Principale
Trattamento

Trattamento dell'adenoma prostatico con intervento chirurgico

Forse la più comune malattia urologica tra uomini di mezza età e anziani è considerata adenoma prostatico; la chirurgia per rimuoverlo viene eseguita in vari modi. I risultati dell'intervento chirurgico per il trattamento di questa malattia sono generalmente positivi.

Cos'è l'adenoma prostatico?

La prostata, cioè la ghiandola prostatica, è un organo sessuale maschile che si trova leggermente al di sotto della vescica. Si collega direttamente all'uretra che lo attraversa. La ghiandola prostatica non solo controlla il livello di vari ormoni, ma chiude anche i dotti della vescica al momento dell'erezione. Inoltre, il segreto prodotto dalla prostata è uno dei componenti dello sperma maschile.

L'adenoma della prostata è una neoplasia benigna, che cresce gradualmente e comprime l'uretra. Questo provoca ritenzione urinaria, difficoltà nella vita sessuale e lo sviluppo di varie malattie del sistema genitourinario maschile.

Finché l'adenoma cresce senza metastasi, è considerato un tumore benigno. Ma nel tempo, la sua degenerazione maligna, la comparsa di metastasi e, di conseguenza, il cancro alla prostata si verifica. Pertanto, deve essere trattata l'iperplasia prostatica benigna (adenoma) della prostata. Ciò contribuirà a soddisfare con calma i bisogni naturali, preservare la salute del sistema genito-urinario, condurre una vita sessuale normale.

Perché compare l'adenoma?

L'iperplasia prostatica benigna (IPB) si sviluppa per vari motivi. Potrebbe essere:

  • età;
  • cambiamenti climaterici nel corpo maschile;
  • squilibrio degli ormoni sessuali maschili steroidi - androgeni ed estrogeni;
  • alcune malattie concomitanti.

Sintomi principali

I sintomi dell'adenoma prostatico dipendono dalla posizione del tumore, dal tasso di aumento e dal grado di disturbo della funzione contrattile della vescica.

Gli specialisti urologi distinguono le seguenti fasi dello sviluppo dell'adenoma:

  • compensato;
  • subcompensated;
  • scompensata.

La prima fase di solito dura non più di 3 anni ed è caratterizzata dai seguenti sintomi:

  1. Insorgenza lenta del processo urinario.
  2. Flusso lento di urina.
  3. Incrementi aumentati.
  4. Minzione frequente.

Allo stesso tempo, la ghiandola prostatica è ingrandita, che è evidente alla palpazione, solitamente indolore. L'urina residua non è osservata.

La seconda fase dello sviluppo dell'adenoma è determinata da sintomi quali:

  1. Sensazione di una vescica non reclamata.
  2. Il flusso di urina si verifica frequentemente e a poco a poco.
  3. Minzione involontaria (ischuria paradossa).
  4. L'urina può contenere sangue o varie impurità.
  5. Ritarda la minzione.

Una visita medica rivela un ispessimento delle pareti della vescica, la comparsa di urina residua e insufficienza renale cronica.

Quando l'iperplasia prostatica entra nella terza fase, le condizioni del paziente peggiorano notevolmente. Sintomi come:

  1. Minzione difficile in porzioni molto piccole (gocce).
  2. Urina di colore innaturale, opaca, con sangue.
  3. Debolezza generale
  4. Perdita di peso acuta.
  5. Mancanza di appetito
  6. Bocca secca
  7. Anemia.
  8. Fallimento delle masse fecali.

Per esame medico è determinato:

  • distensione evidente della vescica;
  • disfunzione renale;
  • aumentare la quantità di urina residua.

Diagnosi di adenoma

Il quadro clinico dell'iperplasia prostatica viene chiarito utilizzando vari metodi diagnostici. Prima tenuta:

  1. Conversazione anamnestica
  2. Esame generale del paziente.
  3. Esame della palpazione e picchiettamento della vescica e della ghiandola prostatica.
  4. Esame a raggi X.
  5. Analisi di laboratorio di urina e sangue.
  6. Valutazione oggettiva del processo urinario (uroflussimetria).
  7. Esame ecografico
  8. Biopsia (lo studio dei frammenti di tessuto prostatico).

Dopo aver analizzato tutti i dati ottenuti, l'urologo prende una decisione sui metodi di trattamento necessari per l'adenoma prostatico - conservativo o chirurgico.

Medicina conservativa per l'adenoma della prostata

Il trattamento conservativo dell'iperplasia prostatica, di regola, viene mostrato nelle prime fasi dello sviluppo della malattia, quando l'adenoma non causa la formazione di urina residua. Le principali direzioni del trattamento sono:

  1. Riduzione delle manifestazioni sintomatiche della malattia.
  2. Riduzione al minimo del processo infiammatorio causato da adenoma.
  3. Sollievo processo urinario.

Per fare questo, applicare tali trattamenti come:

  • preparazioni medicinali;
  • svuotamento periodico della vescica con un catetere (cateterizzazione);
  • procedure fisioterapeutiche.

Quando il trattamento conservativo non è sufficiente, il paziente viene prescritto un intervento chirurgico in un modo o nell'altro.

Trattamento chirurgico dell'adenoma prostatico: indicazioni e metodi

L'operazione per l'adenoma della prostata diventa inevitabile in presenza di sintomi quali:

  • minzione frequente durante la notte;
  • cambiare il getto urinario;
  • ritenzione urinaria acuta, non rimovibile con cateterismo;
  • calcoli renali e vescica;
  • insufficienza renale;
  • eccesso di sangue nelle urine (ematuria);
  • infezione del tratto urinario;
  • urina residua in eccesso.

Nelle prime fasi della malattia, un'operazione di rimozione dell'adenoma prostatico viene eseguita con il metodo della resezione transuretrale - TUR. Ciò consente di rimuovere la neoplasia dalla ghiandola prostatica utilizzando un resettoscopio inserito attraverso l'uretra.

L'operazione viene eseguita in anestesia spinale o generale per 90-120 minuti. Riabilitazione speciale dopo che non è richiesto. Il paziente è in ospedale sotto la supervisione di un medico per non più di 3 giorni, fino a quando si verifica un lieve sanguinamento postoperatorio dalla vescica. Non ci sono punti visibili dopo un'operazione del genere.

Adenomectomia con significativo allargamento della ghiandola prostatica, presenza di calcoli renali e altre complicanze. Questa chirurgia aperta ti consente di ottenere la completa liberazione dall'adenoma prostatico.

L'incisione transuretrale o la dissezione della prostata viene effettuata nelle prime fasi della malattia. Questa operazione consente al paziente di mantenere una normale attività sessuale per diversi anni. Successivamente, viene eseguita la chirurgia addominale per rimuovere la ghiandola prostatica.

Nuove direzioni in chirurgia sono la rimozione di adenoma della prostata in modi come:

  • ablazione;
  • Vaporizzazione ROTONDA;
  • distruzione laser.

Questi metodi sono i più benigni e permettono di avere una vita sessuale normale dopo il periodo postoperatorio. Le conseguenze dopo tali operazioni sono minori. Il normale funzionamento del sistema urogenitale viene ripristinato completamente.

Possibili complicazioni

Qualsiasi intervento chirurgico comporta un certo rischio. Varie complicanze dopo la rimozione dell'adenoma prostatico possono verificarsi nel primo o nel tardo periodo postoperatorio. Questi possono essere:

  1. Bleeding.
  2. Incontinenza urinaria
  3. Penetrazione della soluzione di lavaggio nel letto vascolare del paziente durante il TUR-operation.
  4. Infezione o processo infiammatorio.
  5. Restringimento cicatriziale dei dotti urinari.
  6. L'incapacità di mantenere una normale vita sessuale.

Se l'operazione è impossibile

L'intervento chirurgico per rimuovere l'adenoma prostatico è controindicato. Questo accade nei casi in cui un paziente ha fattori come:

  • cancro della prostata;
  • il rischio di infiammazione e complicazioni indesiderate;
  • malattie acute del sistema cardiovascolare;
  • coaguli sanguigni vaganti negli arti inferiori;
  • disfunzione del sangue dei vasi ileali;
  • occlusione delle navi sopra.

Per ciascun paziente, i metodi di trattamento dell'adenoma prostatico sono scelti individualmente in base al quadro clinico, sulla base dei risultati degli studi diagnostici.

Rimozione di adenoma prostatico - indicazioni per il trattamento chirurgico, metodi e conseguenze

Esistono indicazioni speciali sulla base delle quali gli uomini richiedono la rimozione dell'adenoma prostatico attraverso un intervento chirurgico, senza il quale si possono sviluppare gravi complicazioni sulla ghiandola prostatica. La ragione principale della resezione è la rapida progressione del tumore. Nella fase iniziale, la malattia è suscettibile di terapia conservativa. Se non aiuta, è necessario un trattamento chirurgico dell'adenoma della ghiandola prostatica, che viene effettuato con vari metodi efficaci.

Cos'è l'adenoma prostatico

Una neoplasia nella prostata di natura benigna - la diagnosi di adenoma viene interpretata. Questa patologia maschile occupa uno dei primi posti tra le malattie urologiche. Con un volume normale della ghiandola prostatica, si correla con la castagna. Può aumentare a causa della proliferazione del tessuto fibroso-muscolare. Una delle cause dell'adenoma è il paziente anziano. A causa di un ingrossamento della prostata, il lume dell'uretere si riduce. Questo porta a problemi con la minzione. Se le cellule sono maligne, allora stiamo parlando di cancro alla prostata.

Indicazioni per la chirurgia per l'adenoma della prostata

La fattibilità della rimozione completa o parziale dell'adenoma prostatico è determinata individualmente per ciascun paziente. Le indicazioni per la chirurgia sono:

  1. L'inefficacia della terapia farmacologica. Iperplasia prostatica benigna (IPB), cioè un aumento del volume della prostata, può svilupparsi indipendentemente da un trattamento adeguato. Se entro sei mesi l'effetto dei farmaci non appare, allora un'asportazione di adenoma viene prescritta dall'intervento chirurgico.
  2. Proliferazione accelerata del tessuto prostatico. Ciò significa che il tumore si sviluppa molto rapidamente, quindi solo la completa rimozione dell'iperplasia aiuterà a fermare il processo.
  3. Sindrome del dolore Per eliminare il dolore nelle fasi iniziali della malattia usando antispastici e analgesici, e persino iniezioni di novocaina. Se la patologia è iniziata, il sintomo sgradevole rimane anche dopo l'assunzione dei farmaci.
  4. L'età del paziente. La chirurgia è indicata solo all'età di 65-70 anni. In ogni caso, le condizioni del paziente sono considerate individualmente.

Modi per rimuovere l'adenoma della prostata

Se c'è evidenza, la rimozione di adenoma prostatico è prescritta da metodi di intervento chirurgico. Oggi ci sono diversi modi per eseguire questa procedura. Può essere aperto o minimamente invasivo. Nel primo caso, le manipolazioni vengono eseguite attraverso l'incisione nella parte inferiore della sezione addominale. A causa dell'elevato numero di controindicazioni e delle conseguenze della rimozione, la chirurgia addominale viene eseguita raramente, ma è considerata un metodo di trattamento classico insieme alla resezione transuretrale. Nei casi avanzati, è necessaria una prostatectomia aperta - un'operazione per rimuovere la prostata.

adenomectomia

In precedenza, l'unica via per il trattamento chirurgico di un tumore alla prostata era l'adenomectomia aperta. Viene eseguito in anestesia generale. Il medico rimuove il tumore in questo modo:

  • l'area chirurgica viene trattata con una soluzione antisettica, i capelli vengono rimossi;
  • il chirurgo fa un'incisione nella pelle e nel tessuto sottocutaneo;
  • poi una sezione è fatta della parete anteriore della vescica, il medico esamina attentamente l'organo per la presenza di pietre;
  • poi il chirurgo rimuove il tumore stesso a causa del fatto che il dito indice entra nell'uretra e strappa la mucosa;
  • quindi un catetere viene inserito nella vescica per consentire alla ferita di essere lavata con soluzione fisiologica.

La chirurgia aperta è una garanzia di rimozione permanente di un tumore, ma la riabilitazione del paziente dopo che dura un tempo molto lungo, fino a 3 mesi. Inoltre, c'è il rischio di complicazioni sotto forma di suppurazione e sanguinamento. Non meno grave è il trasferimento dell'anestesia generale. Inoltre, a giudicare dalle recensioni, le cicatrici rimangono dopo l'operazione. Il costo di tale rimozione varia da 20 a 50 mila rubli. Nella clinica di stato nel luogo di residenza è gratuito.

Resezione transuretrale (TUR)

Questo è il nome dell'eliminazione di una neoplasia senza incisioni. Attraverso l'uretra, le cellule tumorali vengono rimosse. In questo caso, può persino usare l'anestesia locale. La tecnica è complessa, quindi richiede un chirurgo altamente qualificato. La procedura è la seguente:

  • un resettoscopio viene inserito attraverso l'uretra;
  • Con l'aiuto di un loop speciale su questo strumento, la crescita eccessiva dell'epitelio viene raschiata finché non viene completamente rimossa;
  • poi c'è un lavaggio della vescica e un'altra ispezione dell'area operata;
  • poi viene introdotto un catetere speciale con un palloncino gonfiato, che viene riempito di liquido;
  • dopo alcuni giorni in assenza di complicanze postoperatorie, il catetere viene rimosso.

Dopo tale operazione, la prostata viene ripristinata in circa 2 mesi. Nei primi giorni dopo si osservano crampi durante la minzione, ma nel tempo passano. L'operazione dura non più di un'ora, il che è il suo vantaggio. Un plus può essere considerato l'assenza di cicatrici dopo la rimozione del tumore. Inoltre, la procedura stessa è praticamente indolore. Il costo di tale rimozione è di circa 20 mila rubli.

Rimozione della prostata con tecniche minimamente invasive

I metodi tradizionali di trattamento degli adenomi hanno un gran numero di possibili conseguenze negative. I metodi minimamente invasivi aiutano a ridurre il rischio di complicanze. Questa è principalmente una resezione laser. Nella chirurgia moderna, tali tecniche moderne sono:

  • embolizzazione delle arterie prostatiche;
  • vaporizzazione laser;
  • enucleazione laser di adenoma;
  • terapia laser interstiziale;
  • ablazione dell'ago;
  • laparoscopia;
  • resezione endoscopica.

Embolizzazione delle arterie della prostata (EAP)

L'essenza di questa tecnica è di bloccare i vasi arteriosi che forniscono sangue alla prostata ingrossata. La procedura viene eseguita in anestesia locale. Un chirurgo endovascolare controlla le sue azioni con un apparato angiografico. Il compito del medico è quello di trovare le terminazioni nel rifornimento di sangue alla prostata. Viene introdotto un microcatetere e attraverso di esso un substrato embolico intravascolare. Il vantaggio è che il paziente viene dimesso 6 ore dopo la procedura. Il suo prezzo è di circa 180 mila rubli.

Vaporizzazione laser di laser a luce verde

Tra tutti i metodi di trattamento, la vaporizzazione laser dell'adenoma è caratterizzata da un minor numero di complicanze. Inoltre, è consentito per i pazienti con disturbi emorragici. L'attrezzatura è inserita attraverso l'uretere. Il raggio laser è soggetto alla dissezione delle aree benigne della prostata, i vasi sanguigni "fermentano". La vaporizzazione è effettuata a una dimensione del tumore di 60-80 cu. Un vantaggio è un breve periodo postoperatorio e complicazioni minime, ma questa rimozione laser dura due volte di più rispetto alla conduzione di un TUR. Il prezzo della procedura è da 50 mila rubli.

Enucleazione di adenoma

La rimozione dell'adenoma prostatico con questo metodo è la "esfoliazione" del tessuto prostatico mediante l'azione del laser. Dopo l'intervento chirurgico, possono essere controllati per la presenza di cellule maligne. I suoi vantaggi sono:

  • la capacità di rimuovere il tumore anche con la crescita della ghiandola fino a 200 g;
  • breve periodo di recupero;
  • la possibilità di un intervento chirurgico in pazienti con un pacemaker, dispositivi metallici nello scheletro o un disturbo emorragico.

Dopo l'enucleazione endoscopica, il tessuto tumorale viene trasferito alla vescica, schiacciato con un laser e rimosso mediante un catetere con drenaggio. La presenza di processi infiammatori o l'incapacità di inserire un catetere nell'uretere è una controindicazione all'operazione. Lo stesso vale per le gravi condizioni generali del paziente e della vescica rugosa. Il costo per rimuovere l'adenoma in questo modo è di circa 30-40 mila rubli.

Terapia laser interstiziale

L'essenza di questa procedura di rimozione del tumore consiste nel condurre un fascio laser a fascio stretto attraverso perforazioni nella membrana mucosa della vescica o della stessa prostata. Sono richieste diverse introduzioni del genere. Con l'aiuto del raggio, la ghiandola viene processata da tutti i lati, a seguito della quale si verifica la necrosi. Lo svantaggio del metodo è che per qualche tempo i sintomi della malattia possono persino peggiorare. La causa è una ferita profonda nella prostata.

Ablazione dell'ago

L'atrofia del tessuto ghiandolare durante questa operazione avviene per riscaldamento a causa di onde radio ad alta frequenza. Arrivano alla prostata attraverso gli aghi, che vengono inseriti nella ghiandola. Lo svantaggio della procedura è la sua inefficienza per le grandi neoplasie. Il vantaggio è che viene eseguito su base ambulatoriale, vale a dire il paziente può tornare a casa immediatamente dopo la rimozione.

Rimozione laparoscopica dell'adenoma prostatico

Questa tecnica viene mostrata quando il volume della prostata supera i 100 metri cubici. Vedi. Viene effettuato attraverso speciali tubi che penetrano attraverso piccole incisioni sulla pelle: trocar. All'interno c'è una telecamera che mostra l'avanzamento della procedura sul monitor. La rimozione dell'adenoma prostatico dura circa 2 ore in anestesia generale. Alla fine, un catetere viene inserito nell'uretra. Il vantaggio è un breve periodo di riabilitazione. Dall'ospedale il paziente viene dimesso in 2-4 giorni. Tra gli aspetti negativi, si possono notare piccole cicatrici dalle incisioni. Il costo dell'operazione - 120-165 mila rubli.

Rimozione endoscopica

Questa tecnica inoltre non richiede la dissezione addominale. Questo riduce significativamente la perdita di sangue. La ghiandola viene asportata con strumenti chirurgici, che vengono inseriti attraverso un tubo di 1-1,5 cm di spessore.Il vantaggio della procedura è che non influisce sulla funzione erettile, in quanto si riferisce alle tecniche di conservazione dei nervi. In assenza di calcoli, infiammazione e una piccola quantità di adenoma, una tale operazione è più preferibile. Il vantaggio è un breve periodo di recupero. Il prezzo dell'operazione è 50-60 mila rubli.

Le conseguenze della chirurgia per rimuovere l'adenoma della prostata

La riabilitazione dopo la rimozione dell'adenoma della ghiandola prostatica potrebbe non andare così bene. I problemi di salute appaiono ancora più spesso rispetto al trattamento della prostatite. Alcuni giorni c'è sangue nelle urine, incontinenza o dolore durante la minzione. Tali effetti collaterali non durano a lungo. Se sono in ritardo, vale la pena contattare uno specialista. Ogni paziente risponde in modo diverso all'intervento chirurgico, pertanto, a seconda del tipo di intervento chirurgico, possono verificarsi diverse conseguenze fino alla ricorrenza della malattia. In questo caso, dovrai ripetere l'operazione.

Possibili complicazioni

Qualsiasi rimozione di adenoma prostatico è potenzialmente pericolosa. Ogni paziente è a rischio di perdita di sangue e infezione. L'anestesia è un carico grave per il sistema cardiovascolare. Dopo l'intervento, compaiono complicazioni di questa natura:

  • mancanza di sperma durante il rapporto sessuale;
  • processi infiammatori degli organi pelvici;
  • incontinenza urinaria;
  • disfunzione erettile;
  • infertilità.

Potenza dopo l'intervento chirurgico

Il ripristino della funzione erettile si verifica dopo un certo periodo dopo l'intervento chirurgico, ma si raccomanda di iniziare a vivere sessualmente non prima della completa rigenerazione dei tessuti. La durata media di questo periodo è di circa un mese. Questo periodo può essere esteso a seconda delle condizioni e dell'età del paziente. Con il pieno ripristino della potenza in alcuni uomini, dopo il completamento dei rapporti sessuali, lo sperma smette di distinguersi. La ragione è un danno parziale ai canali seminali. La funzione riproduttiva è preservata, ma per estrarre lo sperma è necessaria una puntura.

Riabilitazione dopo chirurgia per adenoma prostatico

Dopo l'operazione stessa, è importante seguire tutte le raccomandazioni dell'urologo per un recupero più rapido. Si riferiscono all'alimentazione, allo sforzo fisico e al sesso del paziente. Queste raccomandazioni sono importanti anche per escludere possibili complicazioni dopo l'intervento chirurgico. Il primo periodo di riabilitazione è il primo 5-7 giorni. In questo momento, il paziente ritorna alla normale minzione. In generale, il periodo di recupero può essere di 3 mesi o più.

Regolazione dello stile di vita

Immediatamente dopo l'operazione, è necessario eliminare azioni incuranti, perché possono portare a deterioramento e causare infiammazioni. Non puoi fare quanto segue:

  • sedersi su una sedia a lungo;
  • fare una doccia calda o un bagno;
  • bere alcolici;
  • guidare te stesso;
  • sollevare carichi di peso superiore a 3 kg.

Entro un mese e mezzo dall'intervento è necessario astenersi dall'attività sessuale. Andare al lavoro subito non è raccomandato, è meglio prendere un congedo per malattia per le prime settimane. Dopo la rimozione dell'adenoma prostatico, si raccomanda di camminare a piedi e, dopo un po 'di tempo, fare esercizi leggeri e nuotare al mattino. Dopo il recupero non vale la pena fumare sigarette. La nicotina in essi influisce negativamente sulla circolazione del sangue, che può portare a infiammazione.

Cibo dietetico

Fattore non meno importante nel recupero - una corretta alimentazione. Il cibo spazzatura deve essere eliminato dalla dieta. Questo include fritto, salato, affumicato e dolce. Hai bisogno di rinunciare all'alcol. I pasti dovrebbero consistere in:

Esercizio terapeutico e yoga

Dopo l'intervento chirurgico per rimuovere l'adenoma prostatico, non tutte le attività fisiche sono utili. Elimina la necessità di pedalare ed esercizi con i pesi. È meglio fare il nuoto e la ginnastica con uno stretching morbido dei muscoli. I medici raccomandano di prestare attenzione allo yoga. A giudicare dalle recensioni, i seguenti esercizi sono utili:

  1. Sdraiati sul pavimento, allunga le braccia lungo il corpo. Spremere i muscoli del perineo per 2-3 secondi per 1 minuto.
  2. Senza cambiare posizione, piega il corpo con un arco, mettendo le mani sotto la parte bassa della schiena e strappando il bacino dal pavimento. Rimani in piedi per alcuni secondi, prendi la posizione di partenza. Ripeti 4-5 più volte.

Terapia farmacologica

Il trattamento non termina dopo l'operazione. Per escludere complicazioni, il paziente deve assumere un numero di farmaci, la cui lista include:

  1. Antibiotici. Utilizzato per eliminare l'infezione che si è sviluppata dopo l'intervento chirurgico. Il corso del trattamento dura non più di 7-10 giorni.
  2. Antidolorifici - prescritto per alleviare il dolore per 2-3 giorni dopo la procedura. Innanzitutto, il paziente assume forti analgesici, quindi passa ad analgin o No-Shpu.

Quanto costa l'operazione per rimuovere l'adenoma prostatico

Il costo dipende dalla sede, dal metodo e dalla complessità della procedura. I prezzi approssimativi per alcuni tipi di interventi chirurgici per rimuovere l'adenoma prostatico per varie cliniche a Mosca sono mostrati nella tabella:

Chirurgia per rimuovere l'adenoma prostatico: modi efficaci per rimuovere l'adenoma

L'adenoma prostatico o l'iperplasia prostatica benigna è il problema più comune negli uomini anziani. Quasi un terzo di questi pazienti ha bisogno di un trattamento chirurgico.

Quando è indicato un intervento di adenoma alla prostata?

Le condizioni in cui è necessaria un'operazione per rimuovere l'adenoma prostatico possono essere suddivise in urgenti (acute) e pianificate.

Urgente include quanto segue:

  • ritenzione urinaria acuta;
  • sintomi improvvisi di insufficienza renale;
  • ematuria macroscopica (presenza di sangue nelle urine);
  • tamponamento alla vescica.

Si ricorre a interventi chirurgici regolari in caso di sintomi clinici marcati e di scompenso di iperplasia benigna, come evidenziato da:

  • grave disfunzione della vescica;
  • ischuria paradossale;
  • l'espansione del sistema pelvico renale (ureteroidronefrosi);
  • lo sviluppo di insufficienza renale cronica (aumento della creatinina, acido urico nel sangue, riduzione della velocità di filtrazione glomerulare);
  • frequente riattacco di un'infezione del tratto urinario secondario;
  • mancanza di un effetto positivo dalla terapia conservativa.

Secondo alcuni dati, negli uomini con gravità moderata della malattia, il trattamento chirurgico è anche più efficace dei farmaci.

Modi per rimuovere l'adenoma della prostata

Le procedure chirurgiche tradizionali utilizzate per l'adenoma prostatico sono rappresentate da quanto segue:

TOUR è noto come il "gold standard" del trattamento chirurgico per l'adenoma. L'accesso alla ghiandola avviene attraverso l'uretra, l'uretra, in cui è inserito il dispositivo endoscopico. Pertanto, l'operazione si distingue per una bassa invasività e una bassa percentuale di complicanze. Esistono resezioni mono e bipolari (la differenza sta nell'uso di diverse apparecchiature). Viene utilizzato con un volume della ghiandola di 30-80 cm3.

Viene eseguito sotto l'influenza dell'anestesia spinale o epidurale. La chirurgia per rimuovere l'adenoma prostatico mediante adenomiectomia aperta comporta un'incisione nell'addome inferiore e una resezione completa di una crescita benigna. A seconda del luogo di accesso chirurgico, è transcubulare (secondo Freier), retropubico (secondo Lidsky), perineale (isoorettale e transrettale).

L'operazione viene eseguita in anestesia generale. È il metodo più traumatico con un'alta probabilità di sviluppare complicanze postoperatorie. Allo stesso tempo, il principale vantaggio del metodo è la completa assenza di recidiva della malattia. Il più delle volte indicato per gli adenomi che non sono suscettibili di influenza medica, e il volume della ghiandola è superiore a 80-100 cm3.

L'incisione transuretrale viene utilizzata negli uomini con piccole dimensioni della ghiandola prostatica, fino a 30 cm3. In questo caso, il chirurgo non rimuove la ghiandola, ma la seziona.

Chirurgia della prostata: quali complicazioni si possono incontrare

Le moderne tecnologie mediche consentono di sviluppare costantemente nuovi interventi chirurgici meno traumatici sulla ghiandola prostatica.

Tra loro ci sono:

  • coagulazione laser interstiziale;
  • ablazione dell'ago transuretrale;
  • incisione transuretrale laser;
  • ipertermia transuretrale o transrettale;
  • termoterapia transuretrale a microonde o radiofrequenza;
  • distruzione termica transuretrale a radiofrequenza;
  • piroterapia extracorporea;
  • elettroportionazione transuretrale.

Una cosa comune che unisce tutte queste tecniche è che vengono utilizzate solo nelle prime fasi della malattia, quando l'adenoma non è ancora grande.

Non richiedono anestesia generale, dopo l'intervento chirurgico non ci sono praticamente complicazioni, sono sicuri, compresi quelli che assumono farmaci che fluidificano il sangue e hanno gravi malattie concomitanti.

Nella maggior parte dei casi, i pazienti non hanno bisogno di cateterizzazione della vescica postoperatoria. Tuttavia, l'efficacia di queste tecnologie è leggermente inferiore a quella delle operazioni di cui sopra.

Conseguenze dopo la rimozione di adenoma prostatico

Come qualsiasi altra procedura chirurgica, la chirurgia della prostata è una procedura invasiva che viola l'integrità di vari tessuti, membrane mucose, vasi sanguigni e vasi linfatici, ecc. Quindi, non passa per il corpo umano senza lasciare traccia e può portare allo sviluppo di alcune complicazioni.

Quali complicazioni puoi affrontare?

A seconda del momento dell'evento, le complicanze postoperatorie sono divise in 2 gruppi: precoce e distante.

Il primo include:

  • sanguinamento durante o dopo l'intervento chirurgico, che può essere stabilizzato da trasfusioni di sangue o soluzioni di sostituzione del plasma, o richiedere un intervento ripetuto;
  • processi infettivi delle basse vie urinarie (cistite acuta, prostatite, uretrite, epididimite);
  • Sindrome di TUR - intossicazione da acqua del corpo (aumento del volume di fluido extracellulare), è pericolosa per lo sviluppo di insufficienza cardiovascolare e gonfiore del cervello;
  • ritenzione urinaria acuta;
  • riduzione del sodio dovuta all'aspirazione della soluzione di lavaggio.

Il gruppo di complicazioni postoperatorie tardive include:

  • disfunzione erettile;
  • incontinenza urinaria;
  • sclerosi al collo vescicale;
  • stenosi (cambiamenti cicatriziali) dell'uretra;
  • conservazione di sintomi non specifici;
  • calcoli alla vescica;
  • eiaculazione retrograda (rilascio di sperma nella vescica);
  • ricadute e ricadute "false" della malattia.

In che modo la rimozione dell'adenoma influisce sulla potenza

Uno dei criteri per un esito positivo dell'operazione e una valutazione soddisfacente della qualità della vita del paziente è la conservazione della sua attività sessuale indipendentemente dall'età.

La chirurgia sulla prostata può causare danni al nervo e alle strutture vascolari vicino all'area della prostata del pene, che causa l'insufficienza erettile. La più alta frequenza di tali complicazioni ricade sul metodo aperto di adenomectomia e TUR. Nuove tecniche in misura minore influenzano la potenza maschile.

Il processo di ripristino delle strutture che controllano le erezioni è piuttosto lungo e dipende dalla salute generale dell'uomo, dallo stato della potenza prima del trattamento chirurgico. Pertanto, il medico può prescrivere un complesso di determinate attività, vale a dire esercizi fisici, rafforzando i muscoli del bacino e del perineo, i farmaci (sildenafil, tadalafil), psicologo consulente, terapia del vuoto, ecc.

Riabilitazione dopo rimozione di adenoma prostatico

Non meno importante della resezione della stessa ghiandola prostatica è la fase di riabilitazione.

La sua durata dipende dal metodo di funzionamento, dal grado della morbilità, dalla gravità delle complicanze, dalla presenza di comorbidità, dall'età, dal livello delle forze protettive iniziali del corpo e può variare da 3 a 12 mesi.

Prima di tutto, è necessario aumentare l'impegno del paziente a eseguire tutte le procedure. Per fare questo, uno specialista informa un uomo con le caratteristiche del periodo postoperatorio, gli insegna esercizi fisici, previene il verificarsi di ansia e disturbi depressivi.

Le regole e le procedure di base da seguire sono le seguenti:

  • nelle prime 3-4 settimane per evitare movimenti improvvisi, sollevamento pesi, carichi eccessivi, ipotermia;
  • dieta a base di latte e verdure, non mangiare cibi fritti, affumicati e salati;
  • regime di bere (adeguato bere adeguato);
  • prevenzione della stitichezza;
  • rifiuto di alcol, fumo;
  • passeggiate quotidiane;
  • riposo sessuale 4-6 settimane;
  • esercizio terapeutico con metodi speciali, massaggio;
  • non visitare bagni, saune;
  • supervisione costante dal medico curante.

La prognosi nei pazienti con adenoma prostatico negli ultimi anni è diventata molto più favorevole. Ciò è stato possibile grazie all'impiego di tecniche sicure moderne che garantiscono il recupero più rapido e di alta qualità con il numero minimo di conseguenze.

Inoltre, la medicina moderna ha le possibilità di un trattamento chirurgico della malattia nelle fasi iniziali, senza attendere lo sviluppo di complicanze.

Adenoma prostatico: tipi di intervento chirurgico per rimuovere un tumore

L'adenoma prostatico è una diagnosi medica. Dicono della malattia quando i tessuti della prostata infiammata iniziano ad aumentare di dimensioni, con conseguente formazione di nodi (tumori benigni). Di regola, questa malattia colpisce gli uomini in età adulta e in età avanzata. In questo caso, è programmata un'operazione per rimuovere l'adenoma prostatico. In totale ci sono diversi tipi.

La prostata è un piccolo organo puramente maschile che assomiglia a una noce. Questo organo si trova leggermente al di sotto della vescica. Attraverso di essa passa l'uretra, così come i dotti eiaculatori.

L'organo situato nella piccola pelvi svolge il ruolo di una valvola che chiude il passaggio durante l'erezione e consente allo sperma di essere espulso e non entrare nella vescica. La prostata, inoltre, produce uno speciale segreto speciale, che fa parte dello sperma e lo rende più fluido.

Sintomi di adenoma prostatico

I sintomi e le sensazioni da questa condizione patologica negli uomini nella fase iniziale sono simili ai sintomi femminili nella cistite e, nella fase avanzata avanzata, c'è un arresto completo della capacità di auto-urinare.

Sintomi di adenoma in stadio iniziale:

  • difficoltà occasionale a urinare;
  • la necessità di svegliarsi di notte per visitare il bagno;
  • tempo più lungo necessario per la minzione;
  • con la voglia di urinare, c'è bisogno di visitare il bagno immediatamente. Il ritardo è impossibile;
  • il flusso di urina durante il bagno non è più chiaro, a volte si arriva al fatto che l'uomo viene svuotato con gocce.

Sintomi di adenoma in stadio avanzato:

  • disagio persistente nella zona inguinale;
  • l'incapacità di posticipare l'atto della minzione, anche per pochi minuti, l'incapacità di "soffrire" in bagno;
  • violazione del desiderio sessuale o della sua mancanza;
  • l'incapacità di andare in bagno - in questa fase, l'intervento dei medici è estremamente necessario.

Tipi di intervento chirurgico per rimuovere un tumore benigno

La rimozione dell'adenoma prostatico non è una rimozione completa di questo organo, come molti pensano, specialmente se la malattia non è completamente iniziata. La rimozione dell'adenoma prostatico sta tagliando l'eccesso di carne, che ha portato ad un allargamento patologico dell'organo.

Esistono due tipi popolari di operazioni di rimozione di adenoma:

Adenoma chirurgico TUR

Questa specie è considerata una procedura chirurgica relativamente facile, dopo la quale un uomo recupera entro due giorni.

  1. L'essenza dell'operazione è la seguente: un uomo viene inserito nel canale urinario con uno strumento speciale che taglia la carne in eccesso della prostata con l'aiuto della corrente ad alta frequenza, che interferisce con il normale funzionamento del sistema genito-urinario.
  2. I vasi danneggiati durante questa procedura vengono arrestati utilizzando la stessa corrente ad alta frequenza, che aiuta a prevenire il sanguinamento e riduce il periodo di riabilitazione. L'intero processo è regolato da un chirurgo utilizzando un visualizzatore di cistoscopio.

IMPORTANTE!

Per quanto riguarda le statistiche, fino al 90 per cento degli uomini nota un miglioramento della salute dopo le manipolazioni TUR.

prostatectomia

Il prossimo tipo di operazione, più complessa e spiacevole per un uomo, è un'operazione di prostatectomia aperta. Al contrario di (TUR), questa manipolazione implica la completa rimozione della prostata, e viene eseguita solo se la ghiandola raggiunge la dimensione di 80 grammi. Tali casi sono rari, se in tempo per contattare gli urologi. Con la prostatomia aperta, i testicoli non vengono rimossi! I chirurghi colpiscono solo la prostata!

L'operazione della prostatectomia viene eseguita come segue: il tessuto prostatico viene rimosso attraverso la vescica usando un taglio nell'addome inferiore o nell'area tra l'apertura dell'ano e lo scroto. Il tipo di incisione è determinato dal medico dopo aver consultato il paziente.

NOTA!

Il periodo di recupero dopo la prostatomia chirurgica raggiunge sette giorni - l'intero periodo in cui l'uomo è in ospedale con un catetere nell'uretra.

In ogni caso, il tessuto prostatico viene rimosso attraverso la vescica. Il catetere nell'uretra dopo l'intervento addominale dell'adenoma prostatico rimane all'interno per 7 giorni e il paziente deve rimanere in ospedale per tutto questo tempo, anche se si sente bene.

Per la rimozione dell'adenoma prostatico non ci sono limiti di età. Annullare o correggere il tipo di intervento è possibile solo per motivi quali la presenza di cancro, malattie cardiache e altre condizioni critiche.

laparoscopia

  • La laparoscopia viene eseguita utilizzando la tecnologia laser e la quantità di biomateriale da rimuovere viene corretta dal chirurgo utilizzando la fotocamera. Il periodo di recupero è di sei giorni.
  • Il prossimo tipo di chirurgia, la prostatectomia prostatica, è l'unico modo pratico per rimuovere l'adenoma prostatico, che in generale non implica alcuna difficoltà in futuro con la funzione erettile del corpo maschile.
  • La resezione transuretrale per rimuovere l'adenoma prostatico sta diventando sempre più popolare a causa della specificità del periodo di recupero relativamente facile dopo questo intervento stesso.
  • E un altro fattore importante è il periodo di recupero ultracorti. Drenaggio e catetere sono necessari qui solo un giorno. Questo tipo di benefici per coloro che non sono d'accordo con la necessità di rimanere in ospedale per più di cinque giorni.

vantaggi

1) anestesia locale, la cui risoluzione non dipende o praticamente non dipende dallo stato del sistema cardiovascolare.
2) nessun sanguinamento implica un breve periodo di recupero.
3) non c'è necessità immediata di usare un catetere.
4) rimanere nel reparto ospedaliero per non più di 24 ore.

Come è la preparazione per la chirurgia

L'operazione prevede il ricovero in ospedale per un periodo da cinque a venti giorni. Durante questo periodo, i test vengono eseguiti su:

  • la sifilide;
  • HIV;
  • l'epatite;
  • ECG;
  • radiografia del torace;
  • Ultrasuoni del sistema urinario;
  • PSA (esame del sangue);
  • determinazione del gruppo sanguigno e del fattore Rh nel caso in cui non ci siano tali dati.

Immediatamente prima della manipolazione, un incontro avviene con il terapeuta, così come con l'anestesista, che determina il tipo di anestesia che è ammissibile per questo caso particolare.

Adenoma prostatico: alla vigilia dell'intervento - una sera prima dell'intervento

L'ultima sera prima dell'intervento, il paziente non è raccomandato di mangiare pasti pesanti, inoltre, al paziente viene prescritto un clistere profilattico per pulire l'intestino. Dopo queste manipolazioni, l'uomo si rade i capelli crescendo sul pube e sotto, indipendentemente o con l'aiuto dello staff medico.

Con l'inizio di 12 notti, tutti i pazienti che si stanno preparando per qualsiasi tipo di intervento chirurgico del tipo indicato sono vietati a prendere qualsiasi liquido, anche acqua. Immediatamente prima dell'operazione, vengono somministrati speciali antibiotici all'uomo.

Periodo postoperatorio
  1. Qualsiasi tipo di intervento chirurgico, anche minimamente invasivo, e il periodo postoperatorio, così come la complessità e la durata dell'operazione, dipendono non solo dalla gravità della condizione patologica iniziale e dal tipo di intervento, ma anche dall'età, dallo stato di immunità umana e da altre sfumature.
  2. Una delle procedure postoperatorie non molto piacevoli assomiglia a vampate di calore, con il flusso continuo della vescica con furacilina. Questa procedura può durare da alcune ore a diversi giorni.
  3. L'adenoma della prostata implica il divieto di assumere qualsiasi liquido per almeno sette ore prima della procedura stessa, e circa un'ora e mezza immediatamente dopo l'operazione. Ma in futuro, al fine di ridurre al minimo gli effetti negativi, un uomo dovrebbe bere più di tre litri di liquidi al giorno.
  4. In questo caso, non è necessario essere limitato solo all'acqua minerale, e succhi, tè e bevande alla frutta sono abbastanza adatti. Forse, le bevande alla frutta saranno ancora più salutari dell'acqua ordinaria, perché oltre alla funzione principale - il lavaggio della vescica, tali bevande saturano il corpo con vitamine e sostanze nutritive.

NECESSARIO SAPERE!

Durante il periodo di riabilitazione, non dovresti essere portato via con bevande contenenti un'alta concentrazione di zuccheri. Preferire i succhi di frutta naturali appena spremuti, il tè verde debole e l'acqua minerale naturale con concentrazioni medie e basse di minerali e sali.

Rimozione del catetere

L'adenoma della prostata (chirurgia) non è completo senza il periodo postoperatorio, in particolare - senza l'implementazione del drenaggio e l'installazione del catetere. La rimozione del catetere dipende dal successo e dalla gravità della manipolazione, dallo stato generale della salute umana e dal tipo di manipolazione eseguita.

Ad esempio, dopo ROUND il catetere viene rimosso almeno tra uno e mezzo e due giorni, e massimo - girare quattro. In caso di installazione, il tubo di drenaggio viene rimosso dopo circa due settimane e mezzo.

Riabilitazione dopo l'intervento chirurgico

Qualsiasi tipo di intervento chirurgico per rimuovere BPH implica un recupero completo e assoluto da pochi giorni a poche settimane. In ogni caso, dopo la rimozione del catetere, la normale minzione non viene immediatamente ripristinata. Ancora qualche settimana c'è il problema della presenza di coaguli di sangue nelle urine e un cambiamento nel suo colore.

NOTA!

Il pieno recupero della salute avviene tra uno e mezzo e due mesi. Allo stesso tempo, una volta rimosso il catetere, nell'urina maschile sono presenti coaguli o elementi del sangue.

Se l'escrezione di sangue con l'urina nel periodo postoperatorio cambia dal formato dei frammenti e dalla presenza parziale al formato di sanguinamento, anche senza sintomi di dolore o con sintomi di dolore lieve, si dovrebbe immediatamente e immediatamente cercare aiuto.

Cosa non si può fare dopo l'intervento chirurgico
  • dopo l'intervento, l'assunzione di bevande alcoliche è inaccettabile, specialmente se è stata prescritta una terapia antibiotica;
  • Il ritorno all'attività sessuale in assenza di ulteriori raccomandazioni avviene in un periodo compreso tra un mese e un mese e mezzo. La chirurgia adenomatosa della prostata non è un motivo per rifiutare il sesso.

ATTENZIONE!

Se un uomo dopo l'operazione prevede di avere figli, allora questo problema dovrebbe essere discusso prima della manipolazione, dal momento che gli effetti collaterali potrebbero includere l'assenza di eiaculazione. Cioè, dopo l'inizio dell'orgasmo, lo sperma cadrà nella vescica, il che renderà il concepimento impossibile.

Possibili effetti dell'operazione di rimozione della prostata

In casi estremamente rari, quando ci si riferisce a specialisti non professionisti dopo l'intervento chirurgico, sono possibili le seguenti complicanze:

  • sanguinamento;
  • danno alla vescica;
  • infezione;
  • aumentare la recidiva;
  • eiaculazione retrograda (descritta sopra).
Costo del funzionamento in Russia, Ucraina, Bielorussia

Adenoma della prostata (vale a dire, il prezzo dell'operazione per rimuoverlo) in tutte le città centrali della Russia costa circa 150 mila rubli. Il costo può variare in base al tipo di manipolazione, ai prezzi per i test e al costo della consulenza medica.

  • TOUR in Russia costerà circa 50 mila rubli, prostatectomia addominale - da 55. La chirurgia laser è 10.000 in meno.

Per quanto riguarda il prezzo dell'operazione per rimuovere la prostata in Ucraina, in particolare a Kiev e Kharkov,

  • chirurgia laser avrà un costo di almeno 74 744 grivna.
  • TOUR: circa da 15 mila hryvnias.
  • laser di vaporizzazione: circa 30 mila grivna.
  • prostatectomia: da circa 27mila in su.

Il costo per rimuovere l'adenoma prostatico a Minsk sarà:

  • Una prostatectomia laparoscopica costa circa 40.587.710 rubli bielorussi.
  • TOUR di circa 13.529.236 rubli (bielorusso).
  • Prostatectomia radicale di circa 14.882.160 rubli (bielorusso).
  • Vaporizzazione laser di circa 10.823.389 rubli (bielorusso).

Tipi di operazioni per rimuovere l'adenoma prostatico, i loro pro e contro

L'adenoma della prostata è una crescita benigna che consiste nella parte stromale della ghiandola e nell'epitelio ricoperto di vegetazione. Man mano che l'IPB cresce, il tumore inizia a esercitare pressione sull'uretra, a seguito della quale la minzione è disturbata. Per determinare la sua presenza aiuta a determinare il livello di antigene PSA. Nella fase iniziale di sviluppo dell'adenoma, il trattamento è prevalentemente medico. Tuttavia, se la terapia farmacologica non ha dato il risultato desiderato, l'unica opzione è la chirurgia per rimuovere l'adenoma prostatico. Oggi esistono metodi minimamente invasivi di intervento chirurgico, che consentono all'uomo di tornare alla vita normale.

Quando viene prescritta un'operazione?

Il tipo di intervento chirurgico e il metodo della sua attuazione sono determinati individualmente per ciascun paziente. Di solito il medico presta attenzione ai sintomi dell'adenoma prostatico e al suo grado di sviluppo. Il trattamento chirurgico è indicato nel caso di:

  1. Il tumore è molto grande e schiaccia l'uretra così tanto che il paziente non può urinare da solo.
  2. Un uomo è tormentato dalla troppo frequente voglia di urinare.
  3. Il paziente ha avuto ematuria.
  4. Processi infettivi nel sistema urogenitale maschile vengono regolarmente diagnosticati.

Uno dei motivi per l'intervento chirurgico sono i calcoli alla vescica.

  1. Incontinenza urinaria
  2. La presenza di pietre nella vescica.
  3. Il trattamento farmacologico è stato inefficace.
  4. La presenza di dolore severo che non può essere eliminato con i farmaci.
  5. La progressione dell'iperplasia.

La rimozione chirurgica dell'adenoma prostatico non viene eseguita nei pazienti anziani, poiché tale intervento è associato a un rischio per la vita di un uomo.

I pazienti spesso hanno una domanda: è necessario eseguire un'operazione con adenoma della prostata di grado 2? Durante la diagnosi della malattia in questa fase, il trattamento viene effettuato in modo medico. Le indicazioni che i medici prestano attenzione quando prescrivono un trattamento chirurgico sono i seguenti sintomi:

  • Minzione difficile
  • Congestioni nella vescica, che provocano il verificarsi di depositi.
  • Rilevazione di sangue nelle urine.

Sui sintomi dell'adenoma prostatico dirà all'urologo-andrologo Alexey Zhivov:

  • La comparsa di intossicazione.
  • Diagnosi di insufficienza renale.
  • Processi infiammatori o infettivi nel corpo.

formazione

Durante la preparazione del paziente per la chirurgia, è necessario:

  1. Verificare con un anestesista che può determinare il tipo appropriato di anestesia.
  2. Completare un esame completo del corpo, che aiuterà a identificare la presenza di possibili controindicazioni alla rimozione chirurgica dell'adenoma.
  3. Verificare con il proprio medico se ci sono malattie croniche.
  1. Donare il sangue per l'analisi biochimica e la determinazione della coagulabilità.
  2. Durante la preparazione, al paziente possono essere prescritti antibiotici, che eviteranno il processo di infezione.
  3. Il giorno dell'intervento, è vietato mangiare.

Modi per

L'adenomectomia trans-vescicolare tradizionale viene eseguita con il metodo addominale. L'incisione, attraverso la quale vengono eseguite tutte le manipolazioni necessarie, viene eseguita nell'addome inferiore. La rimozione dell'adenoma prostatico in questo modo può causare varie complicanze e ha molte controindicazioni.

Ci sono altre opzioni per la rimozione di adenoma, ognuna delle quali ha le sue caratteristiche:

  • Resezione transuretrale e incisione.
  • Enucleazione.

Resezione transuretrale dell'adenoma prostatico

  • Posizionamento di adenoma mediante laser.
  • Rimozione laparoscopica.
  • Embolizzazione delle arterie.

La scelta del metodo di rimozione di adenoma può essere effettuata dal medico curante. Dipende da molti fattori, incluso il grado di sviluppo del neoplasma e le complicanze esistenti.

adenomectomia

Non molto tempo fa era l'unico modo per rimuovere l'adenoma. Oggi, il medico può prescriverlo solo nel caso in cui altri metodi operativi siano inaccettabili. Indicazioni per tale operazione:

  1. Aumento significativo della dimensione della prostata (più di 80 mm).
  2. Durante l'esame del paziente, sono state identificate varie complicanze:
  • Pietre nella vescica
  • Richiede la rimozione del diverticolo nella vescica.

Resezione transuretrale

Questa tecnica oggi è la più comune. La durata stimata dell'operazione non supera 1 ora. Un'indicazione per la sua attuazione è la dimensione della prostata, non superiore a 80 ml di volume.

L'operazione viene eseguita mediante metodo endoscopico. Sul luogo della manipolazione, lo strumento viene consegnato attraverso l'uretere. La diatermocoagulazione viene utilizzata per rimuovere i tessuti.

Il capo della direzione chirurgica della Clinica Garvis, Robert Molchanov, parlerà del funzionamento della Prostata TURP:

C'è un metodo simile di chirurgia, che si chiama incisione transuretrale. La sua differenza è che il tessuto non è resecato, ma una piccola incisione è fatta nella ghiandola prostatica nella zona in cui l'uretere è ristretto. Questa manipolazione consente di migliorare il processo di passaggio dell'urina attraverso l'uretra. L'indicazione per l'incisione è:

  • Le piccole dimensioni della prostata.
  • La probabilità di sviluppo di un processo oncological è completamente esclusa.

Un catetere viene immediatamente inserito nell'uretra, che viene rimosso 5-7 giorni dopo l'intervento. Questo viene fatto per rimuovere il tessuto adenoma patologico residuo.

La conseguenza dopo la rimozione dell'adenoma attraverso l'uretra è il disagio nell'area della manipolazione. Dopo 7-10 giorni tutto il disagio dovrebbe scomparire. Se ciò non accade, vale la pena consultare un medico.

enucleazione

Questa tecnica viene spesso utilizzata al posto della chirurgia aperta e dell'intervento attraverso l'uretra. Durante l'enucleazione, i tessuti dell'adenoma sono "sbriciolati" come se fossero sotto l'influenza di un laser. I vantaggi della rimozione dell'adenoma prostatico includono:

  1. La possibilità di uno studio successivo del tessuto prostatico rimosso per un processo maligno.
  2. Rimozione di adenomi di grandi dimensioni (oltre 200 g).
  3. Un breve periodo di riabilitazione.
  4. La possibilità di condurre per pazienti con varie patologie:
  • In presenza di protesi metalliche nello scheletro.
  • La presenza di un pacemaker.
  • Disturbo della coagulazione del sangue

Chirurgia per enucleazione laser

Le controindicazioni alla chirurgia sono:

  1. Patologia della vescica.
  2. Processi infiammatori nel corpo.
  3. Grave condizione del paziente.
  4. L'incapacità di introdurre lo strumento attraverso l'uretere.

Embolizzazione dell'arteria

L'operazione richiederà attrezzature per l'angiografia. Nel corso dell'intervento, i vasi che alimentano la prostata vengono bloccati. Le controindicazioni all'embolizzazione includono:

  • La presenza nelle vene degli arti inferiori dei coaguli di sangue galleggianti.
  • Diagnosi di malattia vascolare

Il video seguente descrive il metodo di embolizzazione delle arterie prostatiche:

Indicazioni per la rimozione di adenoma con il metodo di embolizzazione includono:

  1. Interruzione della coagulazione del sangue
  2. Diabete severo
  3. Malattia renale

Vaporizzazione laser

Questa è una tecnica moderna per la rimozione di adenoma prostatico, che consente di evitare molte complicazioni. Può essere eseguito in pazienti con problemi di coagulazione del sangue.

Uno strumento per rimuovere l'adenoma viene inserito attraverso l'uretere. Durante la procedura utilizzando un laser, i tessuti patologici evaporano. Tuttavia, i vasi interessati sono sigillati, il che consente di eliminare il sanguinamento.

Il chirurgo controlla il processo dell'operazione su un monitor speciale. Si consiglia di utilizzare un laser nel caso in cui la dimensione dell'adenoma è nell'intervallo di 60-80 cmᶾ. Se le sue dimensioni superano i 100 cmᶾ, la vaporizzazione laser viene combinata con la resezione transuretrale.

La rimozione dell'adenoma prostatico mediante laser presenta i seguenti vantaggi:

  1. Alta efficienza del trattamento.
  2. Nessun ferito grave.
  3. La capacità di evitare complicazioni (sanguinamento, violazione della vita sessuale dopo la rimozione di adenoma, ecc.).

Vaporizzazione laser dell'adenoma prostatico

  1. L'operazione può essere eseguita su base ambulatoriale.
  2. Breve periodo di riabilitazione
  3. La capacità di condurre pazienti con disturbi emorragici.

Tuttavia, il metodo ha lati negativi:

  • La rimozione dell'adenoma della prostata richiederà più tempo rispetto alla rimozione endoscopica.
  • Non tutte le cliniche dispongono dell'attrezzatura necessaria per l'operazione.

Rimozione laparoscopica

Questo metodo di rimozione dell'adenoma è considerato non solo minimamente invasivo, ma anche efficace. Per introdurre gli strumenti necessari, vengono fatti diversi piccoli tagli. Nel corso dell'operazione, il chirurgo monitora sul monitor.

Un coltello ad ultrasuoni viene utilizzato per rimuovere il tumore. Dopo l'operazione, un catetere viene inserito nell'uretere, che viene rimosso dopo 6 giorni.

Rimozione laparoscopica dell'adenoma prostatico

I vantaggi di questo metodo includono:

  1. Trauma minimo
  2. Alta efficienza.
  3. Minor perdita di sangue.
  4. La possibilità di tenere in caso di rilevamento di adenomi di grandi dimensioni.

complicazioni

La chirurgia per rimuovere l'adenoma prostatico è talvolta accompagnata da complicazioni, tra le quali il più delle volte si presentano:

  • Sanguinamento dai tessuti che sono danneggiati durante la rimozione dell'adenoma.
  • Quando si esegue la manipolazione, la vescica viene lavata con un liquido che è in grado di entrare nel flusso sanguigno.

La probabilità di complicanze dipende dalla durata dell'operazione. Il tempo richiesto per la sua implementazione dipende direttamente dalla dimensione della prostata.

Quali possono essere le complicazioni dopo la resezione transuretrale della prostata? Guarda il video qui sotto:

Dopo l'intervento, il paziente può manifestare le seguenti complicazioni:

  1. Il verificarsi di incontinenza urinaria.
  2. Formazione di cicatrici nell'uretra.
  3. Violazione della funzione sessuale, fino allo sviluppo di impotenza.

Secondo le statistiche, circa il 2% dopo una rimozione chirurgica dell'adenoma, quindi andare dal medico a causa delle complicazioni. Circa il 5% necessita di una nuova operazione.

Inoltre, le possibili conseguenze della chirurgia per rimuovere l'adenoma prostatico:

  • La comparsa di fistola urinaria.
  • Macchie urinarie.
  • Infezione nella ferita.
  • Alterata funzione sessuale Dopo un'operazione aperta o transuretrale, si verifica spesso un "orgasmo secco", in cui non si verifica la secrezione di sperma.

Effetto sulla potenza

Intorno alla ghiandola prostatica è una capsula con terminazioni nervose ad essa collegate, che influiscono sull'erezione. Se durante la rimozione di adenoma, queste terminazioni nervose sono state danneggiate, allora l'uomo può avere un peggioramento della potenza, anche dell'impotenza.

La prognosi per il paziente dipenderà dalla procedura chirurgica. Le maggiori possibilità di preservare la potenza normale sono i pazienti sottoposti a operazioni mini-invasive che preservano l'integrità delle terminazioni nervose. La presenza di un tumore maligno (carcinoma), che si è diffuso alle terminazioni nervose, influisce anche sulla conservazione della funzione riproduttiva. A volte durante l'operazione, il chirurgo identifica tale formazione sul plesso nervoso. In questo caso, vengono completamente rimossi.

Il carcinoma della prostata (cancro) è un tumore maligno che si sviluppa nella ghiandola prostatica.

Riabilitazione postoperatoria

Nel periodo postoperatorio dopo la rimozione dell'adenoma prostatico, per un paziente, la cosa principale è seguire tutte le istruzioni del medico curante. Per questo è necessario:

  1. Sottoposto regolarmente ad ispezione
  2. Mangia una dieta bilanciata ed elimina completamente cibi fritti, speziati, salati e carni affumicate dalla dieta.
  3. Bevi molta acqua.
  1. Evita sforzi fisici o movimenti improvvisi.
  2. Al fine di prevenire lo sviluppo di un processo infettivo, al paziente può essere prescritto un ciclo di terapia antibatterica.
  3. Abbandonare i rapporti sessuali per 1,5-2 mesi.
  4. Conduci uno stile di vita sano e attivo. Ogni giorno cammina all'aria aperta.
  5. Esegui esercizi speciali che mostrano il medico.

Il costo dell'intervento dipende dal tipo di intervento.

Tabella 1. Prezzi dell'intervento chirurgico per la rimozione dell'adenoma prostatico

Recensioni dei pazienti

Dopo aver esaminato le recensioni di pazienti che devono affrontare l'intervento chirurgico per rimuovere l'adenoma, si può notare che sono tutti ben tollerati. Le conseguenze possono dipendere dal tipo di intervento chirurgico:

  • Dopo una adenomectomia trans-vescica, il periodo di riabilitazione è il più lungo. Esiste anche il rischio di varie complicanze (incontinenza urinaria, diminuzione della potenza, eiaculazione retrograda, ecc.).
  • La resezione transuretrale è accompagnata dalla possibilità delle stesse complicazioni della rimozione tradizionale dell'adenoma, tuttavia, il tempo richiesto per il recupero è leggermente più breve.
  • Dopo l'enucleazione, alcuni uomini riferiscono una compromissione della funzione sessuale. Nella fase iniziale ci possono essere problemi con la ritenzione di urina. A volte può causare sanguinamento o eiaculazione nella vescica.
  • Dopo la vaporizzazione del laser, di solito non ci sono conseguenze spiacevoli. Tuttavia, dopo la rimozione di adenoma, gli uomini mostrano un miglioramento non solo nella minzione, ma anche nella funzione erettile.
  • La laparoscopia ha una quantità minima di effetti negativi. Nella maggior parte dei casi, il processo di ritenzione urinaria è normalizzato entro i primi 6 mesi dalla rimozione dell'adenoma.
  • Rimuovendo un tumore mediante embolizzazione, i pazienti non hanno rivelato alcuna conseguenza negativa. Gli uomini notano che la minzione ritorna rapidamente alla normalità.

L'operazione, durante la quale viene rimosso l'adenoma prostatico, spesso diventa l'unico modo per sbarazzarsi della patologia. Ci sono diverse opzioni per la sua implementazione. Solo il medico può scegliere il meglio di loro.