosidi. Amikacina.

Codice ATX J01GB06

Proprietà farmacologiche

farmacocinetica

Dopo la somministrazione intramuscolare (IM), viene assorbito rapidamente e completamente. La concentrazione massima (Cmax) con il / m somministrato alla dose di 7,5 mg / kg - 21 mg / ml. Il tempo per raggiungere la concentrazione massima (TCmax) è di circa 1,5 ore dopo l'amministrazione i / m. Comunicazione con proteine ​​del plasma - 4-11%.

Ben distribuito nel liquido extracellulare (contenuto di ascessi, versamento pleurico, liquido ascitico, pericardico, sinoviale, linfatico e peritoneale); trovato in alte concentrazioni nelle urine; in basso - nella bile, nel latte materno, nell'umidità acquosa dell'occhio, nelle secrezioni bronchiali, nell'espettorato e nel liquido cerebrospinale (CSF). Penetra bene in tutti i tessuti del corpo, dove si accumula intracellularmente; alte concentrazioni si trovano negli organi con una buona quantità di sangue: polmoni, fegato, miocardio, milza, e specialmente nei reni, dove si accumula nello strato corticale, concentrazioni più basse - nei muscoli, nel tessuto adiposo e nelle ossa.

Quando somministrato alle dosi terapeutiche medie (normali) negli adulti, l'amikacina non penetra nella barriera emato-encefalica (BBB), con l'infiammazione delle meningi che aumenta la permeabilità. I neonati raggiungono concentrazioni più elevate nel liquido cerebrospinale che negli adulti; passa attraverso la placenta - si trova nel sangue del feto e del liquido amniotico. Il volume di distribuzione negli adulti - 0,26 l / kg, nei bambini - 0,2 - 0,4 l / kg, nei neonati - all'età di meno di 1 settimana. e peso corporeo inferiore a 1,5 kg - fino a 0,68 l / kg, all'età di meno di 1 settimana. e peso corporeo superiore a 1,5 kg - fino a 0,58 l / kg, nei pazienti con fibrosi cistica - 0,3 - 0,39 l / kg. La concentrazione terapeutica media con somministrazione endovenosa o intramuscolare persiste per 10-12 ore.

Non metabolizzato L'emivita di eliminazione (T1 / 2) negli adulti è di 2-4 ore, nei neonati di 5-8 ore, nei bambini più grandi di 2,5-4 ore.L'ultimo T1 / 2 è più di 100 ore (rilascio dai depositi intracellulari ).

Escreto dai reni mediante filtrazione glomerulare (65-94%) per lo più invariato. Liquidazione renale - 79-100 ml / min.

T1 / 2 negli adulti con funzionalità renale compromessa varia a seconda del grado di compromissione - fino a 100 ore, nei pazienti con fibrosi cistica - da 1 a 2 ore, nei pazienti con ustioni e ipertermia, T1 / 2 può essere più corto rispetto alla media a causa dell'aumentata clearance.

Viene eliminato durante l'emodialisi (50% in 4-6 ore), la dialisi peritoneale è meno efficace (25% in 48-72 ore).

farmacodinamica

Antibiotico semisintetico ad ampio spettro, ha attività battericida. Legandosi alla subunità dei ribosomi 30S, impedisce la formazione di un complesso di RNA di trasporto e messaggero, blocca la sintesi proteica e distrugge anche le membrane citoplasmatiche dei batteri.

Altamente attivo contro microrganismi gram-negativi aerobici - Pseudomonas aeruginosa, Escherichia coli, Klebsiella spp., Serratia spp., Providencia spp., Enterobacter spp., Salmonella spp., Shigella spp.; alcuni microrganismi gram-positivi - Staphylococcus spp. (compresi quelli resistenti alla penicillina e alcune cefalosporine); moderatamente attivo contro Streptococcus spp.

Con l'appuntamento simultaneo con benzilpenicillina ha un effetto sinergico contro i ceppi di Enterococcus faecalis.

Non influenza i microrganismi anaerobici.

L'amikacina non perde attività sotto l'azione di enzimi che inattivano altri aminoglicosidi e può rimanere attiva contro i ceppi di Pseudomonas aeruginosa resistenti alla tobramicina, alla gentamicina e alla netilmicina.

Indicazioni per l'uso

A causa dell'otossicità del farmaco, l'amikacina è un antibiotico di riserva e viene utilizzato solo con indicazioni assolute e resistenza ad altri antibiotici:

- sepsi, endocardite settica

- bronchite, polmonite, empiema, ascesso polmonare

- pielonefrite, uretrite, cistite

- ustioni infette, ulcere e piaghe da decubito di varia origine

- infezione della ferita, infezioni postoperatorie

Dosaggio e somministrazione

Intramuscolare, per via endovenosa (struino, per 2 minuti o flebo), adulti e bambini sopra i 12 anni di età - a 5 mg / kg ogni 8 ore o 7,5 mg / kg ogni 12 ore; infezioni batteriche delle vie urinarie (non complicate) - 250 mg ogni 12 ore; Dopo la seduta di emodialisi, può essere prescritta una dose aggiuntiva di 3-5 mg / kg.

La dose massima per gli adulti è fino a 15 mg / kg / giorno, ma non più di 1,5 g / giorno per 10 giorni.

La durata del trattamento con somministrazione endovenosa - 3-7 giorni, con intramuscolare - 7-10 giorni.

I pazienti con ustioni possono richiedere una dose di 5-7,5 mg / kg ogni 4-6 ore a causa di un T1 / 2 più corto (1-1,5 ore) in questi pazienti.

Nel trattamento di infezioni gravi e complicate, in cui il ciclo di trattamento può essere esteso per più di 10 giorni, il dosaggio di Amikacina deve essere rivisto e le funzioni renali, uditive e vestibolari, nonché i livelli sierici di Amikacina devono essere monitorati.

Per la somministrazione intramuscolare, si usa una soluzione preparata aggiungendo al contenuto della fiala 500 mg di 2-3 ml di acqua per preparazioni iniettabili.

L'amikacina per via endovenosa viene iniettata per 30-60 minuti, se necessario, un getto.

Per somministrazione endovenosa (striscia), utilizzare una soluzione preparata aggiungendo al contenuto del flaconcino 500 mg di 2-3 ml di acqua per iniezione o soluzione di cloruro di sodio allo 0,9% o soluzione di destrosio al 5%.

Per la somministrazione endovenosa (goccia a goccia), il contenuto della fiala viene sciolto in 200 ml di soluzione di destrosio al 5% o soluzione di cloruro di sodio allo 0,9%.

La concentrazione di amikacina nella soluzione per la somministrazione endovenosa non deve superare 5 mg / kg.

Pazienti anziani

È necessario monitorare la funzione dei reni e in violazione della dose corretta del farmaco.

In caso di violazione della funzione escretoria renale, è necessario ridurre la dose o aumentare gli intervalli tra le iniezioni.

In caso di aumento dell'intervallo tra le iniezioni (se il livello di clearance della creatinina non è noto e le condizioni del paziente sono stabili), l'intervallo tra le dosi del farmaco viene impostato come segue:

Intervallo (ore) = concentrazione sierica di creatinina x 9.

Se la concentrazione di creatinina sierica è 2 mg / 100 ml, la dose singola raccomandata (7,5 mg / kg) deve essere somministrata ogni 18 ore.

Con un aumento dell'intervallo di una singola dose non cambia.

Nel caso di riduzione di una singola dose a un regime di dosaggio costante.

La prima dose in pazienti con insufficienza renale è 7,5 mg / kg.

Per calcolare le dosi successive, è necessario dividere il valore della clearance della creatinina (ml / min) nei pazienti in base alla clearance della creatinina è normale, quindi la cifra risultante viene moltiplicata per la dose iniziale in mg, cioè:

Svelata la clearance della creatinina

in paziente (ml / min)

somministrato ogni 12 ore La clearance della creatinina è normale (ml / min)

Effetti collaterali

- gonfiore, dolore al posto dell'iniezione / m, dermatite

- reazioni allergiche: eruzione cutanea, prurito, arrossamento della pelle

- nausea, vomito, alterazione della funzionalità epatica (aumento dell'attività delle transaminasi epatiche, iperbilirubinemia)

- anemia, leucopenia, granulocitopenia, trombocitopenia, eosinofilia

- mal di testa, sonnolenza, effetto neurotossico (contrazioni muscolari, sensazione di intorpidimento, formicolio, convulsioni), alterata trasmissione neuromuscolare (arresto respiratorio)

- ototossicità (perdita dell'udito, disturbi vestibolari e labirintici, sordità irreversibile), effetti tossici sull'apparato vestibolare (discordanza dei movimenti, vertigini)

- nefrotossicità - funzionalità renale compromessa (oliguria, albuminuria, proteinuria, microematuria)

- violazione della trasmissione neuromuscolare (arresto respiratorio).

Controindicazioni

- ipersensibilità all'amikacina o ad altri componenti

- reazioni allergiche o gravi reazioni tossiche a

aminoglicosidi nella storia

- disturbi dell'apparato vestibolare e uditivo, neurite del nervo uditivo

- grave insufficienza renale

- gravidanza e allattamento

- bambini fino a 12 anni

Interazioni farmacologiche

Farmaceuticamente incompatibile con penicilline, eparina, cefalosporine, capreomicina, amfotericina B, idroclorotiazide, eritromicina, nitrofurantoina, vitamine B e C, cloruro di potassio.

Mostra sinergismo quando si interagisce con carbenicillina, benzilpenicillina, cefalosporine (in pazienti con grave insufficienza renale cronica se usato insieme ad antibiotici beta-lattamici, è possibile ridurre l'efficacia degli aminoglicosidi). L'acido nalidixico, la polimixina B, il cisplatino e la vancomicina aumentano il rischio di sviluppare oto- e nefrotossicità.

Diuretici (soprattutto furosemide, acido etacrinico), cefalosporine, penicilline, sulfamidici, e farmaci anti-infiammatori non steroidei, che competono per secrezione attiva in tubuli del nefrone, aminoglicosidi eliminazione blocco, aumentano la loro concentrazione nel siero del sangue, rafforzando nefrotossicità e neurotossicità.

L'uso concomitante con altri farmaci potenzialmente nefrotossici o ototossici non è raccomandato a causa del potenziale rischio di effetti collaterali.

È stata segnalata una aumentata nefrotossicità a seguito di somministrazione parenterale concomitante di aminoglicosidi e cefalosporine. L'uso simultaneo di cefalosporine può falsamente aumentare i livelli di creatinina sierica.

Rafforza l'effetto miorilassante dei farmaci kurarepodobny.

Metossiflurano, polimixina per la somministrazione parenterale, capreomicina e altri farmaci che bloccano la trasmissione neuromuscolare (idrocarburi alogenati come preparazioni per l'anestesia per inalazione, analgesici oppioidi), trasfusione di grandi quantità di sangue ai conservanti citrato aumentare il rischio di arresto respiratorio.

La somministrazione parenterale di indometacina aumenta il rischio di sviluppo degli effetti tossici degli aminoglicosidi (aumento dell'emivita e diminuzione della clearance).

Riduce l'effetto dei farmaci anti-myasthenic.

Vi è un aumentato rischio di ipocalcemia con la co-somministrazione di aminoglicosidi con bifosfonati. Un aumento del rischio di nefrotossicità e, possibilmente, ototossicità è possibile con la co-somministrazione di aminoglicosidi con preparati di platino.

Con la somministrazione simultanea di tiamina (vitamina B1), la componente reattiva del bisolfito di sodio nella composizione di amikacina solfato può essere distrutta.

Istruzioni speciali

I pazienti trattati con Amikacina devono essere sottoposti a stretto controllo medico, tenendo conto della potenziale ototossicità e nefrotossicità degli aminoglicosidi. Non è raccomandato assumere il farmaco per più di 14 giorni, poiché la sicurezza del suo uso in questo periodo non è stata stabilita.

Il farmaco deve essere usato con cautela in pazienti con insufficienza renale già esistente, o già esistenti danni all'apparato vestibolare e acustico.

Durante il periodo di trattamento è necessario monitorare la funzione dei reni, del nervo uditivo e dell'apparato vestibolare almeno una volta alla settimana.

Il rischio di ototossicità e nefrotossicità elevata nei pazienti con funzionalità renale compromessa, l'applicazione di alte dosi e trattamento a lungo termine - in questi casi il monitoraggio giornaliero raccomandato di funzionalità renale (valori di creatinina o della clearance della creatinina sierica).

La mancanza di toni alti di solito è il primo segno di sordità e può essere rilevata solo da un test audiometrico.

Ci possono essere capogiri, che indicano danni all'apparato vestibolare.

Sono possibili altre manifestazioni di neurotossicità, quali intorpidimento, formicolio cutaneo, spasmi muscolari e convulsioni.

Se la terapia farmacologica dura 7 giorni o più in pazienti con insufficienza renale, o 10 giorni in pazienti con funzionalità renale normale, un audiogramma deve essere eseguito durante il trattamento.

La terapia con amikacina deve essere interrotta in caso di tinnito o perdita o se gli audiogrammi successivi rivelano una significativa perdita di alte frequenze.

Casi di blocco neuromuscolare e arresto respiratorio dopo l'iniezione parenterale, la somministrazione orale di aminoglicosidi, così come la somministrazione topica nella cavità peritoneale e pleurica utilizzati in ortopedia.

Esso deve essere usato con cautela antibiotici aminoglicosidici in pazienti con disturbi muscolari come la miastenia grave o parkinsonismo dal momento che questo gruppo di antibiotici può esacerbare ulteriormente la debolezza muscolare a causa di un potenziale effetto curaro sulla trasmissione neuromuscolare.

Con lo sviluppo del blocco neuromuscolare, i sali di calcio devono essere iniettati, la respirazione artificiale deve essere collegata.

La possibilità di arresto respiratorio deve essere presa in considerazione soprattutto in pazienti che ricevono anestetici, rilassanti muscolari, come tubocurarina, succinilcolina, decametonio o con trasfusione di citrato fresco.

Il farmaco contiene bisolfito di sodio, che può causare reazioni allergiche, tra cui anafilassi e attacchi di asma potenzialmente letali in individui sensibili.

Queste reazioni allergiche ai solfiti sono rare nella popolazione generale e l'ipersensibilità ai solfiti è più comune nei pazienti con asma.

L'amikacina non è raccomandata per i pazienti con allergia agli aminoglicosidi nella storia o con danno renale o VIII nervo senza sintomi clinici, causati dalla precedente somministrazione del farmaco.

amministrazione raccomandato simultanea o sequenziale di altri antibiotici aminoglicosidici, e altri farmaci nefrotossici e neurotossici (streptomicina, la diidrostreptomicina, gentamicina, tobramicina, kanamicina, neomicina, polimixina B, colistina, cefaloridina, viomicina).

L'età avanzata e la disidratazione possono anche aumentare il rischio di tossicità da farmaci.

Assumere Amikacin come altri antibiotici può portare a una crescita eccessiva di microrganismi resistenti, che richiede un trattamento appropriato.

Uso pediatrico

Gli aminoglicosidi non sono raccomandati per i bambini sotto i 12 anni di età.

Caratteristiche dell'effetto del farmaco sulla capacità di guidare un veicolo o un macchinario potenzialmente pericoloso

Durante il periodo di trattamento deve stare attento con la gestione stradale e macchine potenzialmente pericolose che richiedono alta concentrazione e la velocità delle reazioni psicomotorie, a causa del possibile rischio di reazioni negative quali vertigini, sonnolenza, spasmi muscolari, mancanza di coordinazione dei movimenti.

overdose

Sintomi: nefrotossicità, Oto-e reazioni neurotossiche (disturbi della minzione, perdita, atassia, vertigini, perdita di appetito, nausea, vomito dell'udito, ronzio alle orecchie, insufficienza respiratoria).

Trattamento: per il sollevamento del blocco della trasmissione neuromuscolare e le sue conseguenze (apnea) designa emodialisi o dialisi peritoneale, anticolinesterasici, calcio (Ca2 +), ventilazione meccanica, l'altra terapia sintomatica e di supporto.

Rilasciare forma e imballaggio

500 mg della sostanza attiva in flaconcini, sigillati ermeticamente con tappi di gomma, compressi con tappi di alluminio e tappi combinati FLIPP OFF importati.

Ogni bottiglia è incollata con un'etichetta fatta di etichetta di carta o di scrittura, o etichetta autoadesiva importata.

Ogni flacone insieme alle istruzioni approvate per uso medico nelle lingue statali e russe è inserito in un pacchetto di cartone.

Condizioni di conservazione

Conservare in un luogo asciutto e buio a una temperatura non superiore a 25 ° C.

Tenere fuori dalla portata dei bambini!

Periodo di validità

Non usare dopo la data di scadenza.

Condizioni di vendita della farmacia

fabbricante

JSC Khimpharm, Repubblica del Kazakistan,

Shymkent, st. Rashidova, 81

Titolare del certificato di registrazione

Chimpharm JSC, Repubblica del Kazakistan

Indirizzo dell'organizzazione che riceve richieste dai consumatori sulla qualità dei prodotti (beni) nella Repubblica del Kazakistan